Doma dei cavalli/Parte I

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search


Introduzione[modifica]

La prima domesticazione del cavallo, uno dei maggiori risultati dell'uomo nel regno animale, non fu lavoro di un giorno solo; ma come tutti gli altri grandi risultati fu conquistata attraverso un graduale processo di scoperte ed esperimenti. Prima l'uomo sottomise gli animali più subordinati, grazie al fatto che erano più facili da catturare e domare; e usò per molti anni quelli che erano solo sgobboni, il bue, l'asino, e il cammello, invece dell'agile ed elegante cavallo. Il nobile animale fu l'ultimo ad essere sottomesso, a causa, forse, della limitata e inaccurata conoscenza dell'uomo della sua natura, e dalla sua conseguente incapacità di controllarlo. Questo fatto da solo è un'evidenza sufficiente della sua superiorità su tutti gli altri animali.

L'uomo, in tutte le sue invenzioni e scoperte, ha quasi invariabilmente cominciato con qualche principio semplice, e poi l'ha gradualmente sviluppato da un livello di perfezione a un livello successivo. Il primo accenno disponibile riguardo l'uso dell'elettricità è stato il suo trasporto dalle nubi, compiuto da Franklin con il suo aquilone; ora è il mezzo per convogliare il pensiero da una mente all'altra, con una rapidità che vince il tempo. La grande potenza propulsiva che va muovere i meccanismi dei motori sulla nostra terra, e solca l'oceano con le nostre navi, fu scoperto per la prima volta mentre si sprigionava da una bollitrice per tè. E anche la potenza del cavallo, seconda solo alla potenza del vapore, fu conosciuta dall'uomo solo dopo che esperimenti e ricerche gliela rivelarono.

Il cavallo, in base alle migliori fonti di cui disponiamo, è stato il continuo servitore dell'uomo per circa quattromila anni, sempre ricompensandolo con la sua fatica e donandogli agio, in proporzione alla sua abilità e alla sua maniera di usarlo; ma essendo un servitore bizzoso, segnato da vizi, e spesso pericoloso per quelli che lo conducono con la forza bruta, e senza sapere nulla della bellezza e del piacere che possono essere ottenuti coltivando la sua natura più fine; mentre presso l'Arabo, per il quale il cavallo è il principale motivo di orgoglio nella vita, e che lo governa seguendo le regole della gentilezza, noi lo troviamo un animale diverso. Il modo in cui è trattato da quando è puledro lo rende affezionato ed attaccato al suo padrone in un modo sconosciuto in qualsiasi altro paese. L'Arabo ed i suoi figli, la cavalla e i suoi puledri, abitano insieme la stessa tenda; e nonostante che il collo dei puledri o della cavalla siano spesso i cuscini su cui i bambini si rotolano, non avviene mai alcun incidente, essendo la cavalla altrettanto attenta con i bambini che con il puledro. L'attaccamento fra il cavallo e il suo proprietario è tale, che lascerà i suoi compagni al suo richiamo, sempre lieto di obbedire alla sua voce. E quando l'Arabo cade dal suo cavallo e non riesce a risalire, il cavallo gli starà vicino e nitrirà per chiedere aiuto; e se si corica per dormire, come talora è costretto a fare dalla fatica in mezzo al deserto, il suo destriero veglierà su di lui, e nitrirà per svegliarlo se si avvicina un uomo o un animale. Gli Arabi spesso insegnano ai loro cavalli dei segni o dei comandi segreti,. di cui fanno uso in occasioni di emergenza per ottenere le massime prestazioni. questo metodo è più efficace del barbaro modo di spingerli con lo sperone o con la frusta, e un'efficace illustrazione di questo principio può essere ritrovata all'interno di questo aneddoto.

