Storia delle Forze armate tedesche dal 1945/La seconda fase: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
 
 
===Heer===
 
[[Immagine:Leopard_1_Prototyp_Munster.jpg|250px|rigth|thumb|Il Leopard 1 prototipico, mostra la sua 'prima' edizione con la torre di fusione e priva dei sofisticati sistemi di tiro.]]
La nuova famiglia di mezzi corazzati tedeschi arrivò al successo cominciando con i Leopard, inizio anni '60, il primo carro progettato in Germania (dalla Krauss-Maffei) nel dopoguerra. Esso era veloce, mobile e affidabile, armato adeguatamente anche se leggermente corazzato. Altri veicoli erano i Marder della fanteria, i veicoli da ricognizione e i semoventi contraerei Gepard. Nel campo delle artiglierie i tedeschi rimasero, a livello campale, legati agli USA, ma introdussero anche il lanciarazzi LARS, il primo caso di questo genere nella NATO. I cannoni antiaerei, ampiamente costruiti durante la guerra mondiale ebbero un piccolo, ma prestigioso epigono, il cannone Rheinmetall Rh-202, un'arma ad alta velocità iniziale e altissima cadenza di tiro. Per capire come quest'arma fosse innovativa, bisogna ricordare che i cannoni da 20 mm MG FF avevano una velocità iniziale di circa 650 ms e una cadenza di 520 c.min. I cannoni Hispano-Suiza li superavano nettamente con 850 e 600-750 c.min, restando a lungo in servizio nel dopoguerra. I Rheinmetall raggiungevano i 1000ms e i 1000 c.min. ottenendo prestazioni di precisione e potenza molto superiori alle artiglierie precedenti.
 
 
===All'Est===
Nel frattempo, nonostante la difficile situazione civile e sociale, la DDR continuava ad essere potenziata con armamenti vari. Entrarono in servizio i MiG-19 supersonici, ben presto soppiantati dai MiG-21, i carri T-55 in integrazione degli obsoleti T-34, le motocannoniere OSA e i loro derivati siluranti 'Shersen'.
 
6 953

contributi

Menu di navigazione