Utente:Claudio Gioseffi/Sandbox 2

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Materiale da rielaborare.

Frittelle dolci[modifica]

Ingredienti 2 pugni abbondanti di fiori di robinia 1 uovo grande o 2 piccoli 100 gr di farina 70 gr di zucchero 50 gr di latte 2 cucchiai di grappa 1 pizzico di sale 2 cucchiai di olio di semi olio per friggere Preparazione

Frittelle ai fiori di robinia

Lavare e mettere ad asciugare i fiori su un canovaccio, ben aperti. Sbattere le uova con lo zucchero ed il sale fino a quando non diventano belle spumose. Aggiungere a filo l'olio continuando a mescolare. Aggiungere quindi la farina setacciata amalgamando per evitare il formarsi di grumi. Regolare quindi la densità con il latte. Completare aggiungendo la grappa ed i fiori.

Versare a piccole cucchiaiate, in abbondante olio di semi bollente. Attenzione, se le frittelle sono grandi resteranno crude nel centro.

Scolare e passare nella carta assorbente le frittelle e spolverarle con zucchero a velo.

Per gustarle al meglio mangiarle ancora tiepide.

Frittelle salate[modifica]

Si raccolgono i grappoli, e per la preparazione si staccano i singoli fiori, levando loro il calicino verde che tiene uniti i petali, fino ad ottenere ciò che vedi nella prima fotografia all' interno del piatto. Poi si prepara una pastellina molto leggera con farina, acqua e un pochino di zucchero; si immergono un po' per volta i petali facendo delle piccole pallottole informi, quindi si posano nell'olio caldo, bastano pochissimi minuti affinché prendano la doratura come vedi nelle altre 2 fotografie... la tradizione credo le voglia completamente dolci, ma io ho spolverato sopra del sale e, credimi, il contrasto ne fa una vera delizia!

la frittata con i fiori di robinia…[modifica]

Ingredienti: 6 uova, 5 grappoli di fiori di robinia, 80 gr. di parmigiano grattugiato, 2 cucchiai di farina 0, latte, olio extravergine d’oliva, sale pepe e noce moscata.

In una bastardella lavoro la farina con qualche cucchiaio di latte, quando la pastella è ben lavorata aggiungo le uova, il parmigiano, la noce moscata e i fiori staccati dal peduncolo.

Amalgamo gli ingredienti, copro la bastardella con un telo e la metto in frigorifero a riposare per almeno 3/4 d’ora.

Verso il composto in una teglia rotonda leggermente unta d’olio e cuocio la frittata in forno già caldo a 180° per circa mezz’ora e comunque fino a quando è ben dorata.

Una volta tolta dal forno la cospargo di fiorellini di robinia e la metto in tavola.

Altro materiale[modifica]

in http://www.ricercadiricette.it/r/torta-margherita-con-fiori-di-acacia-765115.html