Utente:Diablo/sandbox/I Promessi Sposi/Capitolo V

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

V Capitolo

È regolato in 2 ambiti ben distiniti

Casa di Lucia Palazzo di Don Rodrigo  fa la sua comparsa col suo aiutante (Attilio)

Ambiente nobiliare durante il banchetto si affrontano temi di scarsa importanza (codice cavalleresco)

Provvida sventura: dolore voluto dalla Provvidenza (l’uomo soffrendo fa un’esperienza smogliante alla passione di Gesù) concezione del dolore secondo M- il dolore è qualcosa che viene da Dio.

“a mettere fuori l’unghie il nemico non ci guadagna”

Differenze tra D.A. e F.C

D.A riceve un’ordine dall’alto (potenti) rivolto al male che si rivolge verso gli umili (dall’alto in basso). F.C. parte dagli umili e sale verso il palazzo di Don Rodrigo. I contadini di D.R sono anche bravi.

P108 95-100 Climax Discendente

All’esterno del palazzo di D.R. gli uomini sono descritti come animali. All’interno oscurità dei luoghi e il frastuono di voci discordi che cercavano a vicenda superarsi Somiglianza dell’interno del palazzo con l’inferno. M. vuol ritrarlo come regno del male e ricorre al riferimento dantesco “Quivi sospiri pianti ed alti guai Risuonavano per l’aire senza stelle” Mentre D.R è il prepotente il conte Attilio è il male nella sua faccia più ironica e burlesca (dotato del senso dell’uomirismo). E’ un libertino (figura della cultura dell’Europa del Settecento dedito ai piaceri fisici dell’esistenza-donnaiolo, vizioso raffinato rispetto al provinciale D.R) M. lo definisce spensierato (pensa che la vita sia soprattutto divertimento) Attilio appare come l’uomo di città che D.R rispetta e nello stesso tempo disprezza. Spensierato: vive la vita come capita senza impegni e domande dedito al piacere. Nel palazzotto vi sono due ospiti, il podestà e Azzeccatusorella, Attilio e D.R. C’è una disputa tra A. e il podestà che riguarda una norma di comportamento cavalleresco riguardante il trattamento da riservare agli ambasciatori. Un messaggero di un nobile aveva portato un messaggio di sfida a un altro nobile e fu bastonato dal fratello del nobile che aveva sfidato. M voleva sottolineare questa nobiltà corrotta. D.R. per mettere in crisi F.C gli chiede chi avesse ragione.