Doma dei cavalli/Parte V

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search


Come montare il puledro[modifica]

Quando volete che parta non toccatelo sul fianco con i vostri talloni e non fate niente per spaventarlo e per farlo balzare in avanti. Piuttosto parlategli gentilmente, e se non parte tiratelo un po' a sinistra finché parte, e lasciatelo camminare lentamente con le redini lasse. Camminate un po' in giro per la scuderia finché si sarà abituato all'imboccatura, e potrete girarlo in ogni direzione e fermarlo a vostro piacimento. Sarà bene salire e scendere parecchie volte finché si sarà abituato perfettamente alla cosa prima di condurlo fuori della scuderia.

Dopo che l'avrete addestrato in questo modo, cosa che non richiederà più di un'ora o due, potrete montarlo dove vorrete senza che balzi o faccia alcun tentativo di disarcionarvi.

Quando lo portate fuori della scuderia per la prima volta siate molto gentili con lui, perché si sentirà un po' più libero di balzare o di correre, e si spaventerà un po' più facilmente di quando era nella scuderia. Ma dopo averlo lavorato come abbiamo suggerito nella scuderia sarà domato veramente bene, e sarete in grado di controllarlo senza problemi né rischi.

Quando lo montate per la prima volta tenete la redine sinistra un po' più corta, in modo che se qualcosa lo spaventa potrete impedirgli di balzare in avanti piegandogli l'incollatura verso di voi. Questa manovra di flettere la testa del cavallo contro il suo fianco impedirà a qualsiasi cavallo si balzare in avanti, di impennarsi, o di scappare in avanti. Se si intestardisce e non vuole procedere, potete farlo partire flettendogli l'incollatura su un lato, mentre frustarlo non avrebbe alcuna efficacia. E facendolo girare su se stesso alcune volte lo confonderete, e poi lasciandogli l'incollatura dritta, e toccandolo leggermente con la frusta, partirà in avanti senza problemi.

Non usate mai martingale su un puledro quando lo montate per la prima volta; ogni movimento della vostra mano deve raggiungere direttamente l'imboccatura nella direzione con cui la applicate alle redini, senza che una martingala cambi la direzione della forza. Potrete guidare il puledro molto meglio senza di essa, e insegnargli l'azione dell'imboccatura in un tempo molto minore. Inoltre, le martingale impediranno di flettergli l'incollatura di lato se tentasse di balzare in avanti.

Dopo che il vostro puledro è stato montato finché è ammansito e ben abituato all'imboccatura, potreste trovare vantaggioso l'uso di una martingala se porta la testa troppo alta, o il naso troppo in avanti.

All'inizio dovrete stare attenti a non montare il puledro al punto di accaldarlo, preoccuparlo o stancarlo. Smettete appena vedete che è un po' affaticato; coccolatelo e lasciatelo riposare; questo lo renderà gentile nei vostri confronti e impedirà che diventi testardo o bizzoso.

Il modo giusto di usare le redini fisse[modifica]

I fattori spesso applicano le redini fisse su un puledro come prima cosa che fanno, fissandole più strette che possono, per fargli tenere la testa alta, e poi lo liberano per una mezza giornata in un paddock in una volta sola. Questa è una delle peggiori punizioni che possono infliggere a un puledro, e molto pesante per un cavallo giovane abituato a correre nel paddock con la sua testa abbassata. Ho visto puledri così danneggiati da questa pratica da non riprendersi più.

Un cavallo dovrebbe essere ben abituato all'imboccatura prima di applicare le redini fisse, e quando le applicare per la prima volta dovrebbero solo mantenere la testa nella posizione in cui lui la tiene naturalmente, sia essa alta o bassa; imparerà presto che non può abbassare la testa e che sollevarla un po' diminuisce la pressione dell'imboccatura sulla sua bocca. Questo gli darà l'idea di alzare la testa per alleggerire l'imboccatura, e allora potrete regolare le redini fisse un po' più strette ogni volta che le applicate, e lui alzerà la testa per alleggerire la pressione; in questo modo voi porterete gradualmente la sua testa e la sua incollatura nella posizione che desiderate, e gli darete una postura bella e aggraziata senza fargli del male, senza farlo imbizzarrire, e senza indolenzirgli la bocca.