Un beduino chiamato Jabal possedeva una cavallo di grande fama. Pasha, allora governatore di Damasco, desiderava comprarla, e aveva fatto ripetutamente al proprietario le offerte più generose, che Jabal aveva sempre rifiutato. Il pasha era poi ricorso alle minacce, ma senza maggiore successo. Dopo parecchio tempo, un tale Gafar, beduino di un'altra tribù, si presentò al pasha, e gli chiese cosa avrebbe dato all'uomo che lo avesse reso proprietario della cavalla di Jabal. "Riempirò d'oro la musetta del suo cavallo", rispose Hassan. Essendo circolato il racconto di questo abboccamento, Jabal diventò più guardingo che mai, e assicurava sempre, durante la notte, la cavalla con una catena di ferro, della quale un capo era assicurato al suo nodello posteriore, mentre l'altro, dopo aver attraversato la parete della tenda, era assicurato a un picchetto piantato a terra sotto il tappeto che serviva come letto per lui e per la moglie. Ma nel mezzo di una notte, Gafar entrò silenziosamente nella tenda, e riuscì ad allentare la catena. Appena prima di fuggire con la sua preda, prese la lancia di Jabal, e urtandolo con l'estremità smussa gridò: "Io sono Gafar! Ho rubato la tua nobile cavalla, e ti avviso in tempo". Questo avviso era in accordo con gli usi del deserto, secondo i quali rubare a una tribù ostile è considerata un'impresa onorevole, e l'uomo che la conduce a termine desidera tutta la gloria che può derivarne. Povero Jabal, quando udì le parole, si precipitò fuori della tenda e diede l'allarme; poi montato sulla cavalla di suo fratello, accompagnato da alcuni della sua tribù, insegui il ladro per quattro ore. La cavalla del fratello era dello stesso sangue di quella di Jobal, ma non le equivaleva; tuttavia egli distanziò tutti gli altri inseguitori, ed era sul punto di raggiungere il ladro, quando Jabal gli gridò:"Pizzicale l'orecchio sinistro e toccala coi talloni". Gafar lo fece, e la cavalla scatto avanti come il fulmine, rendendo rapidamente senza speranza un ulteriore inseguimento. Il pizzicale l'orecchio e il toccala con il tallone erano i segnali segreti che Jabal aveva insegnato alla cavalla per spingerla alla massima velocità. I compagni di Jabal erano sorpresi e indignati da questo strano comportamento. "Tu gran pezzo di somaro!", gridarono, "hai messo il ladro in grado di di rubarti il tuo gioiello."Ma lui zittì i loro rimproveri dicendo: "Avrei preferito perdere lei che infangare la sua reputazione. Mi avreste fatto sopportare che fosse detto nelle tribù che un'altra cavalla si è dimostrata più veloce della mia? Mi è rimasto almeno il conforto che lei non ha mai incontrato una sua eguale."

