Ceramica a Pisa/Contatti con ceramiche di importazione: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
[[File:Chiesa di Santa Cecilia (Pisa) - Campanile decorato con bacini ceramici - 1.jpg|thumb|Campanile di Santa Cecilia.]]
 
Sul fianco sud correvacorre una fila di “bacini” alla stessa altezza di quelli posti alla base del campanile, qualche altro eraè collocato più in basso sopra le porte e sulla lesena terminale. Il fianco opposto era ornato analogamente ma ad oggi rimangono solo tracce della posizione originale dei “bacini”recipinti ceramici.
La collocazione di questi ultimi sulle murature esterne potrebbe risalire al 1256, anno in cui è stato forse completato l’edificio<ref>Berti - Renzi Rizzo 1997, pp. 44-45; Berti - Tongiorgi 1981a, p. 109.</ref>.
Alcune ceramiche, oltre a essere murate, erano ancorate alla parete con un legamento in rafia<ref>Tracce di corda sono state trovate intorno al piede di un esemplare in lustro metallico andaluso.</ref>.
 
==== Il campanile ====
Il corpo del campanile è abbellito da lesene angolari che salgono dalla base in pietra del livello inferiore della chiesa. Per dare un senso di continuità sono stati inseriti sul corpo del campanile dei bacini alla stessa altezza di quelli presenti a contorno della bifora posta sopra la porta principale<ref>Berti - Renzi Rizzo 1997, pp. 44-45; Cristiani Testi 1986, p. 58; Testi Cristiani 1987, p. 109; Paliaga - Renzoni 1991, p. 34. La datazione suggerita da Fabio Redi rimanda al 1286, quando, secondo lo studioso, avvenne la posa delle ceramiche e il completamento della parte finale del campanile. Rimane comunque un termine non sicuro in quanto tale ipotesi contrasta con alcune evidenze archeologiche riguardanti i "bacini ceramici" collocati su di esso. Vedi: Redi 1991, p. 308/n. 129.</ref>.
 
=== La chiesa di San Francesco ===
438

contributi

Menu di navigazione