Se applicate le redini fisse molto strette la prima volta, non sarà in grado di alzare la testa abbastanza da alleggerirle, ma si appoggerà su di loro per tutto il tempo, e rasperà, suderà, e si slancerà in avanti. Molti cavalli sono morti per una caduta all'indietro mentre indossavano le redini fisse, avendo battuto la testa con tutto il peso del corpo. I cavalli che hanno la testa sollevata da redini fisse strette non dovrebbero indossarle per più di quindici o venti minuti.

Come attaccare un cavallo molto selvaggio e che presenta vizi[modifica]

Sollevate un anteriore e piegate il suo ginocchio finché il suo zoccolo è completamente sollevato, e tocca quasi il suo corpo; poi fate scorrere un laccio sopra il ginocchio fino a superare in alto l'articolazione del pastorale, per tenerla sollevata, facendo attenzione di fissare il laccio fra lo zoccolo e il pastorale con un secondo laccio di qualche tipo per impedire che il laccio scivoli in basso e si sfili. Questo lascerà il cavallo piazzato su tre gambe; a questo punto potrete maneggiarlo a vostro piacimento, perché è assolutamente impossibile, per lui, calciare in questa posizione. In questa manovra di sollevare un piede del cavallo c'è qualcosa che sottomette un cavallo più rapidamente e meglio di qualsiasi altra cosa che possiate fare con lui. Non esiste al mondo una tecnica altrettanto valida per domare un cavallo che calcia, per molte ragioni. La prima è un principio proprio della natura del cavallo: sottomettendo un suo segmento soltanto, voi sottomettete in larga misura l'intero cavallo.

Forse vi è capitato di vedere qualcuno che adotta questo principio, attaccando le orecchie di un cavallo una all'altra per impedirgli di calciare. Una volta ho visto su una rivista la descrizione di un metodo per far restare fermo un cavallo viziato mentre viene ferrato, che consisteva nel fissare in basso una delle sue orecchie. Non veniva data alcuna spiegazione del perché avreste dovuto farlo; ma io l'ho provata molte volte, e nonostante che abbia verificato un buon effetto, tuttavia non ne raccomanderei l'uso, soprattutto quello di legare insieme le orecchie. L'unico beneficio che deriva da questa tecnica è che mettendo in disordine le sue orecchie attiriamo su di loro la sua attenzione, impedendogli di resistere alla ferratura. legare un piede opera in base allo stesso principio ma ha un effetto molto migliore. Quando legate in alto il piede di un cavallo per la prima volta, talora si imbizzarrisce, e agita il ginocchio, e tenta ogni metodo per liberarsi; ma non può farlo, e presto rinuncerà.

Questo lo sottometterà meglio di qualsiasi altra cosa voi possiate fare, e senza possibile pericolo che faccia male a sé stesso o a voi, per cui potete legare i, suo piede e sedervi e stare a guardare finché cede. Quando vedrete che è stato sottomesso, andate da lui, permettetegli di abbassare il piede, massaggiategli la gamba con la mano, accarezzatelo, e lasciatelo riposare un po'; poi riapplicate il legaccio. Ripetete la cosa alcune volte, applicando il laccio sempre allo stesso piede, e presto imparerà a muoversi su tre gambe consentendovi di guidarlo per un certo tratto. Appena si è un po' abituato a questo modo di muoversi, applicate i vostri finimenti, e legatelo a un carretto. Fosse anche il peggior calciatore che mai si sia visto non dovete temere che faccia alcun danno finché ha un piede legato in alto, perché non può calciare, né può correre abbastanza veloce da farsi male in alcun modo. E se anche fosse il cavallo più indomito che mai abbia indossato i finimenti, e si fosse scatenato ogni volta che è stato attaccato, adesso potrete attaccarlo a un carretto, e guidarlo a vostro piacimento. Se vuole correre, potete lasciargli le redini, e potete usare perfino la frusta, in perfetta sicurezza, perché non può muoversi se non a un'andatura lenta, e presto sarà stanco e disponibile a fermarsi alla voce. Quindi in una volta sola voi lo guarirete effettivamente da ogni tentazione di scatenarsi. I cavalli che calciano sono sempre stati il terrore di tutti; avete sentito continuamente persone dire, quando parlano di un cavallo che calcia: "Non mi preoccupo di cosa fa, così non calcia". Questo nuovo metodo è una cura efficace per questo, il peggiore di tutti i vizi. Ci sono molti modi per attaccare un cavallo che calcia, e costringerlo ad andare, nonostante che lui continui a calciare; ma questo non ha alcun effetto positivo al fine di eliminare il vizio, perché sappiamo che i cavalli calciano perché sono spaventati da quello che li segue, e quando lo colpiscono con un calcio e sentono dolore la loro reazione è quella di calciare più forte ancora; e questo gli farà ancora più male e gli farà ricordare l'incidente molto più a lungo, e renderà più difficile convincerli ad avere fiducia in qualsiasi cosa che viene tirato dietro di loro, per sempre.

