Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Colombia: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
{{Forze armate mondiali}}
 
La '''[[w:Colombia|Colombia]]''' è nota sopratutto per il suo ruolo di produttore di cocaina e per la guerriglia antigovernativa che è attiva da molti anni nella regione, nonché per la criminalità e la diseguaglianza sociale. Ma si tratta di un Paese più complesso di così. Anzitutto questa nazione esiste nella parte Nord-occidentale dell'America Latina, e le sue regioni costiere, pianeggianti e umide, sono serata dalla jungla tropicale orientale per via delle Ande, le cui propaggini settentrionali sono suddivise in tre 'cordigliere', note come le cordillas occidentale, orientale e centrale. Ad Oriente vi è la foresta amazzonica dei bacini dell'Orinoco de del Rio delle Amazzoni. Il clima è caldo e umido e la produzione agricola ingente, tra cui cereali, banane, cacao, canna da zucchero, caffé, cotone e riso. Nonché coca, come si è detto. Vi sono anche miniere, non così numerose a dire il vero, ma con una discreta produzione di Rame e smeraldi tra le altre cose. L'acqua è abbondante, e questo da solo è una ricchezza. Tuttavia un tale territorio rende anche difficile la lotta alla criminalità dei 'Cartelli' che producono cocaina, anche proveniente dall'estero. Inoltre lo Stato di per sé è piuttosto instabile politicamente, tranne che negli ultimi anni con Uribe, un politico peraltro tutt'altro che al di sopra di ogni critica, ma attivamente supportato da Washington.
 
La Colombia è nota sopratutto per il suo ruolo di produttore di cocaina e per la guerriglia antigovernativa che è attiva da molti anni nella regione, nonché per la criminalità e la diseguaglianza sociale. Ma si tratta di un Paese più complesso di così. Anzitutto questa nazione esiste nella parte Nord-occidentale dell'America Latina, e le sue regioni costiere, pianeggianti e umide, sono serata dalla jungla tropicale orientale per via delle Ande, le cui propaggini settentrionali sono suddivise in tre 'cordigliere', note come le cordillas occidentale, orientale e centrale. Ad Oriente vi è la foresta amazzonica dei bacini dell'Orinoco de del Rio delle Amazzoni. Il clima è caldo e umido e la produzione agricola ingente, tra cui cereali, banane, cacao, canna da zucchero, caffé, cotone e riso. Nonché coca, come si è detto. Vi sono anche miniere, non così numerose a dire il vero, ma con una discreta produzione di Rame e smeraldi tra le altre cose. L'acqua è abbondante, e questo da solo è una ricchezza. Tuttavia un tale territorio rende anche difficile la lotta alla criminalità dei 'Cartelli' che producono cocaina, anche proveniente dall'estero. Inoltre lo Stato di per sé è piuttosto instabile politicamente, tranne che negli ultimi anni con Uribe, un politico peraltro tutt'altro che al di sopra di ogni critica, ma attivamente supportato da Washington.
 
La Colombia è ben nota per i gravissimi problemi, condivisi anche da altre nazioni della regione, relativi alla criminalità, sopratutto alimentata dal commercio di droga, una risorsa 'naturale' facile da coltivare e buona per un guadagno enorme anche con piccoli carichi: pochi kg di cocaina pura possono valere milioni di dollari. A questo fiume di denaro che rende potentissime le mafie locali, si aggiunge un territorio difficile da controllare, e la lotta della FARC contro il governo centrale, dal canto suo non propriamente democratico e garantista. Insomma, una nazione ricca, ma difficile da controllare e pesantemente influenzata dal crimine organizzato e dalle ingiustizie e ineguaglianze sociali. Tutto questo influenza moltissimo anche le potenti F.A. locali, diventate praticamente delle unità antiguerriglia, spesso associate a gruppi paramilitari e unità speciali che non si interessano del rispetto dei diritti umani. Una classica lotta senza esclusione di colpi tra Stato, guerriglieri, narcos e oppositori politici, in un intreccio spesso inestricabile (vedi il caso di Ingrid Betancourt).
 
