Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/USA-3: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Nessun oggetto della modifica
 
==Carri USA==
Lo sviluppo dei carri americani dalla fine della Seconda guerra mondiale ha avuto varie fasi, spesso di sviluppo innovatore (anche troppo, come nel caso dell' MBT-70), ma più frequentemente con uno sviluppo graduale dei progetti per rimediare a difetti e limiti via via rivelatisi. L'unica eccezione, con un vero salto generazionale, è stata quella dell'M1 Abrams, che pure inizialmente riteneva il cannone M68 da 105 mm del precedente M60, ma era diverso e quasi sempre migliore per tutto il resto, sia pure con un costo non indifferente in prezzo d'acquisto e di mantenimento. I carri americani vennero utilizzati in battaglia in numerosi fronti, dal Vietnam al Golfo, e attualmente sono impegnati prevalenemtemente con una funzione di mezzi di controllo del territorio, essendo i movimenti di guerriglia privi di grandi componenti motorizzate e corazzate come quelle per cui i carri americani sono stati costruiti. La futura generazione di carri armati USA non è ancora definita: non si sa bene se e come verrà rimpiazzato l'M1, a parte i programmi d'aggiornamento che lo hanno reso un mezzo 'network-centrico' capace di comunicare e condividere dati e informazioni con altri utenti. D'altro canto, questo è il senso dell'evoluzione dei mezzi militari di ogni sorta che attualmente vengono schierati o sperimentati, dal fante 'digitalizzato' al bombardiere stealth da un miliardo di dollari.
----
 
 
In sostanza, l'M1 è un mezzo di successo, ma non è mai stato chiarito se vi fosse realmente una superiorità sui mezzi come il Leopard 2, forse meno corazzato e con solo la metà delle munizioni in torretta (con relativo comparto corazzato e pannello di sfogo sopra il tetto, come nell'Abrams), con un motore di pari potenza ma molto ingombrante, ma anche con periscopio panoramico per il capocarro, cannone da 120 -sia pure senza munizioni DU- e un turbodiesel che seppure meno compatto con minor consumo, tanto da rendere possibile con 1400 l percorrere 550 km. Di fatto, i motori a turbina sono più compatti ma richiedono più carburante rimangiandosi così il vantaggio nominale, per poter ottenere sufficiente autonomia, e sono meno efficienti a bassa velocità per cui oltre a non consentire una sufficiente reale 'compattazione' del carro portano anche a consumi maggiori e manutenzione specializzata di tipo aeronautico. Di fatto, non hanno ottenuto emuli in Occidente.
 
 
==Mezzi per la fanteria==
6 953

contributi

Menu di navigazione