Osservare il cielo/Percorso 9: Galassie di primavera

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search


1uparrow.png Modulo principale

Passeggiate sotto le stelle

Questo percorso si propone di far scoprire alcune fra le galassie visibili nel cielo notturno primaverile; per l'osservazione di questi oggetti è richiesto almeno un telescopio da 100-120mm di apertura. Perché il percorso sia seguibile con facilità occorre una notte limpida e buia, senza Luna, e possibilmente con l'orizzonte sgombro specialmente in direzione sud. Il percorso è seguibile nei mesi compresi fra fine marzo e metà giugno nelle ore serali, fra le ore 21:00 e le 24:00.

Oggetto Ascensione Retta
(J2000.0)
Declinazione Tipo Magnitudine
apparente
Dimensioni
apparenti
Distanza
(anni luce)
Visibile ad
occhio nudo
Strumento Visibilità dall'Italia
1. Galassia di Bode 09h 55m : +69° 04′ : Galassia 6,8 26' 11 milioni no binocolo alto nel cielo
2. Galassia Sigaro 08h 55m 52s +69° 40′ 47″ Galassia 8,3 11' 11 milioni no binocolo alto nel cielo
3. M 101 14h 03m 12s +54° 20′ 52″ Galassia 7,8 29' 24 milioni no binocolo alto nel cielo
4. Galassia Vortice 13h 29m 52s +47° 11′ 43″ Galassia 8,3 11' 31 milioni no telescopio alto nel cielo
5. M 94 12h 50m 53s +41° 07′ 14″ Galassia 8,1 11' 16 milioni no telescopio alto nel cielo
6. M 49 12h 29m 46s +08° 00′ 00″ Galassia 8,3 9' 49 milioni no telescopio alto nel cielo
7. Galassia Sombrero 12h 39m 59s -11° 37′ 23″ Galassia 8,1 8' 28 milioni no telescopio moderatamente alto
8. M 83 13h 37m 01s -29° 51′ 57″ Galassia 7,2 13' 15 milioni no telescopio moderatamente alto

1. La Galassia di Bode[modifica]

Carta di M81
M81 al telescopio 114mm

La Galassia di Bode (in basso nell'immagine), nota anche come M 81 secondo la designazione del Catalogo di Messier, è una delle galassie più vicine alla nostra Via Lattea, nonché una delle più appariscenti del cielo; appartiene ad un gruppo di galassie adiacente al nostro Gruppo Locale, nel quale è la galassia dominante.

La sua luminosità è tale che è possibile scorgerla anche con un binocolo, in condizioni atmosferiche ottimali; si individua a nord-ovest del Grande Carro e si presenta come una macchia di forma allungata in senso nordovest-sudest. Un telescopio fornisce ulteriori dettagli, come la chiara distinzione del nucleo.

M 81 è una galassia a spirale, come tante ce ne sono nell'Universo; in questo può sembrare simile alla Via Lattea, sebbene la nostra Galassia possegga una modesta barra centrale lungo il nucleo. Le sue dimensioni sono leggermente più contenute di quelle della nostra galassia: si calcola che sia formata da circa 150 miliardi di stelle. Nelle vicinanze si trova anche un'altra galassia, meno luminosa e visibile con un telescopio nello stesso campo visivo: M 82.

2. La Galassia Sigaro[modifica]

Carta di M82
M82 al telescopio 114mm

La Galassia Sigaro (in alto nell'immagine), nota anche come M 82, deve il suo nome al suo aspetto molto allungato, dovuto al fatto che la galassia è vista di taglio; si tratta di una galassia di forma irregolare facente parte del gruppo della vicina M 81 ed è visibile anche con un piccolo telescopio. Con una distanza di 11 milioni di anni luce, è una delle galassie più prossime al nostro Gruppo Locale.