 
===Aviazione<ref>dati da wikipedia</ref>===
La Fuerza Aérea Colombiana (FAC, da non confondersi con FACh che è invece l'aviazione Cilena) ha 9.000 effettivi. Attualmente al comando del Gen Jorge Ballestreros Rodriguez, ha avuto un predecessore, come spesso accade, nella scuola di aviazione dell'eserecito, creata il 15 febbraio 1919. All'epoca l'America Latina era ovviamente impressionata dalla nuova arma aerea, così sviluppata durante la I GM e la gran parte delle nazioni dell'aerea volle emularla. Creata questa scuola a Flandes, dipartimento di Tolima, con il supporto francese (una missione diretta dal Col Rene Guichard), aveva 3 Caudron G.3 e altrettanto G.4, più 4 Nieuport 11. Chiusa per problemi economici già nel 1992, venne tuttavia aperta nuovamente l'8 novembre del 1924, stavolta a Madrid (dipartimento di Cundinamarca), stavolta con l'aiuto di una missione svizzera (cap. H.Pillichody), e dotata di 12 aerei Wild WT e X. Tuttavia il primo volo lo eseguirono solo il 7 agosto 1927; nel dicembre 1928 arrivarono dei Curtiss Falcon 0-1 americani, i primi aerei da combattimento.
 
Ovviamente il materiale più interessante è quello da combattimento, anche se non è detto che sia il più utile rispetto a quelli da trasporto e collegamento. La sorveglianza radar è stata basata sul sistema americano fornito con l'operazione 'Peace Panorama', che era operativo dall'agosto del '93.
 
Le unità di combattimento era il '''CACOM-1''' della bsse Aérea 'German Olano di Palanquero', con il '''Grupo 21''' che aveva due squadroni di Mirage 5 e IAI Kfir; il 212 aveva i M.5 supersistiti di 15 forniti nel 1972. Ne restavano 10 monoposto e 2 biposto (COA e COD), non è chiaro se c'erano ancora i 2 ricognitori M.5COR. In ogni caso erano stati comprati per sostituire gli oramai obsoleti F-86F e Sabre Mk.4 canadesi. Al 1997 9 dei Mirage avevano avuto modifiche tali da essere grossomodo al livello degli Kfir el 213 squadrone, anche se ritenevano ancora il motore Atar originale, molto meno potente. I Kfir, oramai surplus israeliano, vennero comprati nel 1988 e forniti entro l'agosto del 1989. Già nel 1981 c'era stato un ordine, ma venne cancellato. Erano aerei forniti in ragione di 12 monoposto C2 e 1 TC2, aggiornati però progressivamente allo standard C.7 dalla IAI, e dotati dei grossi missili Python 3. Infine c'era lo squadrone 215 con T-37B e C per l'addestramento avanzato, proveniente nel 1996 dal Grupo 41 di Barraquilla, a causa del traffico civile lì presente. Anche i T-37 erano usati come aerei da combattimento, svolgendo compiti COIN con la loro originaria unità CACOM-2, che è basata ad Apiay. Nella loro prima unità d'impiego erano con il Grupo 31; la loro presenza non è così antica, visto che i primi 8 T-37C vennero consegnati nel 1980, seguiti poi da 8 T-37B ex-USAF arrivati solo nel giugno 1992, oltre a 4 probabili (ma non più in condizioni di volo) da parte cilena. Al 1997 c'erano rimasti 4 T-37C e vari B.
 
V'erano a Palanquero anche 8 T-33 e 3 RT-33A. Infine c'era lo Escuadron aerotactico, per compiti COIN, munito di AC-47, che notare bene, sono basati non sul velivolo base a pistoni, ma sul modello a turbina (Baster Turbo 67). La FAC voleva ben 4 squadroni con questi aerei da usarsi nelle zone più a rischio. Questi AC-47 erano 4, i superstiti di 5 finanziati dagli USA (uno perso per incidente), e rimotorizzati dalla locale Basler nel 1992. Pare che un valivolo venne fornito a ciascuna di 4 diverse basi, ma la sede dello squadrone è Palanquero.
 
 
Il '''CACOM-2''', base aerea 'Luis F. Gomez Nino' di Arpiay, era nella regione di Los Llanos e comandava il Grupo 31. Questo aveva l'Esc. 311 COIN, che dal 1991 aveva ottenuto, in sostituzione dei T-37, vari OV-10 Bronco. Di questi 11 aerei nessuno era andato perduto nonostante qualche danno da armi leggere: a quanto pare le FARC non erano particolarmente agguerrite in termini di difesa antiaerea dato che gli OV-10 in Vietnam erano tutt'altro che invulnerabili. Nel '93 sono arrivati altri 3 aerei ex-USMC. Dato che però c'erano problemi di manutenzione, si pensava a sostituire i Bronco, per esempio usando i T-27 Tucano con pod di mitragliatrici, forniti dall'Esc 312. Due erano stati così modificati mentre gli altri 11 (un dodicesimo andò perso) erano invece usati per addestramento, come seconda fase dopo i Cessna T-41D. Da notare che l'esistenza dei Bronco, in America Latina, si è intrecciata con quella dei Pucarà argentini: infatti 3 vennero offerti e forniti nel 1989, ma a causa di problemi di manutenzione non erano più operativi già nel 1997, nonostante l'offerta di un programma di manutenzione congiunto avanzata dall'Uruguay, un altro cliente del tipo.
 