Paesi diversi hanno il loro diverso stile di equitazione e di governo del cavallo, ma ciascuno all'inizio non ha potuto evitare di praticarlo in un modo grossolano e distratto, essendo difficile l'ascesa alla comodità e al piacere conquistato nell'uso del cavallo dei giorni nostri. I raffinati Greci, come le più selvagge nazioni del Nord Africa, cavalcarono a lungo senza sella né redini, guidando i loro cavalli con la voce o con le mani, o con un leggero ramoscello con il quale toccavano l'animale su un lato del muso per farlo girare nella direzione opposta. Lo spingevano avanti con un tocco del tallone, e lo fermavano prendendolo sul muso. Alla lunga furono introdotte le testiere e le imboccature, ma passarono molti secoli prima che fosse usato qualcosa che si potesse chiamare una sella. Al suo posto, sotto il cavaliere erano posti un panno, singolo o imbottito, e le pelli di animali selvatici, spesso riccamente adornate, ma sempre senza staffe; e risulta un fatto straordinario che i Romani, anche nei tempi in cui eccedevano nel lusso, non avessero mai desiderato un espediente così semplice per aiutare il cavaliere a salire, per diminuire la sua fatica, e per aiutarlo a sedere sulla sella con maggior sicurezza. Gli antichi scultori provano che i cavalieri di quasi tutte le nazioni erano abituati a montare i loro cavalli dal lato destro dell'animale, cosa che potrebbero aver fatto per il migliore appiglio sulla criniera, che pende da quel lato, un'abitudine dovunque cambiata nei tempi moderni. Gli antichi in genere saltavano sulle schiene dei loro cavalli, anche se talora portavano una lancia con un anello o una sporgenza a circa due piedi dal fondo, che gli serviva come gradino. Sotto la Grecia e sotto Roma, i governatori locali erano tenuti a controllare che blocchi per montare a cavallo (quelli che gli scozzesi chiamano loupin'on stanes) fossero disposti lungo le strade alla distanza adatta. Le persone importanti, tuttavia, pensavano che fosso più dignitoso montare i loro cavalli usando le schiene piegate dei loro servi o dei loro schiavi, e molti che non potevano disporre di un aiuto così costoso, usavano portare con sé una scala leggera. La prima documentazione certa che abbiamo dell'uso della sella è contenuta nell'editto dell'imperatore Teodosio (385 d.C.), dal quale sappiamo anche che era uso di coloro che affittavano cavalli da posta fornire la loro sella personale, e che la sella non avrebbe dovuto pesare più di sessanta libbre, un affare ingombrante, più simile alle piattaforme messe sulla schiena degli elefanti che alle selle leggere ed eleganti dei tempi moderni. Le sella alla amazzone sono un'invenzione relativamente recente. La prima vista in Inghilterra fu costruita per Anna di Boemia, moglie di Riccardo II, e probabilmente era più simile a un sellino posteriore che alle selle da amazzone dei giorni nostri. Un sellino è una specie di sedia con braccioli molto bassa, che era assicurata alla groppa del cavallo, dietro la sella, sulla quale sedeva un uomo a cui spettava l'intero compito di condurre il cavallo, mentre dove la donna sedeva comodamente, tenendosi salda afferrando una cinghia che l'uomo indossava, o passando un braccio attorno al suo corpo se l'uomo non era troppo delicato. Ma i messicani trattano queste faccende con maggiore galanteria di quello che facevano gli antichi. La paisana, o signora di campagna, ci raccontano, si vedeva spesso montata davanti al suo cavaliere, che prendeva la posizione più naturale di stare seduto dietro la sua bella, sostenendola con un braccio tenuto attorno alla sua vita (un sostegno molto appropriato, se la posizione piegata del braccio non causa un occasionale crampo dei muscoli). Queste due posizioni possono essere giustamente considerate come i primi passi fatti dalle signore verso il loro perfezionato e elegante stile di montare dei nostri giorni. In un primo tempo, quando era comune lo svago della falconeria, indossavano il costume dei cavalieri e cavalcavano a cavalcioni.

I cavalli sono stati diffusamente usati per molti secoli prima che si immaginasse una qualsiasi forma di protezione degli zoccoli, e questa fu introdotta, ovviamente, su scala ridotta. La prima difesa per il piede data al cavallo, si dice, era basata sullo steso principio di quella indossata dagli uomini, ed era una specie di sandalo di cuoio, legato al piede del cavallo con cinghie o corregge. E alla fine furono fissate ai piedi del cavallo con lo stesso semplice sistema delle piastre metalliche.

Ancora una volta, come nel caso della sella senza staffe, quando riflettiamo sul fatto che l'uomo aveva dovuto, per circa mille anni, continuare a fissare piastre metalliche sotto il piede del cavallo col rozzo sistema costituito da cinghie e corregge, senza che gli fosse mai capitato di provare con un miglioramento così semplice come quello costituito dai chiodi, abbiamo un'altra notevole dimostrazione della lentezza dei passi con cui l'equitazione ha raggiunto lo stato attuale.

Nelle note precedenti mi sono preso la libertà di utilizzare parecchie notizie da un valido, piccolo lavoro di Rollo Springfield. Con questo breve commento sull'ascesa e il progresso dell'equitazione, dal suo inizio ai giorni nostri, procederò col darvi i principi di una nuova teoria sulla doma dei cavalli selvaggi, che è il risultato di molti esperimenti, e di una meticolosa ricerca e verifica dei diversi sistemi di trattamento del cavallo oggi in uso.