Con un 120mm è possibile farla rientrare nello stesso campo visivo in cui si osserva M 81; appare come un oggetto molto sfuggente e sottile, privo di particolari dettagli, e se la notte non è propizia è difficile anche la sua individuazione.

M 82 è stata a lungo studiata dagli astronomi perché è la galassia attiva più vicina a noi; una galassia attiva è una galassia in cui una parte dell'energia viene emessa non tramite gli oggetti comuni nelle galassie normali, come le stelle, ma da un oggetto di natura esotica, come un buco nero supermassiccio al centro della galassia stessa.

3. M 101[modifica]

Carta di M101
M101 al telescopio 114mm

M 101, nota anche come Galassia Girandola, è una galassia spirale visibile nella costellazione dell'Orsa Maggiore; può essere individuata con facilità grazie a una concatenazione di stelle che parte dalla brillante stella Mizar. Sebbene sia quasi completamente fuori dalla portata di un binocolo, se non in casi eccezionali, è una galassia fra le più brillanti del cielo.

Un telescopio da 114mm consente di individuarla come una macchia chiara, più luminosa al centro e con evidenti solo alcune delle strutture della spirale. I bracci di spirale sono più estesi rispetto alle regioni centrali. Per notare dei particolari maggiori occorrono strumenti più potenti.

Il piano galattico di M 101 è quasi perfettamente perpendicolare alla linea di vista, così la struttura a spirale appare evidentissima; la struttura del disco è dominante, mentre il nucleo galattico possiede delle piccole dimensioni. La distanza da noi è stimata sui 24 milioni di anni luce; le sue dimensioni reali sono circa doppie rispetto a quelle della nostra Galassia.

4. La Galassia Vortice[modifica]

Carta di M51
M51 al telescopio 114mm

La Galassia Vortice deve il suo nome alla sua grandiosa struttura a spirale, molto ben evidente; la sigla di catalogo più conosciuta per quest'oggetto è M 51. Questa galassia appare in interazione con una galassia minore, visibile a nord, la quale ha deformato in parte i bracci di spirale della galassia principale rivolti verso di essa. La sua individuazione è facile, trovandosi sotto la punta del "timone" del Grande Carro.

M 51 non è visibile con un binocolo, se non con grosse difficoltà, mentre un telescopio amatoriale è in grado di rilevare una piccola macchia di aspetto nebuloso piuttosto appariscente, con adiacente una seconda macchia più piccola; le strutture dei bracci non sono visibili con chiarezza, mentre si mostrano con telescopi di dimensioni via via maggiori.

M 51 e la sua compagna sono un perfetto esempio di galassie interagenti: due galassie, nel loro movimento nello spazio, possono avvicinarsi a tal punto che le reciproche forze gravitazionali creano dei "ponti" di materia e di stelle strappate ad entrambe le galassie, deformando la struttura dei bracci e dando origine in molti casi ad un intenso fenomeno di formazione stellare.

5. M 94[modifica]

Carta di M94
M94 al telescopio 114mm

M 94 è una galassia spirale visibile al centro della costellazione dei Cani da Caccia, poco a nord della linea che congiunge le stelle Chara e Cor Caroli; se le condizioni meteorologiche sono ottimali, può essere individuata anche con un buon binocolo.

La struttura di M 94 non è apprezzabile con facilità: con un telescopio amatoriale si presenta come una chiazza ovaleggiante o quasi circolare, coi bordi appena sfumati; i bracci sono molto tenui e non sono evidenti. Ad ingrandimenti maggiori la galassia assume un aspetto simile ad un bersaglio, con un anello attorno al nucleo.

Questa galassia possiede un anello di attive regioni di formazione stellare, marcate da giovani stelle azzurre nelle immagini a colori, che la dividono bruscamente dal molto meno brillante anello esterno, formato da una popolazione stellare giallastra molto più vecchia. In periferia, tuttavia, queste regioni terminano nuovamente in un altro anello di moderata attività di formazione stellare, così che M94 è una delle relativamente rare galassie in cui due "onde" di formazione stellare possono essere osservate. Nelle lunghissime esposizioni, diviene visibile un ulteriore, debolissimo anello.

