Boris Pasternak e gli scrittori israeliani/Parte I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
testo
(testo)
(testo)
 
Avendo criticato severamente le poesie di Pasternak prima degli anni ’40, in parte sulla base dell'autocritica di Pasternak, Reuveni arriva a riconoscere che ''Živago'' "è molto meglio delle sue vecchie poesie" nella sua forma e contenuto; tuttavia, è comunque "un romanzo che non è un romanzo".<ref>''Ibid.'', 16.</ref> Ciò è dovuto, in parte, al conflitto dello scrittore tra i venti di libertà del disgelo e la paura dei tiranni sovietici, sia vivi che morti. Il punto di forza del romanzo è il suo umanesimo, e per suo vantaggio Pasternak "si aggrappa al bordo del mantello di Gesù".<ref>''Ibid.'', 17.</ref> (Per il suo vantaggio lo scrittore viene anche bloccato e costretto a rimanere in Patria, e non lo sapremo mai, presume Reuveni, se gli sarebbe mai stato permesso veramente di andarsene o meno.) Tuttavia, nonostante l'ideale umanistico, i personaggi di ''Živago'' non sono "anime viventi" e nonostante siano considerati realistici, il romanzo rimane arcaicamente romantico.<ref>''Ibid.'', 21.</ref>
 
È molto probabile che la reazione un po 'arrabbiata di Reuveni possa essere spiegata dai problemi che stava vivendo in quei giorni nel novembre del 1958, quando aveva appena finito il suo nuovo romanzo ''Metempsicosi (Gilgul neshamot)'', e cercava disperatamente un editore.<ref>Schwartz, ''Likhyot kedey likhyot'', 257.</ref> il sottotitolo di questo romanzo è identico al suo commento su ''Živago'' menzionato sopra: "Un romanzo che non è un romanzo" ("Roman lo roman"). L'opera di Reuveni è, secondo la sua opinione e quella dei critici, precisamente la danza folle di elementi scollegati che attribuisce a ''Živago''. Pertanto, nelle sue critiche a Pasternak che aveva appena ricevuto il Premio Nobel per il suo "romanzo che non è un romanzo", Reuveni cercava la legittimazione del proprio lavoro e forse persino un senso di solidarietà con il destino di Pasternak, sentendosi indesiderato e persino perseguitato per le sue credenze anticonformiste, "non di sinistra".<ref>''Ibid.''</ref> Reuveni era noto per stare da solo, appartato, evitando qualsiasi tipo di vera connessione con qualsiasi fazione politica, per essere stato, come Pasternak, un partito a sé stante, durante la sua lunga vita spostandosi periodicamente dall'anonimato alla canonizzazione e viceversa. La sua solidarietà con Pasternak rimane, comunque, implicita, forse a causa della profonda contraddizione tra il suo materialismo proclamato, persino fisicalismo,<ref>''Ibid.'', 273.</ref> e l'idealismo di Pasternak. In ogni caso, alla luce di questo parallelismo giocoso e autoironico tra il suo "sfortunato" romanzo e quello di Pasternak, la critica di Reuveni si trasforma da rimprovero a difesa.
 
