Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/USA-2: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Bot: corregge errori ortografici comuni
(Corretto: "aerofreni")
m (Bot: corregge errori ortografici comuni)
Tuttavia, il primo aereo decollò solo il 16 agosto 1948 battendo la concorrenza di uno degli ultimi progetti dell'agonizzante Curtiss e l'F-89A entrò in servizio nel 1950. Il colore nero venne sostituito dall'argento: questo significò il passaggio dal ruolo di caccia notturno a quello di intercettore ognitempo.
 
Interamente metallico, ad ala dritta in posizione media, lo Scorpion era un bireattore biposto. I piani di coda a T, assieme ai pod alari, gli fecero guadagnare il suo nome. Era una macchina molto pesante e robusta con un'ala dotata di alettoni-aerofreni, chiamati decelerons, caratteristici dei Northrop. I motori erano 2 J-35 assiali, capaci di circa 3.200 kg/s, accoppiati nella parte posteriore della fusoliera. In avanti vi era l'abitacolo, con pilota e radarista in tandem, serviti da un impianto di climatizzazione e protetti da un parabrezza blindato. In termini d'armamento, questo differiva da versione a versione: esistevano 2 punti d'attacco alari che consentivano di trasportare 6 razzi da 70mm70 mm, oppure 8 aria-terra da 127, oppure una bomba da 726 kg o infine un serbatoio.
 
Alle estremità alari esistevano 2 pod che potevano servire come serbatoi ausiliari, lanciarazzi o lanciamissili-lanciarazzi; altri missili erano alloggiati sotto le ali, al posto dei carichi altrimenti portabili. Inizialmente era presente un pesante armamento di 6 cannoni M24 da 20mm20 mm alloggiati nella fusoliera, poi soppresso per lasciare spazio ai 'nuovi concetti'.
 
'''Northrop F-89 Scorpion J'''
8 088

contributi

Menu di navigazione