Ma con questo nuovo metodo potete attaccarlo a un carretto rumorosissimo, a un aratro, a un carro pesante, o a qualsiasi cosa anche della forma più paurosa. Capiterà che ne siano spaventati, ma non possono calciare né fare niente che gli possa far male, e presto vedranno che non intendete fargli correre alcun rischio, e non se ne preoccuperanno più. Allora potete slegare la loro gamba, e guidarli gentilmente senza alcun ulteriore problema. Con questo nuovo metodo, un pessimo cavallo calciatore può essere addestrato ad essere mansueto da attaccato in poche ore.

Sull'impuntarsi[modifica]

I cavalli non sanno cosa significa impuntarsi, e vi sono portati solo da un trattamento improprio, e quando un cavallo si impunta mentre è attaccato la cosa dipende da qualche errore di trattamento, da eccitazione, da confusione, o dal fatto di non sapere come tirare, ma raramente dal rifiuto di fare una cosa che ha capito. I cavalli molto focosi, in avanti sono quelli maggiormente soggetti ad impuntarsi, e solo per il fatto che i conducenti non hanno una adeguata comprensione di come gestire questo tipo di cavallo. Un cavallo in avanti in un gruppo può essere tanto ansioso di partire, che quando sente il comando parte con un salto, che non muoverà il carico, ma gli darà un tale strattone sulle spalle che lo farà rimbalzare indietro e fermare l'altro cavallo; il guidatore continuerà a incitare senza cessare, e intanto che ha fatto di nuovo partire il cavallo più lento, si accorgerà che il cavallo focoso ha fatto un altro balzo, e ancora è rimbalzato all'indietro; e adesso si ritrova con entrambi i cavalli malamente impuntati, e così confusi che nessuno dei due capisce cosa sta succedendo, e come far partire il veicolo. Poi e il momento dei colpi e degli schiocchi della frusta, e dell'incitamento del conduttore, finché qualcosa si rompe o ne ha abbastanza della sua tecnica. Ma che errore fa il conduttore frustando il cavallo per questo comportamento! La ragione e il buon senso dovrebbe suggerirgli che il cavallo era volenteroso e ansioso di andare, ma che non sapeva come far partire il carico. E dovrebbe frustarlo per questo? Se fosse così, dovrebbe frustarlo di nuovo perché non sa parlare. Un uomo che vuole agire con un minimo di razionalità o di ragione non dovrebbe essere trasportato dalle emozioni, ma dovrebbe sempre pensare prima di percuotere. Ci vuole una pressione regolare e continua contro il collare per far partire un carico, e non potete aspettarvi che agisca con una azione regolare e determinata mentre lo frustate. C'è si o no un cavallo impuntato su cinquecento che tirerà bene dopo essere stato frustato; è solo aggiungere carburante a un incendio, e lo si renderà più propenso ad impuntarsi la volta successiva. Voi vedete sempre i cavalli, che qualche volta si sono impuntati, girare la testa e guardare indietro, appena sono un po' innervositi. Questo avviene perché sono stati frustati e sono spaventati da quello che sta dietro di loro. Questa è una regola generale con i cavalli impuntati, proprio come lo è, per loro, guardarsi i fianchi quando hanno le larve di mosca; in entrambi i casi meritano la stessa compassione e lo stesso tipo di trattamento gentile e razionale.

Quando il vostro cavallo si impunta o è un po' eccitato, se vuole partire rapidamente, o si guarda attorno e non vuole muoversi, c'è qualcosa che non va, e ha bisogno immediato di un trattamento gentile. Accarezzatelo gentilmente, e anche se non capirà in una volta sola cosa volete da lui, non si ecciterà tanto da scattare e spezzare qualcosa, e di fare ogni tipo di errore a causa della paura. finché voi siete calmo, e tenete basso il grado di eccitazione del cavallo, ci sono dieci possibilità di farvi capire, contro nemmeno una di farlo con un trattamento rude, e allora la leggera fiammata non porterà con sè sfavorevoli ricordi, e il cavallo presto se ne dimenticherà completamente, e imparerà a tirare bene. Quasi ogni sbaglio che il cavallo commette proviene da un trattamento sbagliato, dalla paura, o dall'eccitazione; una parola brusca può eccitare talmente un cavallo da aumentare il suo battito cardiaco di dieci pulsazioni al minuto.

