Le strutture basilari del pensiero ebraico/Principi comuni: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
testo
(testo)
(testo)
Questi quattro aspetti di Dio sono tutti correlati, ma sono, secondo Maimonide, essenziali per ogni membro di Israele e aderente alla religione ebraica. Maimonide ribadisce questi principi nella sua ''[[Mishneh Torah]]'' nel primo capitolo.
 
Nella ''Mishneh Torah'' in realtà il Rambam non si riferisce affatto a Dio all'inizio, ma piuttosto a ''Matsui Rishon'' — "Esistenza Prima". Egli era consapevole che l'uso del termine "dio" non avrebbe aiutato ad affrontare le idee errate poiché le persone avrebbero semplicemente inserito la loro nozione di dio come definizione per la parola. Pertanto, Maimonide prima definisce l'entità di cui parla e poi la nomina Dio.
{{q|Il fondamento di tutte le fondamenta e il pilastro della saggezza è sapere che esiste l'Esistenza Prima e che dà l'esistenza a tutto ciò che esiste... Questa esistenza è Dio.<ref>Maimonides, 2009, 1:5.</ref>}}
Un concetto errato specifico ai tempi di Maimonide era quello del terzo principio, la corporeità di Dio. Egli considera colui che antropomorfizza Dio come un eretico.
{{q|Colui che dice che c'è un solo dio ma che ha corpo e forma [è un eretico].<ref>Maimonides, 2009.</ref>}}
Questo travisamento non era sostenuto solo dai laici, ma anche dalle autorità rabbiniche, come è espresso dal più importante e noto dei suoi critici, il rabbino Abraham ben David di Provenza (1120-1198), le cui glosse alla ''Mishneh Torah'' sono stampati nelle edizioni più comuni. Respinge duramente l'assegnazione di eresia da parte di Maimonide contro coloro che antropomorfizzano Dio: "Perché ha definito questa persona un eretico? Quanti grandi e migliori di lui seguirono questo pensiero basato su ciò che leggono nelle Scritture e nelle parabole rabbiniche che confondono ..."<ref>Maimonides, 2001: ''Mishneh Torah'', Teshuba, 3:7, Glossa di R’AbD.</ref>
 
Le confusioni in quest'area causarono anche uno sfocamento di linee tra ebraismo e cristianesimo. Come evidenzia Maimonide nella sua ''Epistola sulla Resurrezione'':
 
{{q|Quando il capo dei profeti desiderò, per ordine di Dio, di insegnarci che Egli è Uno, senza associati, e di rimuovere dal nostro cuore quelle dottrine sbagliate che i Dualisti propongono, proclamò questo fondamentale: il Signore è il nostro Dio, il Signore è Uno [Deut. 6:4]. Ma i cristiani hanno utilizzato questo versetto per dimostrare che Dio è uno di tre, insegnando che il Signore, il nostro Dio, il Signore fa tre nomi, tutti seguiti da uno, il che indica che sono tre e che i tre sono uno. Lungi da Dio ciò che dicono nella loro ignoranza.<ref>Maimonides, 1994.</ref>}}
Pertanto, Maimonide considerava questo come un concetto errato fondamentale ed essenziale che doveva essere chiarito.
 
=== Secondo Luzzatto ===
Nel diciottesimo secolo dopo che artisti del calibro di Baruch Spinoza avevano lasciato la comunità dell'ebraismo a seguito dell'esplorazione del pensiero filosofico, la conoscenza di Dio basata da sola su principi razionali divenne un pericolo che probabilmente avrebbe condotto le persone all'eresia. Se Dio non poteva essere spiegato razionalmente e filosoficamente, Egli non poteva essere accettato incondizionatamente. Ciò fece sì che l’''armatura'' della religione si indebolisse e diventasse altamente vulnerabile.
 
Lo studio della filosofia aveva aperto le porte al pensiero innovativo che le persone non avevano mai intrattenuto in precedenza. Questa divenne una porta pericolosa da aprire all'alba dell'[[w:Illuminismo|Illuminismo]]. Vi era quindi merito nel credere e nell'accettare le verità per il loro merito tradizionale; erano stati tramandati di generazione in generazione. Una fedeltà ai principi secolari su cui avevamo basato le nostre vite venne stimolata. Nel suo ''Derekh HaShem'' Luzzatto apre quasi identicamente alle prime parole di Maimonide nella ''Mishneh Torah''. Tuttavia, c'è una notevole differenza aggiunta da Luzzatto, importante per affrontare le idee sbagliate del suo periodo. Luzzatto include la parola ''Emunah'' – fede nella parola ''[[w:Da'at|Da’at]]'' – conoscenza quando si introduce Dio. Egli sottolinea la fede.
 
{{q|Ogni membro di Israele deve avere fede e sapere che esiste l'Esistenza Prima... ed Egli dà esistenza a tutto ciò che esiste, ed Egli è Dio.<ref>Luzzatto, 1981.</ref>}}
Continua poi sottolineando l'aspetto di accettare fiduciosamente Dio asserendo che è sufficiente che sia una verità accettata dai nostri antenati per generazioni, piuttosto che proporre l'approccio basato sulla conoscenza favorito da Maimonide anche se Luzzatto di certo ne convalida il valore:
{{q|Questi concetti possono anche essere verificati da prove dimostrabili... attraverso discipline scientifiche come la fisica e l'astronomia... tuttavia non ci occuperemo di questo, ma piuttosto definiremo i noti principi di base tramandati dalla tradizione.<ref>Luzzatto, 1981.</ref>}}
Nel mondo ebraico all'epoca c'erano anche forti ramificazioni del pensiero cabalistico all'indomani del movimento messianico di Sabbatai Zevi. Luzzatto, essendo uno studioso della Cabala, cercava di basare le idee in un modalità di pensiero che stabilisse definitivamente le credenze fondamentali in modo da distinguerle dai difetti del pensiero cabalistico. Uno di questi problemi era la comprensione delle [[w:Sĕfirōt|Sĕfirōt]] cabalistiche di cui ce ne sono dieci. Le persone erano inclini a pensare alle Sĕfirōt stesse come varie espressioni di Dio e le fraintendevano come divinità che si potevano servire e pregare. Luzzatto scrive nel suo trattato contro il movimento sabbatico:
{{q|Hanno attribuito un corpo e occorrenze corporee al creatore dell'uomo!... Dalle parole di questi "Mekubalim" che lo seguono (Zevi) e bevono dal suo pozzo e sono stati chiamati "I credenti nei Dieci" insieme a tutti i tipi di menzogne e abominazioni e le persone hanno trovato motivo di sostenersi con le loro parole!<ref>Luzzatto, 1984, p. 71.</ref>}}
Quindi, sebbene Luzzatto avesse basato le fondamenta dell'esistenza di Dio principalmente sulla fede, ritenne comunque importante definire quale fosse la nostra comprensione di Dio. Nel primo capitolo del suo ''Derekh HaShem'' lo delinea in sei principi fondamentali:
# Il fatto della Sua esistenza
# La Sua perfezione
# La necessità della Sua esistenza
# La Sua assoluta indipendenza
# La Sua semplicità
# La Sua unità
Nel fare ciò, Luzzatto mirava a chiarire la confusione e ristabilire la verità dell'ebraismo al suo ''status'' appropriato.
 
=== Secondo Nieto ===
13 229

contributi

Menu di navigazione