Utente:Giuli2797/Cromatografia/Spettrometria di massa e accoppiamento GC-MS: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
aggiunta note
(correzioni di forma)
(aggiunta note)
Unendo le informazioni ricavabili dalle precedenti equazioni si ricava che la velocità di uno ione che lascia la sorgente è uguale a:
 
::::: <math> v=\sqrt{ \left ( \frac{2zeV_{acc} }{m} \right) } </math> <ref>Hoffmann, pag 126</ref>
dove V<sub>acc</sub> è il potenziale di accelerazione che subisce lo ione<br>
 
Affinché la separazione sia utile è necessario che tutti gli ioni partano contemporaneamente dalla sorgente ionica, in questo modo tutti gli ioni aventi lo stesso rapporto m/z arriveranno contemporaneamente al rivelatore e tutti gli ioni vengono rivelati in sequenza a seconda del valore del loro rapporto massa/carica.
 
Gli analizzatori a tempo di volo sono in generale strumenti semplici e robusti, dotati di un intervallo di masse rivelabili praticamente illimitato e i tempi di analisi sono piuttosto brevi: il tempo di acquisizione di uno spettro di massa completo è nell’ordine dei µs.<ref>Hoffmann, pag 127</ref> Il loro più grande limite è però dato dal fatto che sono caratterizzati da risoluzione e sensibilità piuttosto basse se confrontate con quelle di altri analizzatori, questo perché il numero di ioni che viene rivelato è molto basso e non sufficiente a fornire con accuratezza e precisione adeguate misure di massa e abbondanza. <br>
La risoluzione dell’analizzatore a tempo di volo si ricava facendo alcune considerazioni in merito al rapporto m/z e il tempo di volo. Innanzitutto si isola il rapporto m/z:
 
Da cui si evince che la risoluzione dell’analizzatore a tempo di volo è pari a:
 
::::: <math> R = \frac{m}{\Delta m}=\frac{t}{2 \Delta t} =\frac{d}{2 \Delta x} </math> <br>
: con m e t rispettivamente massa e tempo di volo dello ione;
: Δt e Δm l’ampiezza a mezza altezza dei picchi;
: Δx lo spessore di un pacchetto di ioni che arriva al rivelatore.
 
Dal momento che la risoluzione è proporzionale al tempo di volo e al percorso, per migliorare la risoluzione è possibile agire in due modi: <br>
• Allungare il tubo dell’analizzatore in modo da allungare il cammino che ogni ione deve compiere per arrivare al rivelatore – in questo modo però si aumenta la perdita di ioni a causa della loro dispersione a seguito della collisione degli ioni con le molecole di gas; <br>
• Abbassare la tensione di accelerazione. Questo comporta però l’abbassamento della sensibilità. <br>
È quindi necessario trovare un adeguato compromesso che consenta di avere una buona risoluzione e sensibilità, questo viene fatto utilizzando un tubo lungo 1-2 metri e usando una tensione di accelerazione di 20 kv.<ref>Hoffmann pag.129</ref><br>
178

contributi

Menu di navigazione