Quando ricordiamo che ci stiamo occupando di animali privi della parola, e riflettiamo su quanto deve essere difficile per oro capire i nostri movimenti, i nostri segni, e il nostro linguaggio, non dovremmo mai perdere la pazienza con loro quando non ci capiscono, o irritarci quando fanno delle cose sbagliate. Con tutta la nostra intelligenza, se fossimo messi nelle condizioni di un cavallo sarebbe difficile per noi capire i comandi di un conduttore straniero, con modi sconosciuti e con un linguaggio incomprensibile. Dobbiamo sempre tenere a mente che i nostri modi e il nostro linguaggio è alieno e sconosciuto per il cavallo proprio come lo è per noi qualsiasi linguaggio straniero nel mondo, e dovremmo sempre cercare di mettere in pratica quello che potremmo capire se noi fossimo il cavallo, sforzandoci di lavorare, con metodi semplici, sulla sua comprensione piuttosto che sulle varie parti del suo corpo. Tutti i cavalli impuntati possono essere fatti partire in modo franco e regolare in pochi minuti; sono disponibili a tirare appena sanno come si fa, e non ho mai trovato un cavallo impuntato a cui io non avessi potuto insegnare a far partire il suo carico in quindici minuti, e spesso in meno di tre.

Quasi tutti i cavalli attaccati in gruppo, che si siano impiantati, partiranno bene se li lasciate stare fermi per cinque o dieci minuti, come se non ci fosse niente di sbagliato, e poi gli parlate con voce ferma, e li fate girare un po' a destra e a sinistra, in modo da farli muovere entrambi prima che sentano la presa del carico. Ma se volete far partire dei cavalli che non state guidando voi stessi e che si siano impiantati, e che siano stati sgridati e frustati per qualche tempo, avvicinatevi e agganciate le redini agli anelli del collare, o legatele al carro, in modo che siano completamente lasche; fate stare il conduttore e gli spettatori (se ce ne sono) a una certa distanza, di lato, in modo da non attirare l'attenzione dei cavalli; sganciate le redini fisse, in modo che possano abbassare la testa se lo desiderano; lasciateli a riposo così per qualche minuto finché vedete che si sono un po' calmati. Intanto che stanno fermi, dovreste essere vicino alle loro teste, coccolandoli; questo li tranquillizzerà un po', e gli spettatori penseranno che state facendo qualcosa di misterioso, e non impareranno il segreto. Quando li sentite pronti per partire, state in piedi di fronte a loro, e siccome raramente avrete più di un cavallo impiantato nel gruppo, avvicinatevi di fronte a lui più che potete, e se è troppo veloce per l'altro cavallo, fate in modo che il suo naso prema sul vostro petto; questo gli farà fare uno sforzo regolare, perché andrà più lentamente per non travolgervi; girateli gentilmente verso destra, senza permettere che tendano i tiranti, quanto l'asta permette loro; fermateli con una parola gentile, accarezzateli un po', e poi riportateli a sinistra, allo stesso modo. A questo punto li avrete sotto controllo, e quando li girate a destra, fateli spingere sul collare, e potrete portarli dove volete.

C'è un metodo più rapido che farà partire un cavallo impuntato, ma non è altrettanto sicuro. Fatelo stare fermo un po' avanti, in modo che le sue spalle appoggino sul collare, e sollevate con le mani uno dei suoi anteriori, e poi chiedete al conduttore che li faccia partire, e quando sulle sue spalle giunge la pressione, tenterà di fare un passo; allora lasciategli il piede, e procederà bene. Se volete recuperare un cavallo che ha da molto tempo il vizio di impuntarsi, dovete dedicare alla cosa una mezza giornata. Mettetelo a fianco di un cavallo affidabile; applicate loro le redini di controllo ; legate tutte le tirelle e cinghie, in modo che non ci sia niente che possa innervosirli; non applicate le redini fisse, ma lasciate loro la testa libera. Fateli camminare insieme per qualche tempo nel modo più lento e pigro possibile; fermatevi spesso, e andate dal cavallo impuntato e coccolateli. Non prendete con voi una frusta, né nient'altro che possa eccitarlo, ma tenetelo più calmo che potete. Imparerà presto a partire alla voce, e a fermarsi appena glielo chiedete.

