Divina Commedia/Introduzione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

La struttura formale e il numero[modifica]

La Commedia di Dante Alighieri è costituita da 3 cantiche di 33 canti ciascuna, la prima delle quali ha 1 canto introduttivo: il poema è dunque costituito da 100 canti.

Questa attenzione ad una struttura formale così rigorosa e basata sul numero è significativa nell'opera: nel Medioevo, il numero è espressione dell'ordine geometrico e armonioso dell'universo; esso rimanda quindi al perfetto ordinamento del mondo come creazione di Dio. Non a caso l'opera è divisa in 3 cantiche: esse sono infatti simbolo dell'Unità e della Trinità del Dio dei cristiani[1]; allo stesso modo, il 100 del numero dei canti è multiplo di 10, il numero della perfezione.

Dal punto di vista metrico, il poema è composto di endecasillabi disposti in terzine; la rima è incatenata (di invenzione dantesca): ABA BCB CDC DED... YZY Z. La strofa usata da Dante viene definita terzina dantesca. A fine di ciascun canto è presente una breve strofa di 3 versi con 1 verso conclusivo.

Composizione dell'opera[modifica]

L'assenza di indicazioni autografe da parte di Dante e di riferimenti cronologici ha dato vita a delle controversie riguardo alla data di composizione dell'opera.

In linea di massima la critica odierna colloca:

  • L'inizio della stesura dell'Inferno nel biennio 1304-1305 oppure in quello 1306-1307, in ogni caso dopo l'esilio (1302). Salvo l'eccezione del riferimento al papato di Clemente V (1305-1314), spesso indicato come un possibile ritocco post-conclusione, non vi si trovano accenni a fatti successi dopo il 1309. Al 1317 risale la prima menzione in un documento (un registro di atti bolognese, con una terzina dell'Inferno copiata sulla copertina), mentre i manoscritti più antichi che ci sono pervenuti risalgono al 1330 circa, una decina di anni dopo la morte di Dante.
  • La scrittura del Purgatorio secondo alcuni si accavallò con l'ultima parte dell'Inferno e in ogni caso non contiene riferimenti a fatti accaduti dopo il 1313. Tracce della sua diffusione si riscontrano già nel 1315-1316.
  • Il Paradiso viene collocato tra il 1316 e il 1321, data della morte del poeta.

Note[modifica]

  1. Uno dei dogmi della religione cristiana (il dogma della Trinità) afferma che il Dio dei cristiani è Uno e Trino, uno in tre persone uguali e distinte