La Filigrana Zen di Henry Miller

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
LA FILIGRANA ZEN DI HENRY MILLER

Il lungo percorso interiore di uno scrittore inquieto
(Nr. 12 della Serie letteratura moderna)

Autore: Monozigote 2021

Henry Valentine Miller, 1940

(IT)
« Questi romanzi a poco a poco lasceranno il posto a diari o autobiografie—libri accattivanti, se solo un uomo sapesse scegliere tra quelle che chiama le sue esperienze ciò che è veramente la sua esperienza, e come registrare veramente la verità. »

(EN)
« These novels will give way, by and by, to diaries or autobiographies—captivating books, if only a man knew how to choose among what he calls his experiences that which is really his experience, and how to record truth truly. »
(Ralph Waldo Emerson
[epigrafe alla prima edizione britannica di Tropic of Cancer, 1962]
)

Indice[modifica]

Firma di Henry Miller
Firma di Henry Miller

CopertinaLa Filigrana Zen di Henry Miller/Copertina
IntroduzioneLa Filigrana Zen di Henry Miller/Introduzione
Henry Miller e Otto RankLa Filigrana Zen di Henry Miller/Henry Miller e Otto Rank
Henry Miller e Henri BergsonLa Filigrana Zen di Henry Miller/Henry Miller e Henri Bergson
Henry Miller e il SurrealismoLa Filigrana Zen di Henry Miller/Henry Miller e Surrealismo
Henry Miller e il BuddhismoLa Filigrana Zen di Henry Miller/Henry Miller e Buddhismo
ConclusioneLa Filigrana Zen di Henry Miller/Conclusione
BibliografiaLa Filigrana Zen di Henry Miller/Bibliografia


PREMESSA[modifica]

Lo scopo di questo mio wikilibro è esplorare la relazione tra Henry Miller, il Buddhismo e come quest'ultimo possa offrire nuovi modi di leggere Miller. Esplorando il costante interesse di Miller per la filosofia orientale, desidero dimostrare che, lungi dall'essere il miscredente sessuale e misogino della leggenda, egli era in realtà un uomo profondamente spirituale che desiderava il suo lavoro ispirasse e motivasse i lettori piuttosto che fosse una forma di titillazione. L'intenzione del mio studio qui non è quello di riabilitare la reputazione di Miller per quanto riguarda relazioni razziali, religione o sesso, ma piuttosto di esaminare il suo lavoro attraverso una lente più spirituale.

Nello sviluppare quanto sopra, cercherò di utilizzare una selezione più completa delle opere di Miller rispetto a quella comunemente utilizzata dai critici e, sebbene io dia particolare attenzione al Tropico del Cancro, mostrerò come in seguito opere più spirituali illuminino le credenze buddhiste (Zen) di Miller. Utilizzando romanzi, saggi, lettere e opuscoli spero di fornire un'analisi ad ampio raggio dell'opera di Miller, sia cronologicamente che spiritualmente.

Due parole chiave ricorrenti nel mio studio sono "viaggio" e "progressione". Viaggio (o percorso) nel senso che Miller ha visto la propria vita in termini Zen; egli esisteva per evolversi e acquisire consapevolezza attraverso le sue esperienze di vita, attraverso la scrittura e la riscrittura, fino al momento in cui riusciva ad andare oltre. Progressione nel senso che il movimento è cruciale per lo sviluppo della spiritualità, la mente e il cuore devono essere aperti a nuove conoscenze e comprensioni. Mostrerò che Miller arrivò a concettualizzare sia la sua vita che il suo lavoro attraverso l'insegnamento Zen delle Quattro Nobili Verità e l'implementazione quotidiana dell'Ottuplice Sentiero.

Inizierò sostenendo che è impossibile comprendere il viaggio di Miller senza prima esaminare il processo attraverso il quale arrivò a plasmare la propria narrativa di vita. La pace Zen degli ultimi anni di Miller fu duramente combattuta e guadagnata a un prezzo considerevole sia per lui che per chi gli era vicino. Miller dovette prima sviluppare una concettualizzazione della creatività prima di potersi aprire a un cambiamento spirituale significativo. Questo wikilibro esaminerà l'influenza duratura sia di Otto Rank che di Henri Bergson sull'idea milleriana di cosa significasse essere uno scrittore, come la realtà in relazione alle sue esperienze di vita fosse malleabile e come ciò abbia fornito a Miller le basi su cui esplorare la propria spiritualità. Mostrerò come la stretta relazione di Miller con il Surrealismo gli abbia fatto ripensare ad alcune delle sue posizioni in relazione al linguaggio, allo stile e alla libertà, ma infine perché si sentisse spinto a continuare il suo viaggio verso l'illuminazione del Buddhismo.

NOTA: Questo wikilibro riporta tutte le fonti primarie (cioè i testi originali di Miller) in lingua inglese,
come anche le citazioni estese da fonti secondarie sono lasciate nell'originale.