Differenze tra le versioni di "Carmina (Catullo)/16"

Jump to navigation Jump to search
(creo stub)
 
Pedicabo ego vos et irrumabo,
Aureli pathice et cinaede Furi,
Qui me ex uersiculisversiculis meis putastis,
Quod sunt molliculi, parum pudicum.
Nam castum esse decet pium poetam
|trad=
<poem>
Ve lo metterò nel culo e in bocca,
 
Aurelio il frocio e Furio il pederasta,
Che dai miei versetti avete desunto,
Per il fatto che sono languiducci, che io sia poco casto.
La verità è che occorre sia casto il pio poeta
Personalmente, ma non è necessario per niente che lo siano i versetti,
Che allora, in definitiva, hanno arguzia e grazia,
Seppur siano languidetti e poco casti,
E possano stimolare i pruriti,
Non dico ai ragazzini, ma a questi villosi
Che non ce la fanno a muovere i lombi anchilosati.
Voi, per il solo fatto che avete letto
Di molte migliaia di baci, avete reputato che io non sia maschio come si deve?
Ve lo metterò in culo e in bocca.
</poem>
|fonte=Fonte: [[s:la:Carmina_(Catullus)/16|&rarr; Wikisource]]
98

contributi

Menu di navigazione