Probabilità/Introduzione: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
 
 
<!--La teoria assiomatica della probabilità, sebbene spaventi spesso i principianti, è l'approccio più generale alla probabilità, ed è stata utilizzata per risolvere alcuni dei più difficili problemi della probabilità. Partiamo da una serie di assiomi, che servono per definire un '''intervallo di probabilità'''. Sebbene questi assiomi potrebbero non essere immediatamente intuitivi, possiamo garantire che la chiave di lettura per comprendere a pieno questi assiomi rimane in buona parte la teoria della probabilità classica.
 
 
Poniamo S come l'insieme dei risultati di un esperimento casuale. La probabilità P è una funzione con dei valori il quale dominio poneè l'intervalloinsieme dipotenza S il quale intervallo [0,1] soddisfa i seguenti assiomi:
 
(i) Per ogni evento E, P (E) ≥ 0
 
(ii) P (S) = 1
 
(iii) Se E ed F sono reciprocamente esclusivi, allora P(E ∪ F) = P(E) + P(F).
 
seguito da (iii) per P(φ) = 0. Per provare questo, prendiamo F = φ e osserviamo che E e φ sono eventi disgiunti. Quindi, dall'assioma (iii), abbiamo
P (E ∪ φ) = P (E) + P (φ) or P(E) = P(E) + P (φ) i.e. P (φ) = 0.
Poniamo S come lo spazio campione che contiene i risultati ω1 , ω2 ,...,ωn , i.e.,
S = {ω1, ω2, ..., ωn}
 
Risulta dalla definizione assiomatica di probabilità che:
 
(i) 0 ≤ P (ωi) ≤ 1 per ogni ωi ∈ S
 
(ii) P (ω1) + P (ω2) + ... + P (ωn) = 1
 
(iii) Per ogni evento A, P(A) = Σ P(ωi ), ωi ∈ A.
 
 
 
 
 
<!--
Axiomatic probability theory, although it is often frightening to beginners, is the most general approach to probability, and has been employed in tackling some of the more difficult problems in probability. We start with a set of axioms, which serve to define a '''probability space'''. Although these axioms may not be immediately intuitive, be assured that the development is guided by the more familiar classical probability theory.
 
Utente anonimo

Menu di navigazione