Disposizioni foniche di organi a canne/Italia/Piemonte/Città metropolitana di Torino/Mazzè/Tonengo - Chiesa di San Francesco d'Assisi

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro


  • Costruttore: Carlo Vegezzi-Bossi
  • Anno: 1891[1]
  • Restauri/modifiche: Bassiano Squarcina (1902, restauro), Alfredo Cordone di Torino (1928, restauro), Ditta Pansera di Renzo Rosso (1974, restauro)[2], Thomas Waelti e Alessandro Rigola (2007, restauro)
  • Registri: 22
  • Canne: 1617 circa
  • Trasmissione: meccanica[3]
  • Consolle: a finestra, al centro della parete anteriore della cassa
  • Tastiere: 2 di 61 note ciascuna (Do1-Do6)
  • Pedaliera: concavo-parallela di 27 note (Do1-Re3)
  • Collocazione: in corpo unico su cantoria in controfacciata
  • Note: inserimento dei registri mediante pomelli a tirante disposti su quattro colonne: due a destra (Grand'Organo) e e due a sinistra delle tastiere (Organo Espressivo e Pedale)
  • Accessori: 9 pedaletti per: Campanelli[4], Terza mano, Unione tastiere, Unione I° manuale al Pedale, Unione II° manuale al Pedale, Ripieno I° manuale, Fortissimo I° manuale, Fortissimo II° manuale, Gran cassa e Rullante (5 canne). Staffa sopra la pedaliera per Espressione (II° manuale)
I - Grand'Organo
Bordone 16'
Principale 8'
Flauto 8'
Unda maris 8'[5]
Flauto armonico 4'
Ottava 4'
Duodecima 2.2/3'
Flautino ottaviante 2'
Decimaquinta 2'
Pieno 4 file 1.1/3'
Tromba 8'
Clarinetto 8'
II - Espressivo
Bordone 8'
Viola gamba 8'
Violino reale 2 file 8' Soprani[6]
Ottava 4' Bassi
Ottava 4' Soprani
Fagotto oboe 8'
Voce corale 8' Soprani
Tremolo
Pedale
Bordone 8'[7]
Basso dolce 8'
Violone 8'

Note[modifica]

  1. Strumento collocato nella cassa del precedente organo costruito dai Fratelli Bruna nel 1801
  2. Rifacimento delle tastiere
  3. con Leva Barker per i comandi dei registri
  4. Campanelli Soprani al Grand'Organo, in numero 25
  5. Dal Do2
  6. Registro battente
  7. In realtà Contrabbassi e ottave 16'+8'

Bibliografia[modifica]

  • Silvio Sorrentino, Organalia: 100 organi della Provincia di Torino, Torino, 2009.

Collegamenti esterni[modifica]