Costigiola/Geranio selvatico: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Il '''[[w:Geranio sanguigno|Geranio sanguigno]]''' (''Geranium sanguineum'') è una pianta erbacea perenne, di origine caucasica, appartenente alla famiglia delle [[w:Geraniaceae |Geraniaceae]]. L'habitat tipico sono iil boschisottobosco di tipo ceduo, ma anchee i bordi boschividel inbosco generaleceduo e i luoghi erbosi aridi (,compresi i pendii rocciosi).; Ilil substratoterreno preferito eè quello calcareo-siliceo e terreno, con bassi valori nutrizionali e secco.
 
[[image:0 Geranium sanguineum 'Striatum'- Samoëns.JPG|thumb|left|0 Geranium sanguineum 'Striatum']]
== Come posso riconoscere questa pianta? ==
E' una pianta erbacea , perenne con gemme svernanti al livello del suolo. eLa protetteparte dallasotterranea lettieradel ofusto dallaconsiste neve, dotata diin un assegrosso fioralerizoma piùorizzontale obruno-rossastro menoda erettocui epartono conle poche foglie. In parte la pianta è ghiandolosa (sui peduncoli e sui sepali).radici;
nella parte aerea i fusti ben sviluppati hanno un andamento un po' sinuoso e portano molte foglie.
Radici[modifica | modifica sorgente]
Le radici sono secondarie da rizoma.
La forma delle foglie in generale è palmata con cinque lobi, cascuno dei quali suddiviso in tre grossi denti; a fine stagione tendono al rosso marrone.
Fusto[modifica | modifica sorgente]
Parte ipogea: la parte sotterranea consiste in un grosso rizoma orizzontale colo bruno-rossastro.
Parte epigea: nella parte aerea i fusti sono ascendenti (o prostrati) ad andamento un po' sinuoso e ben sviluppati; sono inoltre molto fogliosi (dicotomo-ramosi). La superficie è provvista di peli patenti (lunghezza dei peli 2 -3 mm). I nodi si presentano ingrossati. Sono presenti inoltre delle brattee triangolari (3 brattee di 3 - 4 mm).
Foglie[modifica | modifica sorgente]
 
Questo geranio ha un solo fiore per peduncolo (lungo 6–7 cm e a metà peduncolo sono presenti due brattee). Il fiore ha 5 sepali e 5 petali colorati di rosa carico o rosso porpora; nel centro del petalo sono presenti tre-cinque o più nervature longitudinali scure. La fioritura va da maggio a ottobre. L'impollinazione avviene mediante gli insetti.
 
Il frutto è una capsula composta da 5 acheni, ciascuno dei quali contiene un solo seme.
Le foglie
La forma delle foglie in generale è palmatosetta (a nervatura pure palmata) con cinque lobi (o segmenti); ogni segmento a sua volta è tripartito in tre grossi denti o lacinie. L'apice delle lacinie è acuto (angolo tra i 30° - 80°). La lamina delle foglie è larga quanto è lunga (contorno più o meno circolare) ed è tomentosa. Le foglie sono inoltre picciolate (1 – 2 cm); la superficie dei piccioli è pelosa. A fine stagione si arrossano alquanto.
Foglie basali: le foglie basali sono caduche; e sono mediamente più grandi di quelle caulinari: diametro delle foglie 2 – 4 cm; larghezza dei segmenti 3 – 4 mm; lunghezza delle lacinie 3 – 7 mm.
Foglie cauline: le foglie lungo il fusto sono a disposizione opposta e la forma è più semplice oltre ad essere più piccole e meno lobate.
Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]
 
 
Fiore
Località : "Giardino Botanico delle Alpi Orientali", Monte Faverghera (BL), 1500 m s.l.m. - 23/06/2007
Il “Geranio sanguigno” ha un solo fiore per peduncolo (infiorescenza uniflora). I peduncoli sono lunghi 6 – 7 cm. A metà peduncolo sono presenti due brattee.
Fiore[modifica | modifica sorgente]
 
