Francese/Grammatica/Pronomi relativi

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Pronomi relativi semplici[modifica]

In questa categoria figurano: qui, que, e dont. Un altro pronome realtivo semplice è quoi, ma è utilizzato esclusivamente con delle preposizioni che lo precedono.

Qui e que[modifica]

  • (1) L’homme qui vient d’entrer est mon père. – L’uomo che è appena entrato è mio padre.
  • (2) L’homme que tu as vu est mon père. – L’uomo che tu hai visto è mio padre.

Le traduzioni dei pronomi qui e que con “che” mettono in evidenza un limite della lingua italiana: l’incapacità di distinguere morfologicamente la funzione di soggetto (1) e di complemento oggetto (2) dei pronomi relativi.

Nella prima frase distinguiamo la proposizione principale (L’homme … est mon père) da quella relativa (qui vient d’entrer). Notiamo che il soggetto della principale (L’homme) è lo stesso che compie l’azione in quella relativa dove qui prende il suo posto (appunto pro-nome, “al posto del nome”). Quindi qui funziona da soggetto nella frase relativa.

Nella seconda frase, invece, distinguendo tra principale e relativa si nota che i soggetti non sono gli stessi (L’homme/ tu). Se nella frase relativa la funzione di soggetto è già stata assegnata allora que deve svolgerne un’altra. Questa è quella di complemento oggetto.

  • (3) Le chemise que tu as achetée coutais beaucoup. – La camicia che hai comprato costava molto.

Bisogna prestare attenzione ad una frase relativa introdotta da que. Se il predicato adoperato prevede il verbo avoir coniugato ed un participio passato, quest’ultimo deve fare l’accordo con l’antecedente. L’operazione si deve al fatto che quando il complemento oggetto – nel nostro caso que – si trova prima del participio passato questo va accordato. Per ulteriori spiegazioni si legga la voce relativa al participio passato.

  • (4) Le livre qu’elle a lu est à ma mère – Il libro che ha letto è di mia madre.

Quando que è seguito da una parola che inizia con vocale o h muta, allora si apostrofa. Con qui invece non è ammesso.

  • (5) La fille à qui j’ai donnè le livre de ma mère est l’une de mes amies. – La ragazza cui ho dato il libro di mia madre è una mia amica.
  • (6) C’est le livre sur quoi ma mère a consacré beaucoup de temps à écrire – È il libro sul quale mia madre ha speso molto del suo tempo a scrivere.

I pronomi semplici possono anche essere preceduti da preposizioni (e per questo motivo spesso vengono contati come pronomi composti). Quando l’antecedente è una persona allora usiamo il pronome qui (5), invece se l’antecedente è una cosa o un animale usiamo quoi (6) e non que. Ricordiamo che à qui/ à quoi, se tradotti con il pronome “cui”, può essere omessa la preposizione italiana “a”. Per gli altri casi in cui è permessa l’omissione della preposizione si veda la voce sul Vocabolario Treccani.

  • (7) Ta relation a convaincu peu de personnes, ce qui m’a laissé ma peine. – La tua relazione ha convinto poco persone, il che mi ha lasciato insoddisfatto.
  • (8) Ta relation a convaincu peu de personnes, ce que je le trouve incroyable – La tua relazione ha convinto poche persone, il che lo trovo incredibile.

I pronomi qui e que inoltre possono essere preceduti da ce (“questo, quello”) e sostituire quindi un’intera frase. Valgono le stesse indicazioni come in (1) e in (2), cioè ce qui funziona da soggetto, mentre ce que da complemento oggetto. Nella frase (7) ce qui può essere sostituito da et cela, ommettendo la virgola che precede; invece nella frase (8) ce que può essere sostituito semplicemente da et e come per prima, la virgola viene ommessa.

  • (9) Perdre la vue est ce qui m’effraie le plus. – Perdere la vista è ciò che mi spaventa di più.
  • (10) Perdre la vue est ce que je craigne le plus. – Perdere la vista è ciò che temo di più.

