Utente:Giuli2797/Cromatografia/Cromatografia liquida: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
→‎Iniettori: condizionamento colonna
(note)
(→‎Iniettori: condizionamento colonna)
Per modificare il volume di campione iniettato in colonna sarà quindi sufficiente usare un loop a capienza differente.
Nel frattempo la fase mobile viene fatta fluire direttamente in colonna. Una volta che il loop si è riempito, la valvola ruota e passa all'assetto di iniezione: la fase mobile viene forzata attraverso il loop spingendo il campione in colonna, mentre il campione in eccesso va direttamente allo scarico, in questo modo si è sicuri che il volume di campione che entra in colonna è solo quello contenuto nel loop. <br>
Per omogeneizzare il sistema eè necessario condizionare la colonna, ovvero si deve fareseguire fluireun laprocesso fasedi mobilepulizia almenovolto 15-20ad minutieliminare primale specie eventualmente adsorbite sul rivestimento interno della colonna oltre ai residui del solvente utilizzato nelle dell'analisi inprecedenti.<ref>Sadek, pag. 40 </ref> Dal punto di vista modopratico tale daoperazione eliminareviene leeseguita speciefacendo eventualmentefluire adsorbiteun sullavolume di fase stazionariamobile pari a circa sei volte il volume della colonna. <ref>Sadek McMaster, pag. 4035 </ref>.
Una HPLC tipo viene svolta con volumi di circa 20 μL di solvente contenenti circa 10-50 ng di campione, i flussi di iniezione solitamente raggiungono una velocità di circa 1-2 mL/min e impiegano tempi diversi a seconda che l'analisi sia eseguita in isocratica (circa 10 minuti) o a gradiente di solvente (1 ora). <ref> McMaster, pag. 9 </ref>
 
178

contributi

Menu di navigazione