Filosofia del Cosmo/Capitolo 2

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
44i Bootis artist's conception.jpg
Ingrandisci
44i Bootis
Indice del libro

Menti umane, artificiali, divine[modifica]

Sebbene porti un modello di pensiero infinitamente complesso, una mente divina potrebbe essere unificata nella sua esistenza. I suoi elementi individuali sarebbero in tal caso astrazioni, un po' come l'altezza di un albero o il colore di un fiore sono astrazioni (pur essendo completamente reali).

Tuttavia, una tale mente potrebbe contenere molti elementi come se ciascuno di essi avesse un'esistenza veramente separata da quella degli altri. Alcuni pensieri divini fornirebbero la struttura degli oggetti materiali nei particolari completi. Come spiegato in precedenza, si potrebbe quindi sostenere che in realtà tali oggetti esistessero, ma ciò non renderebbe materiali tutti gli oggetti così strettamente unificati tra loro da sembrare tutti amalgamati insieme. Similmente, i pensieri divini sulle singole persone potrebbero effettivamente essere quelle persone senza che ognuno sapesse cosa stanno pensando tutti gli altri.

(1) Il Capitolo esamina da vicino come la conoscenza divina potrebbe includere "aree piene di ignoranza" che fossero i pensieri delle singole persone, e come potrebbe esserci una panoramica divina in cui i contenuti di tali aree potrebbero essere conosciuti "come se telepaticamente" — l'idea è che potresti (se la telepatia ha effettivamente funzionato) essere telepaticamente consapevole dell'ignoranza di qualcuno senza che tu fossi ignorante, anche se hai davvero una buona idea di come ci si sente ad essere ignoranti. (2) Inoltre il Capitolo esamina l'unità del tipo a noi noto attraverso l'introspezione, suggerendo che è essenziale per il valore dei nostri stati coscienti. La fisica quantistica potrebbe gettarci luce, finanche sull'unità degli "interi quantistici" in generale, interi che a volte potrebbero essere molto grandi. Ma questo non vuol dire che tutto – anche una mente divina – che possedesse tale unità dovrebbe obbedire a tutte le leggi della fisica quantistica. (3) Anche se rifiutasse il panteismo, un filosofo non potrebbe considerare tutte le cose come bisognose di essere "fatte di sostanza mentale" per poter esistere? Forse nulla può esistere a meno che non abbia un certo grado di complessità, la più semplice delle cose comunque costituita da vari elementi unificati in un modo completo che vale la pena chiamare "mentale" perché è necessariamente coinvolta una coscienza di qualche tipo primitivo. (4) Tuttavia, potrebbe essere un errore sostenere che entità correlate tra loro in qualsiasi modo, complesso o meno, debbano essere sempre meri aspetti di una stessa cosa. Una mente divina di cui fossimo parti potrebbe essere una tra infinite.

Attenzione: gli argomenti di questo Capitolo sono complicati. Apparentemente Cartesio pensava che la natura della coscienza fosse ovvia per ogni essere cosciente. Ora, mentre ciò potrebbe essere corretto da un aspetto, da altri è chiaramente errato.

Unità strutturale e unità dell'esistenza[modifica]

Senza unità di esistenza non può esserci valore reale[modifica]

La Teoria Quantistica indica che il nostro Universo è unificato nella sua e sistenza[modifica]

Il buon senso stesso indica che qualcosa di unificato nella sua esistenza può essere complesso[modifica]

Bradley, Russell e relazioni[modifica]

In un tutto unificato nella sua esistenza, un cambiamento in qualsiasi parte deve influenzare tutte le altre?[modifica]

I nostri stati coscienti ci mostrano che gli interi possono essere unificati nella loro esistenza[modifica]

Come ci si sente ad essere coscienti[modifica]

Conoscenza oltre la struttura[modifica]

Fusioni parziali potrebbero spiegare la natura qualitativa della coscienza[modifica]

A vari livelli, gli stati coscienti possono essere divisi e la Teoria Quantistica potrebbe dire perché[modifica]

Le sovrapposizioni potrebbero essere cruciali per percezioni e pensieri[modifica]

Computer quantistici[modifica]

Regioni del cervello potrebbero fungere da computer quantistici?[modifica]

Può esistere qualcosa senza che ce ne sia la coscienza?[modifica]

Conoscenza e ignoranza divine[modifica]

Molte menti divine?[modifica]

Note[modifica]


Searchtool.svg Per approfondire, vedi Serie delle interpretazioni, Serie letteratura moderna e Serie misticismo ebraico.