Differenze tra le versioni di "Storia della filosofia/Aristotele"

Jump to navigation Jump to search
→‎Ontologia e metafisica: completato il riferimento alla citazione di Aristotele
m (Bot: Correggo errori comuni (tramite La lista degli errori comuni V 1.1))
(→‎Ontologia e metafisica: completato il riferimento alla citazione di Aristotele)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
 
=== Ontologia e metafisica ===
L'ontologia, in quanto metafisica (secondo la terminologia introdotta da Andronico di Rodi), è la "filosofia prima" aristotelica, che ha come suo primario oggetto di indagine l'essere ''in quanto tale'', e solo in via subordinata l'''ente'' (dal greco ὄντος, genitivo di ὤν, ''essente''). ''"In quanto tale"'' significa a prescindere dai suoi aspetti accidentali, e quindi in maniera scientifica. Solo di ciò che permane come sostrato fisso e immutabile, infatti, si può avere una conoscenza sempre valida e universale, a differenza degli ''enti'' soggetti a generazione e corruzione, ragion per cui «del particolare non si dà scienza».<ref>Aristotele, ''Opere'', ''Opere'', ''Metafisica'' Z 15, 1039b28, Laterza, Bari 1973, ppag. 323225.</ref>
 
Per conoscere gli enti occorrerà dunque fare sempre riferimento all'Essere; Aristotele intende per ''ente'' tutto ciò che esiste, nel senso che deve ad altro la propria sussistenza,<ref>"Esistere" va qui inteso nel senso etimologico, che sarà evidenziato tra gli altri da Heidegger, di «essere da» (da ''ex-sistentia''), a differenza della sostanza che invece «è in sé e non in qualcos'altro» (Aristotele, ''Metafisica'', 1046a, 26).</ref> a differenza dell'Essere che invece ''è'' in sé e per sé: mentre l'Essere è uno, gli enti non sono tutti uguali. Per il filosofo essi hanno vari significati: l'ente è un "''pòllachos legòmenon''" (dal greco πόλλακος λεγόμενον), ossia si può «dire in molti modi». Ente sarà ad esempio un uomo, così come il suo colore della pelle.
82

contributi

Menu di navigazione