Differenze tra le versioni di "Abulafia e i segreti della Torah/Studi e insegnamento 4"

Jump to navigation Jump to search
testo
m (Bot: corregge codice immagine)
(testo)
= STUDI E INSEGNAMENTO =
== Abulafia e i libri di Abraham ibn ‛Ezra ==
[[File:Psalterium-Ibn-Ezra.jpeg|240px|thumb|right|<small>Un'illustrazione di Ibn Ezra (al centro) che fa uso di un [[w:astrolabio|astrolabio]]</small>]]
Qualsiasi rassegna dei primi studi di Abulafia non può essere completa senza un riferimento agli scritti di Rabbi [[w:Abraham ibn ‛Ezra|Abraham ibn Ezra]].<ref>Su questo personaggio, cfr. Maurice Olitzki, "Die Zahlensymbolik des Abraham ibn Ezra", in ''Jubelschrift zum siebzigsten Geburtstag des Dr. Israel Hildesheimer'', curr. Ezriel Hildesheimer e David Hoffman (Berlino: H. Engel, 1890), spec. 99–111; Shlomo Sela, ''Astrology and Interpretation of the Bible in Abraham ibn Ezra’s Thought'' {{he}} (Ramat-Gan: Bar-Ilan University Press, 1999); Irene Lancaster, ''Deconstructing the Bible: Abraham ibn Ezra’s Introduction to the Torah'' (Londra: Routledge/Curzon, 2003); l'introduzione a ''Rabbi Abraham ibn Ezra: Yesod Moraʾ we-sod Torah'' {{he}}, curr. Yosef Cohen e Uriel Simon (Ramat-Gan: Bar-Ilan University Press, 2002), 13–56; Aaron W. Hughes, ''The Texture of the Divine: Imagination in Medieval Islamic and Jewish Thought'' (Bloomington: Indiana University Press, 2004); Afterman, ''Devequt: Mystical Intimacy'', 102–26. Per gli aspetti esoterici degli scritti di ibn Ezra, si vedano Halbertal, ''Concealment and Revelation'', 34–48; Wolfson, ''Abraham Abulafia'', 39–40, nota 95, 83–84, nota 264; e, più recentemente, Uriel Simon, ''The Ear Discerns Words: Studies in ibn Ezra’s Exegetical Methodology'' {{he}} (Ramat-Gan: Bar-Ilan University Press, 2013), spec. 24–26, 323–24, 326–28.</ref> Da molti punti di vista, l'approccio di ibn Ezra alla religione fu nettamente diverso da quello di Maimonide, che deliberatamente ignorò le sue opinioni e non fece mai il suo nome.<ref>Si veda Isadore Twersky, "Did Rabbi Abraham ibn Ezra Influence Maimonides?" {{he}}, in ''Rabbi Abraham ibn Ezra: Studies in the Writings of a Twelfth-Century Jewish Polymath'', cur. Isadore Twersky (Cambridge, MA: Harvard University Press, 1993):21–48.</ref> Ibn Ezra credeva nell'astrologia (un'altra forma di naturalismo), conosceva le tradizioni pitagoriche ed ermetiche (adottandone alcune), ed era molto più interessato ai libri ebraici che Maimonide ignorava o non amava (come ''[[w:Sefer Yetzirah|Sefer Yetzirah]]'' e ''[[w:Shi'ur Qomah|Šiʿur Qomah]]''). Abulafia afferma che mentre studiava la ''Guida'', studiava anche i "libri di Abraham ibn Ezra", come si vede ''supra'' nel brano tradotto dalla sua epistola "We-Zot li-Yehudah".<ref>"We-Zot Li-Yehudah", 18–19, citato ''supra'' al [[Abulafia e i segreti della Torah/Studi e insegnamento 1#cite note-45|Capitolo II, Sez. 1 nota 45]].</ref>
 
 
 
 
<div style="height: 240px; overflow: auto; padding: 3px; border:1px solid #AAAAAA; reflist4" > <references/> </div>
 
{{Avanzamento|2550%|824 aprileagosto 2021}}
[[Categoria:Abulafia e i segreti della Torah|Studi e insegnamento 4]]
10 274

contributi

Menu di navigazione