Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Malaysia: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Bot: Correggo errori comuni (tramite La lista degli errori comuni V 1.0)
(ortografia)
m (Bot: Correggo errori comuni (tramite La lista degli errori comuni V 1.0))
 
*estensione della vita operativa della cellula, che dalle originarie 2.500 ore previste (migliori delle 1.500 previste, per esempio, per i MiG-23, ma pur sempre poche rispetto agli aerei occidentali moderni) passavano a 4.000, che si può considerare all'altezza dei prodotti occidentali (con molto apprezzabili ricadute nella possibilità addestrative: con una cellula di scarsa durata o si limita l'addestramento o ci si rassegna a ridurre la vita operativa di una macchina ad una decine d'anni, salvo costose revisioni generali)
*motori portati, come MTBF (tempo tra le revisioni, che per i turbojet militari costano anche mezzo milione per motore, quindi i bireattori sono decisamente costosi: anche per questo l'F-16 ha avuto soprattutto inizialmente la meglio contro l'F-18) da 300-500 a 780 ore (quasi al livello dei migliori tipi occidentali; del resto già nella LW i motori erano validi, avendo una durata di 500 ore prima delle revisioni, e a queste arrivavano in condizioni migliori dei motori dei Tornado; la seconda serie, leggermente depotenziata per salvarne la durata in tempo di pace, aveva 750 ore di durata); 2 serbatoi subalari in aggiunta a quello ventrale da 1.500 l, il che portava l'autonomia a 2.900 km (uguale a quella di un F-18 monoposto, per non dire del biposto con abitacolo aggiuntivo a scapito dei serbatoi)
*Graduazione, strumenti, etichette in misure anglosassoni e lingua inglese (problemi non semplicissimi da risolvere); sistema allarme vocale ALMAZ-UP , sistema di limitazione automatica dell'angolo d'attacco EKRAN-03ME pure in lingua inglese; trasponder SO-69M per usare le frequenze internazionali; dopo (da fare in Malaysia): Tacan, ILS, sistema radio emergenza settato su frequenze internazionali; IFF di tipo occidentale; sonda per il rifornimento in volo (che assieme ai serbatoi alari o in sostituzione di questi aiuta a curare in maniera drastica uno dei problemi maggiori del MiG, il raggio d'azione).
 
Non bastasse, i Russi avevano offerto (chiaramente con contratto successivo) un altro aggiornamento: la configurazione C o S, che comprendeva il radar multimode ZHUK con capacità di seguire sempre 10 bersagli, ma di attaccarne due simultaneamente anziché uno; missili a guida radar semiattiva R-27RE a lungo raggio e i missili R-77 'Amramsky' a guida radar attiva; sistema di controllo computerizzato per una maggiore maneggevolezza; nuovo sistema ECM integrato interno, che si aggiunge al sistema RWR con le sue 7 antenne e ai lanciatori di falsi bersagli; migliori capacità d'attacco al suolo. Inoltre erano in programma l'acquisto di due aerocisterne. Anche senza questo secondo 'step' è chiaro che si trattava già di un miglioramento notevole rispetto ai Fulcrum originari.
5x PMC Leguan gettaponte;
26 FV101 Scorpion 90;
184 Sibmas 90 AFSV ;
211 Adnan AIFV in 10 tipi diversi;
111 K-200 KIFV (Korean Infantry Fighting Vehicle);
'''Fregate''': 2 Leiku: 29 KD Jebat e 30 KD Lekiu
 
'''Corvette''': Classe Kasturi, 25 KD Kasturi e 26 KD Lekir; Classe Laksamana, 123 KD Laksamana Hang Nadim; 135 L Tun Adbl Jamil, 136 KD Laksamana Muhammad Amin , 137 KD Laksamana Tan Pusmah
 
OPV: Classe Kedah: 171 KD Kedah, 172 KD Pahang, 173 Perak, 174 KD Terengganu, 175 KD Kelantan; classe Handalan (le svedesi Spica M): 3511 KD Handalan, 3512 KD Perkasa, 3513 KD Pendekar , 3514 KD Gempita
 
FAC: Classe Perdana (Combattante II): 3501 KD Perdana, 3502 KD Serang, 3503 KD Ganas, 3504 Ganyang; Classe Jerong (TNC 45): 3505 Jerung, 3506 Todak, 3507 Paus, 3508 Yu, 3509 Baung, 3510 Pari
*F135 Laksamana Tun Abdul Jamil (ex- Saad ibn abi Wakkad, F218) 30-12-1983, 28-7-1997
*F136 Laksamana Muhammed Amin (ex Abdullah ibn Abi Serh, F214) 5-7-1983 ,7-1999
*F137 Laksamana Tan Pusmah (ex Salah Aldin Ayoobi, F220) 30-Mar-1984 , 7-1999
 
Tutte sono in servizio con lo Squadrone N.24 della RNM.
9 212

contributi

Menu di navigazione