6. M 49[modifica]

Carta di M49
M49 al telescopio 114mm

M 49 è una galassia ellittica, ossia senza struttura a spirale, visibile nella parte più occidentale della grande costellazione della Vergine; la sua individuazione non è facilitata dalla presenza di alcuna stella luminosa, pertanto ci si può arrivare seguendo solo degli allineamenti di stelle meno appariscenti. In linea di massima si può affermare che si trovi poco oltre la metà della linea che congiunge le stelle Denebola e Auva.

La galassia, in genere fuori dalla portata di un binocolo, è evidente in un telescopio da 114mm come una sorta di stella debole dai contorni appena sfumati; non possedendo bracci di spirale, l'unica struttura apprezzabile, a qualunque ingrandimento, è sempre e solo quella del nucleo.

M 49 è una galassia di grandissime dimensioni, una delle dominanti nel vasto Ammasso della Vergine, uno degli ammassi di galassie più vicini a noi; la sua distanza è stimata sui 49 milioni di anni luce e per essere così luminosa una tale distanza deve avere delle dimensioni molto più grandi della nostra Via Lattea.

7. La Galassia Sombrero[modifica]

Carta di M104
M104 al telescopio 114mm

La Galassia Sombrero, nota anche con la sigla M 104, è una delle galassie in assoluto più famose e più fotografate del cielo: la sua struttura vista di taglio e il grande complesso di nebulose oscure che ospita le conferiscono il caratteristico aspetto a sombrero tanto conosciuto e ritratto in vari poster e quadri astronomici. La sua struttura è quella di una galassia a spirale, con un nucleo molto grande e luminoso completamente dominante sui bracci, i quali sono ben avvolti attorno al centro.

Un telescopio di piccole dimensioni è sufficiente a individuare questa galassia, che si trova alcuni gradi a nord-est della costellazione del Corvo, ma entro i confini della Vergine; perché la banda oscura sia visibile occorrono cieli nitidi e senza vento e un oculare potente.

Il diametro di M104 è stimato in 50.000 anni luce e la sua massa sarebbe pari a 800 miliardi di masse solari; non fa parte dell'Ammasso della Vergine, ma si trova a metà via fra noi e quest'ultimo, alla distanza di 28 milioni di anni luce. Questa galassia ha anche un sistema di ammassi globulari ben popolato, con almeno alcune centinaia di membri visibili ai grandi telescopi, e una popolazione totale stimata di almeno 2000 oggetti, molti di più di quelli della Via Lattea. Foto recenti hanno mostrato che M104 ha un alone galattico molto esteso.

8. M 83[modifica]

Carta di M83
M83 al telescopio 114mm

M 83 è una delle galassie più luminose del cielo; si trova nell'emisfero australe ad una declinazione tale che per essere individuata non devono esserci grossi impedimenti verso sud. La costellazione alla quale appartiene è l'Idra, sebbene le stelle luminose più vicine appartengano alla vicina costellazione del Centauro.

Se la notte è propizia e l'oggetto è alto sull'orizzonte, caso quest'ultimo possibile solo a partire dalle regioni tropicali, questa galassia può essere individuata anche con un binocolo, seppur con qualche difficoltà; dai cieli mediterranei è possibile osservarla con un piccolo telescopio, dove si presenta come una macchia nebulosa dai contorni irregolari.

La sua distanza è stimata in 15 milioni di anni luce, ossia è una delle galassie più vicine al nostro Gruppo Locale; talvolta ci si riferisce a questa galassia con il nome di Galassia Girandola del sud, in contrasto con la Galassia Girandola dell'Orsa Maggiore. M 83 è famosa per il numero di supernovae che ha ospitato: finora nell'arco di un secolo se ne sono osservate sei.