Esperanto/Accusativo: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Vedendo un saluto in esperanto, si può adesso notare che è nel caso accusativo. Questo perché un saluto è spesso una frase in cui si esplicita solo la cosa augurata (o idealmente data), evitando soggetto e verbo:
 
* ''Bona'''n''' nokto'''n'''!'' = (Io auguro una) buona notte!
* ''Bona'''n''' tago'''n'''!'' = (Io auguro una) buona giornata!
 
Similmente per gli altri saluti, che adesso possono essere facilmente ricavati cercando le parole in un dizionario. Un poco meno intuitivo, è il ciao“ciao”, che si traduce come il mandare un saluto molto generale (e quindi informale, amichevole):
 
* ''Saluto'''n'''!'' = Ciao! - Letteralmente: (Io mando a te) un saluto!
Così via, ad esempio in un messaggio scritto:
* ''Kisoj'''n'''!'' = Baci!
o per ringraziare:
* ''Danko'''n''''' = grazie - Letteralmente: (Io do a te) un ringraziamento.
 
Similmente nelle altre frasi che in generale sottintendono soggetto e verbo:
* ''Kelnero, (mi deziras) la kalkulo'''n'''.'' = Cameriere, (desidero) il conto.
 
==Accusativo, libertà al prezzo di aggiungere una "n"==
16

contributi

Menu di navigazione