 
Il fiore
I fiori sono ermafroditi, attinomorfi (con lieve tendenza al zigomorfismo: i petali superiori possono essere appena un po' diversi da quelli inferiori), proterandri (infatti gli stimmi maturano dopo le antere del verticillo più esterno), pentaciclici (a cinque verticilli: calice – corolla – androceo su 2 verticilli - gineceo), pentameri (calice e corolla a cinque elementi), dialisepali e dialipetali (sia i sepali che i petali sono liberi – non saldati tra di loro). Diametro del fiore : 25 – 40 mm.
Formula fiorale:
* K 5, C 5, A 5+5, G 5 (supero)
Calice: i sepali a lamina lanceolata sono cinque e disposti in modo semi-embricato (due sepali hanno entrambi i margini nascosti dagli altri sepali; altri due sepali sono completamente liberi; mentre il sepalo rimanente ha un margine ricoperto da un altro sepalo e un margine libero). L'apice è provvisto di un breve mucrone e sono inoltre pelosi. Dimensione di sepali: larghezza 3 mm; lunghezza 9 mm. Lunghezza del mucrone : 1 – 2 mm,
Corolla: i petali sono cinque colorati di rosa “carico” o rosso porpora; il contorno è obovato con apice retuso (quasi bilobato) ; nel centro del petalo sono presenti tre-cinque o più nervature longitudinali scure. I cinque petali sono disposti anch'essi in modo embricato ma più regolare dei sepali: ogni petalo ha un margine nascosto dal petalo precedente e l'altro margine sovrapposto al prossimo petalo. Le ghiandole nettarifere sono cinque e disposte in modo opposto ai sepali. I petali alla base sono cigliati. Dimensione dei petali: larghezza 13 mm; lunghezza 15 – 18 mm.
Androceo: gli stami sono dieci, saldati alla base, e tutti fertili disposti su due verticilli con la particolarità che il verticillo esterno matura prima di quello interno. Le antere hanno un colore giallo al centro con sfumature violette ai bordi. Lunghezza degli stami: 8 mm. Lunghezza delle antere: 2 mm.
Gineceo: l'ovario è supero a cinque lobi formato da cinque carpelli contenente ciascuno due ovuli dei quali uno solo fruttifero; gli stili (prolungamento dei carpelli/ovario) sono cinque con ognuno uno stimma di colore purpureo chiaro lungo 7 mm. Le codette dei carpelli sono concresciute e riunite in modo arcuato a cerchio (e non spiralato come in altri generi della stessa famiglia) a forma di becco. Queste in fase di maturazione si addensano maggiormente rispetto al tessuto adiacente (più precisamente per avvolgimento igroscopico dello stilo) per cui si crea una certa tensione che alla fine fa prorompere all'esterno il relativo carpello trasformato in mericarpo contenente un singolo seme, favorendo così la disseminazione di tipo “epizoocora” (quando i semi rimangono attaccati al corpo degli animali)[2][3][1].
Fioritura: da maggio a ottobre.
Impollinazione: impollinazione per entomogamia (a volte anche per autofecondazione anche se normalmente prevale la proterandria).
Frutti[modifica | modifica sorgente]
 
 
I frutti
Il frutto è una capsula (di tipo schizocarpo) composta da 5 acheni (o mericarpi). Ogni achenio contiene un solo seme (achenio monosperma). La parte inferiore del frutto è avvolta nel calice accrescente, mentre la parte superiore consiste in un becco allungato di 2 – 3 mm sormontato dallo stilo persistente. Il frutto è deiscente con elasticità per cui il seme viene proiettato lontano con il rispettivo carpello; eventuali animali poi hanno il compito inconscio di portarli lontano. Tutto il frutto è molto pubescente con peli patenti. Lunghezza del frutto : 3 – 4 cm.
 
== Come viene utilizzata? ==
;Principi attivi e utilizzi terapeutici
Utilizzi nel passato e al presente
Questa pianta, come altre dello stesso genere, contiene soprattutto tannini. E' stata usata per guarire le ferite, limitare la secrezione dei liquidi e rafforzare l'organismo in generale.
 
Principi attivi e utilizzi terapeutici
Sostanze presenti: questa pianta, come altre dello stesso genere, contiene soprattutto tannini.
Proprietà curative: occasionalmente può essere usata con intenti vulnerari (guarisce le ferite), astringenti (limita la secrezione dei liquidi) e tonici (rafforza l'organismo in generale).
 
== Dove la posso trovare a Costigiola? ==
Nella radura dell'altare.
 
Utilizzo, in particolare in cucina, inserito nelle stagioni
=== Inverno ===
=== Primavera ===
=== Estate ===
=== Autunno ===
 
== Riferimenti ==
674

contributi

Menu di navigazione