 
Il '''CACOM-3''' era sulla base più settentrionale, del Atlantico Barranquilla. Aveva il Grupo 41 che comandava sull' Esc de Combate 411 con gli A-37B per compiti non COIN, come ci si potrebbe aspettare, ma per intercettare i narcotrafficanti. Questi aerei erano arrivati sempre nel 1980 da parte dell'USAF, che cedette 10 A-37B e altri in seguito, di cui 8 OA-37B nel settembre dell'89, sempre in ambito del sostegno contro i 'narcos', che ovviamente, erano un problema indiretto anche per gli USA, destinatari di parte di tali 'prodotti'. Teoricamente nel 1997 ce n'erano 20, ma non più della metà erano operativi dati i problemi di parti di ricambio. Questi velivoli, con una velocità di oltre 700 kmh e una minigun da 7,62, erano piuttosto temibili e due o 3 erano perennemente sulla base di S.Andrés, vicino alla costa del Nicaragua.
 
Quanto agli elicotteri armati, il comando che li controlla è il COMANDO Aéreo de Apoyo Tactico, su due basi. Una è la Caat-1 (Base Aérea Luis F.Pinto di Melgar) con il Grupo 51 (addestramento, trasporto, attacco anche notturno), che ha vari elicotteri. L'addestramento si svolgeva con 75-80 ore o a Melgar o a Vesquez con i 12 piccoli Enstrom F.28F (comprati nel 1994 per rimpiazzare gli OH-13 e gli Hughes 269C). Poi c'erano gli UH-1H o i Bell 205, dell'Esc Elicotteri medi, oppure gli H-369 leggeri dell'Esc. 514.
I piloti validi passavano poi all'Escuadrilla Artillados 515 a Melgar, che avevano i Bell 212 e gli UH-1H, 24 disponibili e superstiti di quelli consegnati nel 1969, come successori dei 9 UH-1B già radiati. In tutto ne dovrebbero essere giunti ben 44 inclusi i tipi civili Bell 205A1 (di cui 6 ancora in servizio) e 13 Bell 212 (forse non rientranti nel totale di 44). UH-1 e Hughes 369 (Model 500)erano predisposti per i sistemi di visione notturna (NVG). I piccoli Hughes erano nele versioni corrispondenti ai Model 500 e 530, ovvero i 369D/M, tanto che potevano portare in alcuni casi anche missili TOW. In tutto c'erano state consegne per 25, già dal 1969, più altri 4 del tipo 530F arrivati nel 1989. Al 1997 ne sopravvivevano 13 più i 4 più recenti.
 
Il '''Caat-2''' era invece a Medellin, sull'aeroposto internazionale José Maria Cordova. La sua base è la B.A. Rio Negro, la parte militare dell'infrastruttura, inaugurata nel dicembre 1990. Essa aveva il Grupo 61 con l'Esc 611 (con 9 dei 10 UH-60A arrivati nel 1988 -l'altro andò distrutto per incidente- e 4 UH-60L del 1995). Prima questo Grupo era a Palanquero, poi a Melgar e infine a Medellin. Questi velivoli erano usati intensamente e sparsi un pò ovunque sulle basi della FAC. Ma l'Esercito aveva chiesto a sua volta 12 UH-60, negati dal Senato USA. Quindi ha optato per vari Mi-17.
 
Infine i trasporti erano legati al '''Catam''' militare e al Satena che è una compagnia aerea pubblica. Il primo (Comando Aéreo de Transporte Militar) era basato sull'El Dorado International Airport (Bogotà), per compiti vari. I mezzi più importanti sono 7 C-130B e 2 C-130H; ma data la vecchiaia, non tutti i B erano operativi. Di questi 1 era canadese e 6 americani, entrambi forniti sempre in quel fatidico 1969. A livello più leggero c'erano 2 C.212 Aviocar (del 1991) e due EMB-110P (ordinati nel 1992), più vari aerei come il Citation II, il Super King Air 350 e il Turbo Comander (per riprese aeree). Sempre parte del CATAM è l'Escuadron Presidencial, che aveva un F-28 del '71, un 707-373C (ex-Korean Air) trasformato dalla IAI in aerocisterna (nel 1991), e due Bell 412 (sulla BA Madrid).
 
