Ebrei a Caluso - Progetto "Salva una storia"/Introduzione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

INTRODUZIONE

Questo lavoro è il risultato di una attività di PCTO (Percorso per le competenze trasversali e l'Orientamento) svolta da alcuni studenti dell'Istituto Piero Martinetti di Caluso durante l'estate 2021. Gli alunni hanno partecipato a un lavoro sulla storia locale presso l’archivio storico del comune di Caluso volto alla ricostruzione delle vicende riguardanti gli ebrei ivi internati durante la seconda guerra mondiale e alla digitalizzazione dei documenti rinvenuti.

Dopo aver seguito delle lezioni a distanza relative all’inquadramento della vicenda nel contesto storico nazionale e al metodo di consultazione e di ricerca sulle fonti degli archivi online, è iniziata la fase operativa del lavoro, consistente nella consultazione di vari fascicoli:

  • "1942-immigrazione", in cui sono stati rinvenuti gli indirizzi dei domicili assegnati alle famiglie internate, il lavoro che svolgevano, la composizione del nucleo familiare e i dati relativi alla deportazione.
  • “Registri del protocollo”, contenenti l'elenco delle corrispondenze tra il comune e gli altri enti ed istituzioni del territorio. Le maggiori corrispondenze riguardanti le famiglie internate furono intraprese con la Questura di Aosta.
  • “Registro dell’economato tra ‘41 e ‘44 e del conto consuntivo del 42”, in cui erano riportate le spese sostenute dal comune per far fronte alle esigenze di sostentamento e cura degli internati (medicinali, sussidi, etc…) e autorizzazioni relative alla loro permanenza e agli spostamenti sul territorio comunale.

L'ultima attività prevista è stata la visita di luoghi significativi che hanno visto la permanenza gli internati nel comune: il vecchio stabile sede dell'AFAST (fabbrica di calzature in cui gli ebrei erano stati impiegati), e gli edifici in cui le famiglie erano state alloggiate: la vecchia caserma, le tre abitazioni e lo slargo dove sorgeva l'albergo Bonne Famme.

L'attività di ricerca si è poi concretizzata in diversi prodotti multimediali ed artistici che testimoniano le varie anime e sensibilità presenti nel nostro Istituto un video che narra la vicenda dell’internamento sul territorio calusiese di un gruppo di ebrei serbo-croati, nell’ambito del progetto “Salva una storia” promosso dalla Fondazione Fossoli la rievocazione della vicenda attraverso le opere artistiche realizzate dagli studenti il presente testo di storia locale una formella memoriale posta in uno dei luoghi di internamento ed inaugurata il 27 gennaio 2022.