Elettrotecnica/Grandezze periodiche non sinusoidali: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Più semplice è, fortunatamente, la espressione analitica della potenza attiva, in quanto si ha:<br />
{{equazione|id=|eq=<math>\ P={1 \over T}\int_0^T ei\ dt=E_1I_1\ cos(\phi_1)+E_3I_3\ cos(\phi_3)+...</math>}}<br />
Se ne deduce l'importante conseguenza che, in circuiti nei quali resistenza induttiva e capacitiva siano costanti ogni armonica di corrente derivsataderiv dalla corrispondente armonica di tensione e compare a lato di questa a definire la poternza attiva: ciò che in sostanza significa che ogni armonica agisce sul circuito come se tutte le altre non esistessero.<br />
La poternza apparente mantiene la forma '''P<sub>a</sub>=E I''' ove '''E<sub>e</sub>''' ed '''I<sub>e</sub>''' rappresentano, come si è visto, i valori efficaci delle onde, non sinusoidali, di tensione e di corrente e il fattore di potenza può essere ancora espresso come rapporto tra potenza attiva e potenza apparente. La sua espressione analitica diviene una funzione molto complicata degli elementi del circuito.
 
{{Avanzamento|25%|10 giugno 2011}}
 

Menu di navigazione