Messianismo Chabad e la redenzione del mondo/Esempi di attività messianica chassidica: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
testo
(testo)
(testo)
 
Il 1777 fu un anno di grandi aspettative messianiche, probabilmente originate dai circoli sabbatiani, e si vociferava persino che il Messia fosse arrivato. Queste speranze furono intensificate dalla situazione politica dell'epoca.<ref>Altshuler 2006:67, 172. La Russia ottenne vittorie in Polonia e Turchia durante questo periodo.</ref> Il gruppo voleva stabilirsi in Terra d'Israele per salutare il Messia. Nel tentativo di incentivare la venuta del Messia, pubblicarono l’''Epistola del Besht'', sperando che rivelare i misteri inclusi nella lettera avrebbe perfezionato gli sforzi messianici che il Besht stesso aveva avviato. La lettera fu pubblicata più o meno nello stesso periodo in cui le voci indicavano la redenzione di Israele.<ref>Altshuler 2006:9, 67.</ref> I chassidim che erano immigrati nella Terra di Israele nel 1777 interpretarono il fatto che ci fossero ebrei che immigravano da così tanti luoghi e strati diversi come un segno che il Messia stava sicuramente arrivando.<ref>Altshuler 2006:173. Altshuler scrive a p. 12: "Un movimento messianico di questo tipo non fa distinzione tra la redenzione dell'individuo e la redenzione del popolo ebraico, tramite il quale anche l'individuo sarà redento; il leader del movimento è visto anche come il redentore della nazione; l'anelito alla redenzione si trasforma nella coscienza del credente da visione utopica a forza motrice, attiva nella storia; e le aspettative del credente sono focalizzate sulla Terra d'Israele, ritornando alla quale è come compiere in modo concreto il processo redentore".</ref>
 
Gli immigrati messianici in Terra d'Israele si stabilirono spesso nel nord, come anche a Gerusalemme ed [[w:Hebron|Hebron]]. Le parti meridionali erano ostili all'insediamento ebraico, mentre la Galilea era relativamente calma. Tuttavia, le ragioni per stabilirsi nel nord erano anche spirituali. Il regno settentrionale di Israele era caduto prima del [[w:Regno di Giuda|regno meridionale di Giuda]] e le prime tribù ad essere esiliate furono quelle della Galilea. La redenzione sarebbe avvenuta nell'ordine inverso secondo il ragionamento mistico, e quindi i cabalisti insegnavano che il Messia sarebbe venuto dal nord.<ref>Altshuler 2006:160.</ref>
 
C'erano anche figure messianiche nelle generazioni successive di chassidim, come durante gli anni 1800. Sia [[:en:w:Yisrael Friedman of Ruzhin|Israel di Ruzhin]] (1797-1850) sia il [[:en:w:Komarno (Hasidic dynasty)#Rabbi Yitzchak Eisik Safrin|Rebbe Komarno, Eizikel]] (1806-1874), si percepirono come Messia. Si diceva che Israele di Ruzhin avesse qualità superiori già da bambino e avesse l'anima del Besht. Ebbe molto successo, essendo ricco e con migliaia di seguaci — fu inoltre sorvegliato attentamente dal governo russo poiché sospetto di cospirazione per diventare "Re dei Giudei".<ref>L'episodio ovviamente ha un antico parallelo cristiano.</ref> Il Rebbe Komarno spiegò per iscritto di possedere un'anima speciale e della sua missione di purificare la sua anima malvagia. Asserì che la sua anima, essendo del Messia dalla stirpe di Giuseppe, non avrebbe dovuto reincarnarsi se il Besht non avesse fallito nel portare la redenzione.<ref>Lenowitz 1998:210, 214.</ref> ​​Lasciando da parte speculazioni sulla storicità di questi fatti, possiamo però affermare che il primo chassidismo fu tutt'altro che privo di ipotesi e aspettative messianiche. Pertanto, l'affermazione di Gershom Scholem secondo cui il chassidismo mancava di intenso messianismo deve essere contestata. Il Besht e le generazioni successive aspettavano il Messia nella propria generazione e diversi candidati si presentarono per la carica.
 
 
13 222

contributi

Menu di navigazione