Reti di computer/Introduzione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Lo strumento attualmente più diffuso di telecomunicazione è il telefono, nelle sue diverse implementazioni. Ogni implementazione (telefono fisso, cellulare, satellitare) rappresenta un particolare modello tecnologico, con una sua storia e un suo background. Scopo di questo corso è osservare i modelli tecnologici e le implementazioni più diffuse delle reti di telecomunicazioni comunemente utilizzate nel mondo dell'informatica.

Storia[modifica]

Le Origini - Comunicazioni uomo-uomo[modifica]

Dalle origini del tempo l'uomo ha cercato di comunicare a distanza con i suoi simili. Le prime tecniche erano con specchi e trasmissione a distanza della luce delle fiaccole nel buio. Questa tecnologia non era prettamente digitale né analogica. Era semplicemente un'applicazione di una proprietà della luce. Le prime implementazioni di vere tecnologie avvennero fra il XVIII ed il XX secolo.

Telegrafia[modifica]

Risalgono ai primi anni del XIX secolo le grandi scoperte scientifiche e tecnologiche che hanno portato al telefono. Si parte da Morse, con il suo codice di punti e segni, che divenne la parte fondamentale della telegrafia. Questa non faceva altro che trasmettere una corrente in un filo di rame nel caso in cui ci fosse un contatto tra pulsante e base. L'operatore (il marconista) aveva il compito di inviare e ricevere i codici. In origine era necessario avere un cavo tra mittente e ricevitore e questo cavo era la parte più costosa del sistema di comunicazione. Da un punto di vista tecnico, un cavo telegrafico non è che un collegamento punto-punto, con una codifica digitale (nel senso di fatta con le dita). Le velocità di un sistema mono-filo in rame non possono che essere bassissime e avere una frequenza di pochi, pochissimi Hz. La communtazione era a messaggio, ovviamente (il messaggio veniva ricevuto, letto e inoltrato), e avveniva attraverso un operatore umano. Vista la somiglianza alle poste, il sistema telegrafico usava un indirizzamento di tipo postale.

In un momento in cui le conoscenze tecnologiche non erano ancora arrivate all'elettronica, nel 1846, la Siemens mise in commercio (ad un prezzo spropositato) la prima telescrivente elettromeccanica. Per gestire le neonate telecomunicazioni, nel 1865 venne fondata la ITU, una organizzazione internazionale per gestire in modo super partes gli standard per le telecomunicazioni internazionali. Il primo grande conseguimento della ITU fu la posa del primo cavo transoceanico nel 1966.

Telefono[modifica]

Nel 1876 Bell brevettò il telefono. Meucci aveva già depositato nel 1871 un brevetto simile, ma non fu considerato omologato. La tecnologia del telefono risentiva dell'esperienza in ambito telegrafico. Infatti era, almeno inizialmente, una rete Point2Point di doppini in rame che trasportavano dati a 4 kHz. La commutazione a circuito era inizialmente gestita da un operatore, poi da macchine