Non è finita qui, perché v'erano anche parecchi aerei leggeri da collegamento, in genere confiscati ai contrabbandieri, sparsi a Bogotà e in vari comandi. Purtroppo non erano in genere forniti di documentazione tecnica che ne ne attestasse le condizioni e così la maggior parte non era in condizioni di volo per mancanza di manutenzione. Ce n'erano già a decine all'epoca.
 
Il o la '''SATENA''' è una compagnia aerea civile ma con personale della FAC: aveva un F-28, 2 727 (persino questi due grossi jet erano frutto di sequestro ai contrabbandieri!) e vari C.212, i soliti utilissimi aerei leggeri, comprati nel 1988; dal tardo 1996 c'erano anche 3 Do.328-120, il che ha consentito di radiare i due Hs.748 del '71.
 
NonMa erava finitaanche qui,ricordato perchéche esistevano anche gli aerei del Comando Aéreo del Sur (GASUR), BA Ernesto Esguerra, Tres Esquinas. Aveva un C-47 e due DHC-2 Beaver.
 
Infine l'addestramento, con l'Instituto Militar Aerotécnico, Bogotà per ufficiali dei servizi a terra, i sottufficiali specialisti erano invce alla Escuela de Suboficiales della BA Madrid. per gli aviatori era aperta l'Escuela Militar de Aviacion (EMAVI), BA Marco Fidel Suarez, di Cali.
Queste unità avevano un Grupo Vuelos a sua volta ripartito sull'Escuadron de Entrenamiento Primario con 11 T-41D (35 ore volate nel primo anno dagli allievi); poi l'Esc. En. Basico (9 Beech T-34A, altri 3 anni e 120 ore); infine ad Apiay sui Tucano o a Palanquero sui T-37B, o infine a Malgar per gli elicotteri. I vecchi Mentor erano in servizio fin dal 1954 ed erano in aggiornamento da parte della cilena ENAER. Esistevano anche 2-4 IAR 28 e 2 PT-17, alianti sportivi.
 
L'ultimo dei comandi era Il Comando Aereo de Mantenimiento ('''CAMAN'''), BA Madrid, ovvero a 19 km da Bogotà, dove i tecnici locali avevano anche l'appoggio della IAI per gli Kfir.
 
Per il futuro, la FAC non prevedeva se non altro tagli ulteriori di bilancio a quella che era una forza di appena 2 squadroni di caccia e un certo numero di mezzi di supporto, e gli USA di Clinton erano addirittura intenzionati a formare un reparto internazionale sud-americano dotato fino a 70 aerei ex-militari, tra cui E-2C, P-3B e C, e persino 24 A-10A Thunderbolt II.
 
 
===Situazione attuale<ref>dati da wikipedia</ref>===
[[File:EMB_314_2.jpg|300px|right|]]
L'organico dell'Aviazione Colombiana è suddiviso in 6 comandi principali, tutti con la denominazione di Comando Aéreo de Combate (CACOM):
 
*Esc. de Combate 221 Bronco (OV-10 Bronco)
 
'''CACOM-3''' , a Barranquilla, Atlántico:
 
Grupo de Combate 31:
'''Grupo de Vuelos Especiales 82''': Escuadrón de Transporte Especial 821
 
'''Comando Aéreo de Mantenimiento''' (CAMAN), a Madrid, Cundinamarca.
[[Image:CATAM.jpeg|35px]], a Madrid, Cundinamarca.
 
Grupo de Transporte Aéreo 91:
'''Instituto Militar Aeronáutico''' (IMA), a Bogota.
 
'''Servicio de Aeronavegación a Territorios Nacionales''' (SATENA).
 
 
'''Velivoli''':
[[File:Kfir_col_8.JPG|300px|right|]]
 
Combattimento/assalto:
*11 IAI Kfir C.7 e TC.7 (+13 in acquisizione)
*2 EMB E-Jets
*4 Let L-410
 
S/n:
001 per l'aereo presidenziale,
 
 
[[Image:Colombian National Army.png|thumb|center|700px750px|<center>StructureStruttura of the Colombian National Armydell'Esercito</center>]]
 
 
6 953

contributi

Menu di navigazione