Italia/Geografia/Clima

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.

L'Italia, che si trova tra il 35° e il 47° Parallelo, ha un clima temperato, quindi favorevole all'insediamento umano. Il clima italiano si suddivide principalmente in 4 climi principali:

  • Clima mediterraneo
  • Clima continentale
  • Clima alpino
  • Clima appenninico

Clima mediterraneo[modifica]

Il Clima mediterraneo si sviluppa nei paesi del Bacino mediterraneo, in alcune zone della California, in Sudafrica, in alcune zone del Cile, nella parte meridionale dell'Australia . È un clima subtropicale ha estati calde e secche ed inverni non molto freddi ma spesso piovosi. La vegetazione mediterranea, la cosiddetta macchia mediterranea, è composta principalmente da arbusti e cespugli, come il rosmarino, il ginepro, il cisto, la ginestra l'oleandro, il pino marittimo, il leccio e l'olivo. Nelle zone turistiche è stata affiancata dall'introduzione di specie esotiche quali cactus,cycas,aloe, palme ed agavi.

Il clima mediterraneo italiano, può a sua volta essere diviso in tre microclimi: il clima adriatico, il clima tirrenico e il clima mediterraneo propriamente detto.

Clima adriatico[modifica]

Si sviluppa nella zona dell'Italia orientale affacciata sul mar Adriatico, da Trieste fino al Molise, e si limita a una stretta fascia costiera. Non riesce difatti quasi mai a penetrare nelle zone interne, a causa rispettivamente dell'influenza della pianura padano-veneta e della vicinanza al mare delle alture dell'Appennino. Le temperature invernali sono abbastanza miti solo dove la costa è alta, con fondali relativamente profondi anche sottocosta, e riparata dai venti orientali, ovvero principalmente lungo la costiera tra Duino e Trieste, intorno ad Ancona e tra Grottamare e San Benedetto. Al contrario sono piuttosto freddi e molto esposti ai venti orientali tutto il litorale veneto, quello romagnolo, e vaste parti di quello marchigiano e abruzzese. In queste zone d'inverno spesso si può scendere sotto lo zero nelle ore notturne, e l'umidità invernale è elevata. In genere queste zone a costa bassa risultano appena meno fredde e nebbiose delle limitrofe zone interne, vista la ridotta influenza del mare, profondo solo un paio di metri. Le estati sono ovunque relativamente calde, con punte sopra i 30 gradi in luglio e agosto.

Clima tirrenico[modifica]

Il clima tirrenico si sviluppa lungo la costa occidentale della penisola, da Ventimiglia al Golfo di Gaeta, al confine tra Campania e Lazio. Questo clima interessa lo stretto litorale della Liguria, la fascia costiera della Toscana, con le isole, la parte del Lazio più vicina al mare. La costa tirrenica ha inverni più miti della corrispondente costa adriatica: particolarmente favorite risultano la costa del ponente ligure da Ventimiglia a Capo Mele e la zona da Quarto dei mille (GE) a Sestri Levante, con temperature invernali inaspettatamente miti.Le zone più piovose risultano il levante ligure e la Versilia, in particolare nel trimestre autunnale. Le estati lungo il Tirreno sono calde ma in genere non troppo afose; solo in alcune zone della costa Ligure l'umidità estiva è invece spesso elevata.

Clima Mediterraneo[modifica]

È il clima più caldo d'Italia. Si sviluppa lungo le coste e nelle zone vicine al mare della parte più meridionale della penisola italica, più o meno dalla costa campana in giù sul lato tirrenico, e dalla penisola del Gargano in giù sul lato adriatico nonché sulle due grandi isole, Sicilia e Sardegna. È caratterizzato da inverni miti e brevi, sebbene alcuni anni assai piovosi, in cui le temperature presso le coste molto raramente scendono sotto gli 0 °C e estati torride, lunghe e secche. In Sicilia il clima mediterraneo coinvolge anche gran parte delle zone interne. Le estati sono quasi completamente secche mentre le primavere, gli inverni e gli autunni sono invece piuttosto piovosi. In particolare sono molto aumentati i fenomeni di rovesci intensi, con relativi danni ed inondazioni.

Clima continentale[modifica]

È il clima caratteristico delle zone interne dei continenti, paesaggi tipici di questo clima sono la prateria, la steppa, la foresta di latifoglie. In Italia si trova principalmente nella pianura padana, quindi nelle zone pianeggianti del Piemonte, della Lombardia, del Veneto, dell'Emilia, della Romagna interna e del Friuli occidentale. È caratterizzato da inverni lunghi, umidi e nebbiosi e da estati calde e afose. A causa della lontananza dal mare l'escursione termica tra estate e inverno risulta assai elevata. La piovosità in questa zona è moderata. Il clima continentale, in forma più o meno attenuata si riscontra comunque anche in altre zone interne e pianeggianti di tutte le altre Regioni, dalla Toscana alla Puglia.

Clima alpino[modifica]

È il clima caratteristico della fascia montana alpina, il paesaggio tipico di questo clima varia in base all'altitudine. Alle basse quote si trova la foresta di latifoglie, che, più in alto, lascia il posto alla foresta di conifere. Gli inverni sono lunghi e assai rigidi e le estati brevi e fresche. Le precipitazioni piovose sono abbondanti e prevalentemente estive, quelle nevose abbondanti gli inverni.

Clima appenninico[modifica]

È il clima caratteristico degli appennini,che coinvolge gran parte dell'Italia peninsulare dalla Liguria alla Calabria: il paesaggio di questo clima è molto vario e poco definito e cambia in base a diversi fattori.Nel clima appenninico gli inverni sono rigidi e le estati calde, la piovosità è variabile in base alla zona, ma è più abbondante a ovest; la neve è frequente d'inverno. Alle basse quote il clima è ovviamente meno rigido ed assume i caratteri di quello continentale, infine è di tipo mediterraneo avvicinandosi alle coste.