Appena lo fa bene, attaccatelo a un carro vuoto; fate in modo che stia piazzato in una posizione adatta a partire. Sarebbe bene accorciare il gancio traino dietro al cavallo affidabile, in modo che se è necessario possa accollarsi il peso del carro la prima volta che li fate partire. Non fate più di qualche passo all'inizio; osservate il cavallo che si impunta, e se vedete che si sta innervosendo fermatelo voi prima che lo faccia di sua iniziativa, accarezzatelo un po', e ripartite. Appena vanno bene, conduceteli su una piccola collina alcune volte, e poi su una collina più alta, eventualmente aggiungendo un po' di carico. Questo procedimento renderà qualsiasi cavallo bravo a tirare.

Come introdurre un cavallo agli attacchi[modifica]

Conducetelo in una scuderia luminosa cosi come avete fatto per montarlo; prendete la bardatura e fate abituare il cavallo ad essa con lo stesso processo che avete usato con la sella, fino a quando il cavallo non abbia preso confidenza con lei, in maniera tale da potergliela far indossare e scuoterla senza che il cavallo si preoccupi più della sua presenza. Non appena sopporterà tutto questo, applicate le redini lunghe, accarezzatelo mentre le portate sopra di lui, e conducetelo in giro per la scuderia finché sopporta che gli si appoggino sulle anche. Per alcuni puledri le redini lunghe sono una notevole difficoltà aggiuntiva, e spesso li spaventano tanto quanto se voi steste alzando una frusta sopra di loro. Appena il puledro si è abituato alla bardatura e alle redini, portatelo fuori e mettetelo a fianco di un cavallo tranquillo, e applicate lo stesso processo che avete fatto con i cavalli impuntati. Usate sempre una testiera senza paraocchi quando state abituando un cavallo alla bardatura.

Come attaccare un cavallo a un carretto[modifica]

Portatelo vicino e tutt'attorno al carretto; lasciate che lo osservi, e lo tocchi col naso, e gli stia vicino finché non se ne cura più; poi spingete le aste un po' a sinistra, e mettete il cavallo davanti alla sua ruota esterna. Fate stare qualcuno sul lato destro del cavallo, e afferratelo sull'imboccatura, mentre state alla sua sinistra, di fronte al carretto. Questo lo manterrà dritto. Fate scorrere la vostra mano indietro, e appoggiatela sulla sua groppa, poi afferrate le aste del carretto con la vostra destra, portandole molto leggermente fino a passarle alla vostra sinistra, che rimane ancora ferma. Non permettete che nulla tocchi la sua schiena se non il vostro braccio, e appena avete le aste centrate su di lui, fatene prendere una alla persona che sta dal lato opposto del cavallo, e abbassatele molto lentamente fino ai sostegni per le aste. Siate molto lenti e decisi nel legarlo; più tempo state, meglio è, come regola generale. Quando avete fissato le aste, scuotetele leggermente, in modo che il cavallo le senta da entrambi i lati. Appena le sopporta senza spaventarsi, allentate il freno, eccetera, e fatelo partire molto lentamente. Fate condurre a un uomo il cavallo, per mantenerlo calmo, mentre l'altro gradualmente si sposta indietro tenendo le redini finché può stare dietro e guidarlo. Dopo che l'avete guidato in questo modo per un po', potete montare sul carretto, e tutto andrà bene. È molto importante ottenere che il cavallo resti calmo mentre lo attaccate per la prima volta. Dopo che l'avrete fatto camminare un po', non c'è nemmeno la metà del rischio che si spaventi. Le persone fanno un grande errore a saltare sul carretto dietro un cavallo per guidarlo non appena l'hanno attaccato. Ci sono troppe cose da comprendere in una volta sola, per lui. le aste, le redini, i finimenti, e lo sferragliare del carretto, sono tutte cose che tendono a spaventarlo, e devono essergli presentate per gradi. Se il vostro cavallo è molto selvatico, suggerirei di legare in alto uno dei suoi anteriori.

