Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Germania Ovest-2"

Jump to navigation Jump to search
 
I Phantom vennero poi richiesti per un altro compito, quello di cacciabombardieri multiruolo. Dato che alla Germania non erano concessi aerei da caccia del tutto ognitempo, gli F-4F non avevano missili Sparrow ma solo Sidewinder e cannone, certamente poco per un caccia da 13-27 t. Erano alleggeriti, se non altro, rispetto ai tipici 'E' e più prestanti, anche perché non avevano i 900 kg di missili sotto la fusoliera e mancavano di uno dei serbatoi interni, mentre avevano tutti i 'combat slats'. In ogni caso, permaneva il radar di scoperta e il RIO, per una macchina senza più capacità ognitempo al contempo. Da notare che all'epoca c'erano anche altri tipi 'degradati' di caccia tattici: i MiG-23MS erano provvisti del sistema a corto raggio del MiG-21, mentre i Mirage F.1A avevano solo un sistema radar telemetrico, senza alcuna capacità ognitempo. Originariamente si era pensato alla versione monoposto del Phantom, proposta per il concorso TFX, ma questa venne annullata per ragioni di costi. Così piuttosto venne comprato il Phantom F sotto il contratto FMS 'Peace Rhine'.
 
Il primo venne consegnato (era il 3701) volando il 18 marzo 1973. Inizialmente vennero mandati nella George AFB (erano i primi 8), per l'addestramento dei piloti. Poi vennero rimpiazzati, nel '76, da 10 F-4E appositamente comprati ma sempre rimasti negli USA.
 
I Phantom F (Friederich, come il Bf 109 dell'omonima versione) hanno prestato servizio con i vari JG 71 dal maggio '74, con il JG 74 dal settembre del '75, entrambi reparti da caccia. I due stormi di cacciabombardieri erano il JaboG 35 e 36 li ebbero dopo, erano quelli di Rheine-Hopsten e Pferdsfeld. Tutti i reparti erano, almeno da un certo punto, multiruolo, ma a seconda della priorità, c'erano il 60% e il 40% a seconda della vocazione primaria del reparto. Le armi divennero i missili AIM-9F, bombe Mk 82 normali e ritardate, e più tardi due singoli missili AGM-65 Maverick.
 
Gli equipaggi erano limitati a 150 m di quota minima in Europa, anche per questo volavano estesamente con i T-38 negli USA per un totale di 200 ore per i piloti e 85 per i navigatori. Sopratutto, dai primi anni '80 si cominciò ad usare estesamente il Canada con spiegamenti operativi a Goose Bay, dove si poteva volare anche a 60 m e a tutto gas, così come sul mare di Decimomannu dove c'era il sistema DACT per l'addestramento aria-aria. In tutto vennero forniti 165 F-4F con una componente importante prodotta dall'industria tedesca, uno dei quali rimase ad Eglin nella base sperimentale. Nel 1990 il totale delle perdite, non indifferente ma di gran lunga inferiore a quello degli F-104G (anche a parità di ore di volo) era di 21 'F' e 15 RF, dato che questi ultimi dovevano volare principalmente a volo radente (gli 'F' invece, erano anche caccia intercettori, con profili di volo meno rischiosi).
 
==Marina, 1997<ref>Speciale RID giu 1997</ref>==
6 953

contributi

Menu di navigazione