Libro di cucina/Ricette/Castagnaccio

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Prima ricetta[modifica]

Ingredienti[modifica]

Per 6 persone:

Preparazione[modifica]

Mescolare la farina con il latte e 2 dl d'acqua; aggiungere lo zucchero e un pizzico di sale; amalgamare bene il composto e farlo riposare per 30 minuti. Ungere di olio una teglia bassa e piuttosto larga, versare dentro il composto, aggiungere un filo di olio sulla superficie e cuocerlo in forno caldo a 200° per 10 minuti. Spolverizzare sopra le noci e i pinoli, mentre è ancora nel forno e proseguire la cottura per altri 20 minuti circa, fino a quando non si sarà formata una crosticina croccante. Una volta tolto dal forno, adagiare il castagnaccio su un piatto da portata. Servire con ricotta o miele di castagno.

Seconda ricetta[modifica]

Ingredienti[modifica]

Preparazione[modifica]

Con 250 grammi di farina di castagne si può preparare un tortino per circa 4 persone. Versare dell'acqua in una terrina con la farina (alcune varianti usano anche il latte), in una quantità da rendere l'impasto fluido ma non liquido, tale che resti attaccato allo strumento che si usa per impastare (un mestolo o una forchetta) una palla di impasto se sollevato, ma abbastanza fluido da poter essere versato.

Aggiungere quindi abbondante olio di oliva, circa tre-quattro cucchiai, e l'uvetta, precedentemente ammorbidita una mezz'ora in acqua, con la frutta secca. La versione di base del castagnaccio si può fare anche senza queste farciture, ma il sapore del dolce sarà molto rustico. Non è previsto l'impiego di zucchero ed in genere è l'uva sultanina che addolcisce il sapore.

Oliare bene una teglia e rovesciarvi l'impasto. Mettere qualche rametto di rosmarino lavato e, molto importante per impedire l'eccessivo seccaggio del dolce in forno, oliare di nuovo la superficie del castagnaccio con abbondante olio extravergine.

La torta va cotta circa 30 minuti in forno a 180 gradi, ma sarà comunque l'esperienza diretta a valutare l'esatta cottura. Un espediente molto semplice è quello di bucare il dolce con uno stuzzicadenti: se sollevandolo restano attaccati granelli di impasto significa che dentro la torta non è ancora cotta e l'impasto è ancora piuttosto fluido perché crudo.

Si serve calda, accompagnata semmai dalla ricotta, che in genere si mette sul dolce solo nel proprio piatto.

Altri progetti[modifica]