Come far sdraiare un cavallo[modifica]

Qualsiasi cosa vogliamo insegnare al cavallo, dev'essere introdotto in qualche modo per dargli un'idea di cosa vogliamo che faccia, e poi ripetuto finché lo impara perfettamente. Per far sdraiare un cavallo, piegate il suo anteriore sinistro e passatevi un cappio, in modo che non possa appoggiarlo. Poi mettetegli un fascione, e assicurate un'estremità di una lunga cinghia all'altro anteriore, giusto sopra lo zoccolo. Passate l'altra estremità sotto il fascione, per tenere la cinghia nella giusta direzione; tenetene un pezzo nella vostra mano destra; state sul lato sinistro del cavallo, afferrate l'imboccatura con la sinistra, tirate regolarmente la cinghia con la vostra destra; spingete sulla sua spalla finché lo farete spostare. Appena sposterà il suo peso, la vostra trazione solleverà l'altro anteriore, e lo avrete sulle ginocchia. Tenete la cinghia tesa, in modo che il cavallo non possa raddrizzare la gamba se tenta di rialzarsi. Tenetelo in questa posizione, e girate verso di voi la sua testa; spingete sul suo lato sinistro con la vostra spalla, non forte, ma con una pressione ferma e costante, e in circa dieci minuti si distenderà. Appena si sarà disteso, sarà completamente sottomesso, e potrete maneggiarlo come volete. Togliete le cinghie, e raddrizzategli le gambe; grattatelo leggermente sul muso e sul collo con la mano nella direzione del pelo; manipolate tutte e quattro le gambe, e dopo che è rimasto disteso dieci o venti minuti, lasciatelo rimettersi in piedi. Ripetete la procedura tre o quattro volte, che saranno sufficienti per una seduta. Fatte due sedute al giorno, e quando gli avrete dato quattro lezioni, si distenderà semplicemente tenendo sollevato un piede. Appena è ben addestrato a distendersi in questo modo, tamburellate la gamba opposta con un bastoncino mentre tenete sollevato il suo piede, e in qualche giorno si distenderà semplicemente in risposta al solo movimento del bastoncino.

Come farvi seguire da un cavallo[modifica]

Fatelo girare in una grande scuderia o in un recinto coperto, ove non vi sia possibilità di fuga, con addosso una capezza o una testiera. Andate verso il cavallo e carezzatelo dolcemente per un po', tenetelo per la capezza e fatelo girare intorno a voi e allo stesso tempo toccandolo leggermente sulle anche con una frusta lunga. Conducetelo per tutta la lunghezza del recinto, grattandolo sul collo, ripetendo con un tono costante della voce dove lo condurrete, "Vieni avanti, ragazzo!" o usando il suo nome anziché "ragazzo", se preferite. Ogni volta che girate toccatelo leggermente con la frusta, per incitarlo ad avvicinarsi a voi e poi accarezzatelo con la vostra mano.

Presto imparerà ad affrettarsi a fuggire dalla frusta e tornare per essere accarezzato, e potrete farvi seguire senza tenere la capezza. Se dovesse fermarsi e girare via da voi, dategli un paio di secche frustate sui posteriori, e subito lui rigirerà la testa verso di voi, dove voi dovete sempre accarezzarlo.

Alcune lezioni di questo tipo lo faranno correre dietro di voi, dal momento in cui vede il movimento della frusta vi seguirà in giro per la scuderia in venti o trenta minuti. Dopo che gli avrete dato due o tre lezioni nella scuderia, portatelo in un piccolo recinto e ripetete l'addestramento; e da allora voi potrete portarlo sulla strada e farvi seguire dovunque, e farvi raggiungere di corsa.

Come insegnare a un cavallo a rimanere fermo senza essere trattenuto[modifica]

Dopo aver insegnato bene al cavallo a seguirvi, piazzatelo al centro della scuderia ed accarezzatelo a partire dalla testa, muovendovi gradualmente indietro. Se si muove, dategli un colpo secco con la frusta, rimettendo il cavallo esattamente dove lo avevate piazzato all'inizio. Se resta piazzato, accarezzatelo come prima, e continuate a tranquillizzarlo in questo modo fino a che non possiate girargli tutt'attorno senza che lui si muova. Continuate a camminare intorno a lui, aumentando il ritmo del vostro passo, e toccandolo soltanto occasionalmente. Ingrandite il vostro cerchio man mano che camminate intorno al cavallo, e se a questo punto si muove, date un altro colpo con la frusta, e rimettetelo di nuovo nella posizione iniziale. Se resta piazzato, tornate spesso da lui ed accarezzatelo ed continuate a camminare ancora intorno a lui. Non costringetelo nella stessa posizione troppo a lungo, ma chiedetegli di venire occasionalmente verso di voi e fatevi seguire in giro nella scuderia. Poi, mettetelo in un'altra posizione della stalla e ripetete il procedimento. Non dovreste lavorare all'addestramento il vostro cavallo più di mezz'ora per sessione.