Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Filippine: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Bot: Correggo errori comuni (tramite La lista degli errori comuni V 1.0)
(ortografia)
m (Bot: Correggo errori comuni (tramite La lista degli errori comuni V 1.0))
Nel frattempo Marcos aveva tolto la legge marziale (27 gennaio 1981), e iniziato un certo ritorno alla normalità. Ma anche così la corruzione e il familismo erano troppo gravi per essere tollerati; nondimeno nel giugno 1981 venne rieletto, anche se la campagna elettorale venne boicottata dall'opposizione. Tra questa c'era Benigno Aquino, che venne a lungo imprigionato dal '72, e autorizzato ad andare negli USA 8 anni dopo per le cure mediche di cui aveva bisogno. Non era finito, però, e il 21 agosto 1983 ritornò in patria per costruire una valida opposizione a Marcos. Ma all'aeroporto di Manila venne ucciso da un gruppo di ufficiali filippini. La storia (vedi Benazir Bhutto) tende a ripetersi. Ma da morto Aquino fu il nemico inesorabile di Marcos: la sua sfacciata uccisione generò proteste anche da parte della Chiesa Cattolica, fortissima nelle Filippine, mentre comunisti e democratici vari guadagnavano terreno. I militari filippini non erano mai stati molto forti ma adesso erano davvero preoccupati della solidità del regime, che vacillava sotto i colpi di una opposizione riunita attorno a Corazon Aquino, la vedova che si dimostrò una grande combattente politica. Così non poteva andare avanti: a novembre del 1985 Marcos decise di indire elezioni un anno prima della scadenza, sperando di ottenere una riconferma, anche del supporto americano: invano, mentre anche i militari cominciavano a rivoltarsi contro Marcos. Il 25 febbraio 1986 come tanti altri dittatori moderni Marcos scappò via con un aereo e andò in esilio negli USA, mentre Corazon divenne la nuova presidente.
 
Nel frattempo l'aviazione perse l'uso degli F-8 e gli F-5, rimasti gli unici caccia supersonici, continuarono a servire dal 6th TFS del 5th Fighter Wing di Basa , che è a nord di Luzon. L'interesse per rimpiazzarli era attorno agli Kfir israeliani, buoni aerei ed assai economici. Venivano visti con favore gli A-10 e gli F-18, ma non c'erano fondi per andare al di là della valutazione tramite i manuali d'istruzione..
 
In ogni caso la crisi economica si è fatta sentire anche negli anni successivi alla rivoluzione anti-Marcos. La principale unità è rimasta quella della Basa AF, intitolata al primo pilota ucciso in guerra il 12 dicembre 1941. Qui c'era il 5th Wing con 3 squadroni (tardi anni '90): uno era il summenzionato 6th 'Cobra' per intercettazione, addestramento avanzato e pattuglia acrobatica (i 'Blue Diamonds'). Un altro era il 5th 'Bulldogs' con gli AS.211, ovvero i piccoli SIAI S.211 montati su licenza. Essi erano armati con un pod ventrale per mitragliatrice da 12,7 mm edue punti d'aggancio subalari per compiti COIN. C'era infine il 105th Blackjacks' con gli S.211 configurati da addestratori avanzati che servivano con le missioni per il programma JQT e CCT. La prima fase era la Jet Qualification Training e si articolava, a parte il programma a terra teorico in 37 missioni di 55 ore complessive. POi arrivava la Combat Crew Training con 31 missioni per 44,5 ore e transito sugli AS.211 Warrior (II). Il 105th, nonostante la crisi economica e la scarsità di aerei, formava una seconda pattuglia acrobatica, i 'Red Aces' che si alternavano ai B.Diamonds quando questi non erano disponibili dato il loro ruolo di difesa dell'arcipelago. Questa pattuglia nacque nel '60, all'epoca in cui la PAF era considerata quella con la migliore professionalità tra le forze aeree asiatiche (!), utilizzando i piloti e gli aerei del 7th TFS, ma venne disattivata nel '74 e poi ricostituita l'11 febbraio 1996 sulla Basa AB.
*10 Sikorsky S-76
*1 SA-330L
*10 C-130B, H, L-100 , L-200
*12 N-22B
*1 Sikorsky S-70
9 240

contributi

Menu di navigazione