Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Germania Ovest-2"

Jump to navigation Jump to search
m
 
Altri aggiornamenti -non relativi direttamente agli aerei- visti dopo il 1984: l'introduzione massiccia di missili Roland 2 per la difesa delle basi (96 sistemi) a integrazione dei cannoni da 20 mm. I MIM-104 Patriot, i nuovi missili a lungo raggio, utilizzati al posto dei Nike con un primo ordine per 14 batterie e 776 missili. In totale era previsto -al 1990, quando la prima batteria era da poco entrata in servizio-, di ricevere ben 36 batterie missilistiche, con altre 22 (1508 missili) 'in prestito' dall'US. Army (delle quali dopo 10 anni era previsto che 14 passassero definitivamente alla Germania). Altri aggiornamenti erano dedicati ai missili HAWK, aggiornati allo standard PIP II con sistema optronico alternativo e migliorie nell'elettronica di scoperta. I missili Pershing IA, invece, non hanno avuto i previsti successori 1B o II e sono stati radiati a seguito degli accordi USA-URSS sui missili tattici con oltre 500 km di raggio.
 
 
 
===Phantom tedeschi<ref>Sito di Joe Baugher relativo all'F-4F</ref><ref>Bonsignore, Ezio: ''Un caccia ad interim per la Germania?'' RID 1994</ref><ref>Speciale ''Fantasmi Crociati'', JP-4, marzo 1991</ref>===
[[File:Phantom F-4 3716.ogg|350px|right|thumb|]]
In tutto, la Germania ottenne un totale di 175 F-4F, 10 F-4E e 88 RF-4E. Nonostante la sua esperienza operativa era stata riavviata da appena 16 anni, nel '71 la Luftwaffe aveva già ordinato i jet F-86 e F-104, quest'ultima una fase molto criticata data una certa impreparazione a gestire una tale macchina così critica nel pilotaggio. In ogni caso con 5 stormi con gli F-104G e 4 con i G-91R-3, agli inizi degli anni '70 la LW era una delle forze aeree più potenti dell'Europa. Per potenziare la sua capacità operativa, venne ordinato il Phantom, ma con un programma decisamente originale. Dapprima venne richiesto il Phantom II nella versione 'recce'. Forse perché in tale contesto l'F-104 era decisamente mediocre, almeno fino a che non ebbe il pesante pod Orpheus sotto la fusoliera. Così nel 1968 venne firmato un contratto per ben 88 Phantom da ricognizione. Si stava infatti rendendo disponibile la versione da ricognizione su base E, quindi con una fusoliera più lunga e con 7 serbatoi interni anziché 6, con un set di sensori simile a quello dei tipi RF-4C. I lavoro videro il coinvolgimento della MBB per alcune parti da produrre e poi assemblare. Il primo aereo, in ogni caso, volò dagli USA per la Spagna e da lì giunse in Germania. Non causalmente, era noto come 'Spirit of St. Louis'. Nel '72 si era arrivati a 8 RF-4, con l'AG 51 'Immelmann', poi seguirà l'G 52 di Leck. Con una struttura più avanzata e motori più potenti, il set da ricognizione degli aerei tipo RF-4C era migliorato in efficacia. C'erano 4 camere per coprire 180°, lanciatori di bengala per l'uso notturno e due sistemi propriamente notturni, l'IRRS infrarosso, e lo SLAR a latd della fusoliera. C'era anche la capacità di sviluppare a bordo le foto e scaricarle sul campo di interpretazione con delle cartucce speciali. Le missioni potevano essere essere volate grazie anche al radar APQ-99 multimodale. Tutti gli aerei vennero consegnati entro il maggio 1972. Gli RF-104G vennero convertiti in più utili F-104G d'attacco. L'importanza dell'ordine tedesco fu tale che su 160 aerei prodotti, oltre la metà degli RF-4E andarono alla Luftwaffe. Molti altri i clienti, ma in genere si sono accontentati di un solo squadrone e non certo di ben due stormi.
 
I Phantom vennero poi richiesti per un altro compito, quello di cacciabombardieri multiruolo. Dato che alla Germania non erano concessi aerei da caccia del tutto ognitempo, gli F-4F non avevano missili Sparrow ma solo Sidewinder e cannone, certamente poco per un caccia da 13-27 t. Erano alleggeriti, se non altro, rispetto ai tipici 'E' e più prestanti, anche perché non avevano i 900 kg di missili sotto la fusoliera e mancavano di uno dei serbatoi interni, mentre avevano tutti i 'combat slats'. In ogni caso, permaneva il radar di scoperta e il RIO, per una macchina senza più capacità ognitempo al contempo. Da notare che all'epoca c'erano anche altri tipi 'degradati' di caccia tattici: i MiG-23MS erano provvisti del sistema a corto raggio del MiG-21, mentre i Mirage F.1A avevano solo un sistema radar telemetrico, senza alcuna capacità ognitempo. Originariamente si era pensato alla versione monoposto del Phantom, proposta per il concorso TFX, ma questa venne annullata per ragioni di costi. Così piuttosto venne comprato il Phantom F sotto il contratto FMS 'Peace Rhine'.
 
==Marina, 1997<ref>Speciale RID giu 1997</ref>==
6 953

contributi

Menu di navigazione