Le espressioni ce qui e ce que traducono anche “ciò che”. Come sempre la prima vale come soggetto (9), la seconda come complemento oggetto (10).

  • (11) Ce en quoi il croit n'est pas partagé par ses amis. - Ciò in cui crede non condiviso è dai suoi amici.

L'espressione *ce quoi è possibile, ma solo con una preposizione che la precede (11).

[modifica]

  • (12) Le village j’ai habité pendant trois ans étais vraiment reculé. – La cittadina in cui ho abitato per tre anni era davvero fuori mano.
  • (13) Le village d’où je viens est vraiment reculé. – La cittadina da cui provengo è davvero fuori mano.
  • (14) Le village par où on a fait un détour étais vraiment reculé. – La cittadina per la quale abbiamo fatto una deviazione era davvero fuori mano.

Il pronome può essere usato per introdurre una frase relativa il cui antecedente si riferisce ad un luogo (12). Come qui può essere preceduto da preposizioni, cioè de (13) o par (14). Nella frase (14) par où non può essere tradotto con “per cui” dato che quest’ultimo significa “e perciò”/ “e per questo”. Altre formazioni possono essere: vers où (= verso cui); pour où (per il/la quale); jousqu'où (fino a cui).

  • (15) Le jour est née ma fille je me suis cassé le bras droit. – Il giorno in cui mia figlia è nata mi sono rotto il braccio destro.
  • (16) À peu près c’est le siècle d’où on date la relique – All’incirca questo è il secolo cui facciamo risalire la reliquia.

Il pronome può essere usato per introdurre una frase relativa il cui antecedente si riferisce ad un periodo di tempo (15). L'avverbio quand (= quando) non può sostituire in questi casi. Solo la preposizione de può precedere come pronome di un antecedente di tempo (16). Il verbo italiano "risalire a" si traduce con "dater de".

Dont[modifica]

  • (17.1) Est-ce que je t'ai dèjà parlé du livre que ma mère a écrit? - Ti ho già parlato del libro che mia madre ha scritto?
  • (17.2) Est-ce que tu le sais que le livre dont je t’ai parlé a été écrit par ma mère? – Lo sai che il libro di cui ti ho parlato è stato scritto da mia madre?

Il pronome dont può essere usato come complemento di specificazione o comunque un modo per esprimere il possesso. Si veda la frase (17.2) dove l'espressione parler de in (17.1) viene sostituita da dont.

  • (18) La dame dont le livre a été publié par un important éditeur est ma mére. – La signora il cui libro è stato pubblicato da un importante casa editrice è mia madre.

Un altro modo per espimere il possesso, nel caso (18) quello di "libro", si può costruire la frase relativa con dont + nome. In questo caso però dont le livre/ "il cui libro" funziona come soggetto.

  • (19) La dame dont vous connaissez le fils est une écrivain très connue. - La signora, di cui conoscete il figlio, è una scrittrice molto conosciuta.

Il verbo connaître in (19), come l'italiano "conoscere", vuole il complemento oggetto e quindi non potrà essere seguito dalla preposizione de/ "di" come parler de in (17.1/.2). Tuttavia, come in italiano, è possibile costruire una relativa con di cui: dont + verbo + nome.

  • (20) À cause de l'attentat environ 20 personnes sont mortes, dont le père de l'un de mes amis. - A causa dell'attentato circa 20 persone sono morte, incluso il padre di un mio amico.

Per tradurre "incluso", "tra cui" si ricorre in francese al pronome dont come in (20).

  • (21) Je trouve regrettable la manière dont il a traité ses fils. - Trovo deplorevole il modo in cui ha trattato i suoi figli.

Nel francese scritto dont può essere utilizzato per esprimere il modo, la maniera con cui un'azione viene posta in essere. Ad esempio in (21) il verbo traiter (= trattare) vuole la preposizione avec (=con) e quindi il pronome relativo desiderabile poteva essere avec quoi o avec laquelle (vedi pronomi composti).