Francese/Pronuncia

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.

Pronuncia[modifica]

Wikipedia-logo-v2.svg Per approfondire su Wikipedia, vedi la voce Fonologia e ortografia del francese.

Quando si legge il francese si deve fare attenzione a:

Vocali nasali[modifica]

Una vocale seguita da consonante nasale (n o m), a sua volta seguita da consonante o da fine parola (salvo qualora intervenga la liaison phonique), costituisce una vocale nasale.

Le regole di pronuncia sono soggette a grande variabilità a seconda del luogo e dell'epoca, ma grossomodo le regole sono quelle enunciate di seguito. La seguente lista non vuole assolutamente essere un'esposizione rigorosa dal punto di vista linguistico, ma piuttosto una guida intuitiva per il parlante italiano. Notare che, in tutti i casi, nella pronuncia indicata la n non si pronuncia realmente, ma piuttosto sta a marcare una pronuncia nasale della vocale precedente.

  • "an", "am" e "em" si leggono "on " (per esempio enfant si legge "onfòn"),
  • "en" si legge "on ", salvo quando preceduta da "i" o "y", nel qual caso si legge "an " (per esempio couvent si legge "couvòn" e bien si legge "biàn")
  • "in", "im", "yn" e "ym" si leggono "an " (per esempio indispensable si legge "andisponsàble")
  • "un", "um" si leggono "an " (per esempio lundi si legge "làndi"). La norma fonetica prevede una pronuncia leggermente diversa rispetto al caso ad esempio di "in", ma questa distinzione si è pressoché persa nel francese corrente.
  • I dittonghi "aim", "ain" e "ein" si leggono "an " (per esempio plein si legge "plàn")
  • "on" e "om" si leggono "-n ", dove con "- " si è indicata la vocale centrale media schwa.

Terminazione dei verbi[modifica]

I verbi di prima coniugazione terminano generalmente per -e, -es, -e, -ons, -ez, -ent, di cui -e, -es, -ent sono mute; -ons si legge o; -ez si legge e.

Ultime lettere delle parole[modifica]

  • Le consonanti D P S T X Z G (per memorizzare si consiglia di utilizzare la parola DePoSiTo XZG oppure PoSTa X Zia GiaDa) quando si trovano alla fine della parola sono mute, ovvero non si pronunciano.
  • Se invece la parola che segue inizia per vocale o h muta si fa generalmente la cosiddetta "liason", cioè si legge la parola che finisce per consonante e quella che inizia per vocale come un'unica parola Per esempio les enfants (la s di les si legge, quella di enfants no), mes amis (pronuncia mesamì), ecc.
  • La E senza accento è muta in fine di parola, mentre le altre vocali si pronunciano sempre. Per esempio la porte (pronuncia port), le piano (pronuncia pianò), papa (pronuncia papà)

Dittonghi[modifica]

Questi sottocitati sono alcuni tra i dittonghi più ricorrenti:

  • "eau" si legge "ó" (esempio seau si legge "só"),
  • "au" si legge "ó" (esempio cadeau si legge "cadó"),
  • "ai" si legge "e" ( esempio paix si legge "pè"),
  • "ei" si legge "e" ( esempio baleine si legge "balèn"),
  • "eu" si legge "ø" (esempio ceux si legge "sø"),
  • "oeu" si legge "ø" (esempio oeuf si legge "øf"),
  • "oi" si legge "uà" (esempio sois si legge "suà"),
  • "ou" si legge "u" (esempio nous si legge "nu")
  • "ui" si legge come è scritto (esempio suis si legge "suis")

Vocali[modifica]

  • y deve essere letta come una doppia i e in caso di presenza di vocali con cui può formare un dittongo, si leggerà il dittongo e la seconda i della y

"E" accentate o non accentate[modifica]

Come regola generale si può dire che qualsiasi "e" letta deve necessariamente essere accentata se viene pronunciata. Gli accenti sono fondamentali per la lettura, infatti sarebbe impossibile leggere correttamente un testo in francese senza accenti.

  • "e" alla fine di una parola è sempre muta, tranne se accentata.
  • "è" si pronuncia ε (ad esempio frère si pronuncia fʀɛʀ) (in italiano e aperta)
  • "é" si pronuncia e (ad esempio école si pronuncia ekɔl) (in italiano e chiusa)
  • "-er" si pronuncia e
  • "-ez" si pronuncia e

Altre[modifica]

  • que si pronuncia [k]
  • c +e, i, y si pronuncia s aspra (cinema si legge sinemà)
  • ch si pronuncia (si pronuncia sc)
  • j si pronuncia [ʒ] (come jour),ma se segue t si pronuncia [come la s dolce dell'italiano rosa]

Consultare l'alfabeto fonetico internazionale per una corretta pronuncia delle frasi