Quando viene a discutere "il lato ebraico" del romanzo, Reuveni non si prende la briga di discutere con le idee espresse nel monologo di Gordon: le considera come troppo vecchie, banali e piatte (inoltre, rispettando il diritto di un ebreo di assimilarsi gli nega il diritto di invitare gli altri a fare altrettanto). Tuttavia, una cosa provoca il suo estremo stupore: come potrebbe essere che in tutta l'epopea monumentale di Pasternak vi sia solo una scena che ritrae la crudeltà dei cosacchi nei confronti degli ebrei, e scena peraltro debole: "Crudeltà? Male? Dio non voglia! I cosacchi sono ragazzi di buon cuore! Dopo tutto, che cosa è successo al vecchio ebreo dopo esser stato picchiato un po' sul sedere? Volevano solo divertirsi un tantino e non cercare di far del male. Pasternak ha un ‘cuore russo’. Nessun altro russo ha un cuore così russo."<ref>Reuveni, "Makhol Pasternak", 25.</ref> Reuveni intende qualcuno in particolare? Questa osservazione ritorna implicitamente all'epigrafe discussa sopra: ""La terribile vendetta"" è il più crudele e orribile di tutti i racconti di Gogol sui cosacchi, in cui l'autore simpatizza almeno con il loro carattere nazionale, e che è ripagato e sopraffatto infine dalla vera fede. Apparentemente, Pasternak avrebbe dovuto sapere ciò che Gogol già sapeva un secolo prima di ''Živago''. Tuttavia, come osserva Reuveni, "Pasternak è interessato meno di tutto alle persone"<ref>''Ibid.'', 19.</ref> (osservazione espressa da molti critici, compresi gli amici del poeta), e i suoi personaggi non sono "anime viventi"; quindi sono "anime morte" — un'altra reminescenza di Gogol, troppo sarcastica persino per Reuveni. E in effetti, Reuveni conclude la sua discussione sul "lato ebraico" di ''Živago'' notando che Pasternak, nel profondo della sua anima, sa che non ha un cuore russo, ma un cuore ebraico. Per Reuveni, questa '''minima''' conoscenza è il vero "punto ebraico" che stava cercando dall'inizio del suo saggio.
 
[[File:Peretz Bernstein.jpg|250px|right|thumb|[[:en:w:Peretz Bernstein|Peretz Bernstein]], 1951]]
'''[[:en:w:Peretz Bernstein|Peretz Bernstein]]''' (1890-1971), un politico ed editorialista israeliano, e uno dei firmatari della [[w:Dichiarazione d'indipendenza israeliana|Dichiarazione di Indipendenza]], lesse ''Živago'' nella traduzione francese e quindi poteva giudicare, per sua stessa confessione, solo il suo lato ideologico.<ref>Bernstein, "Dr. Zhivago", 253.</ref> Il suo saggio (datato 7 novembre 1958; 3 luglio 1960) fu successivamente incluso nel volume dei suoi scritti. Bernstein è così colpito "dall'intensità del personaggio russo come è espresso in questo lavoro", che lo mette sulla scala di Dostoevskij e Tolstoj, ma rimpiange il fatto che la "tragedia" di Pasternak sia la sua immeritata fama antisovietica. Un altro aspetto della sua tragedia è, per Bernstein, il suo essere non solo russo, ma anche "ebreo".<ref>''Ibid.'', 256.</ref> Il contesto di questa tragedia è il crescente antisemitismo in URSS, a seguito dell'ostilità del governo nei confronti dello Stato di Israele, particolarmente grave dopo che il comunismo non è riuscito a risolvere il "problema ebraico".<ref>''Ibid.''</ref> E qui Bernstein solleva la domanda che sembra essere più rilevante in questo contesto e per lui importante — rimpatrio degli ebrei sovietici in Israele: "Stiamo giocando con il pensiero che se agli ebrei di Russia fosse stato permesso di emigrare, la maggior parte di loro sarebbe rimpatriata in Israele. [...] Ma questo non si addice a Pasternak [che], anche dopo essere stato denunciato come un "traditore", non volle lasciare la Russia." Ciò sta accadendo perché "gli ebrei si stanno attaccando con le vere radici della loro anima alla terra della loro residenza, la terra dell'esilio, al paesaggio e alla natura, e persino al popolo [russo] che non li ama".<ref>96 Ibid. In effetti, quando finalmente gli ebrei russi riuscirono ad espatriare in massa (precedentemente il governo sovietico applicava delle quote, che poi emigravano in Israele) negli anni ’70, la maggioranza fu accolta provvisoriamente in Italia e gran parte poi emigrò negli USA, Canada e Australia — un numero esiguo in Israele.</ref>
 
 
 
13 229

contributi

Menu di navigazione