Libro di cucina/Ricette/Focaccia di zucca

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Questo cibo popolare fra i più poveri, tipicamente ligure, è diventato un piatto aristocratico, perché difficile da trovare in commercio e perché nelle case è preparato nelle occasioni particolari. A Sestri Ponente viene anche chiamata "farinata".

Ingredienti[modifica]

Per 10 persone

  • 1/2 kg farina
  • 5 g lievito di birra
  • 5 g sale 5
  • 40 g olio extravergine d'oliva (4 cucchiai da cucina)
  • 100 g acqua
  • 1/2 kg zucca
  • aromi eventuali: pepe, o aglio e prezzemolo, o aglio e cipolla, o origano

Preparazione[modifica]

  1. Preparare una pasta di pane a sfoglia: sciogliere il lievito di birra in 100 g di acqua tiepida.
  2. Aggiunge l'olio, il sale e sbattere con una forchetta, poi aggiungere la farina.
  3. Impastare questi ingredienti e lasciar lievitare minimo 6 ore.
  4. Si impasta e si produce una sfoglia sottile, del diametro di circa 40 cm, e si pone in una teglia oliata.
  5. Pulire e grattugiare la zucca. Farla scolare per un paio di ore.
  6. Spargere la zucca uniformemente in strato sulla pasta, fino in vicinanza dei bordi.
  7. Aggiunge sale e quattro cucchiai di olio.
  8. Si pone in forno caldissimo per mezz'ora, nella parte più alta, e senza aprirlo per almeno 15 minuti. Poi si incomincia a controllare e si sforna quando i bordi della focaccia sono appena appena colorati, dopo circa venti minuti, dipende dal forno.
  9. Sfornare e lasciare raffreddare a temperatura ambiente (toglierla subito dalla teglia se questa è di rame).
  10. Servire già tagliata su piatto di portata.

Consigli[modifica]

Questa focaccia di zucca può essere servita per colazione o merenda. Può essere servita a dadini assieme al cocktail, come antipasto o come primo piatto, non è un secondo né un contorno ma è un piatto di mezzo e può essere piatto unico.

Naturalmente ad eccezione dell'accompagnamento al cocktail, può essere meglio gustata con un vinello fresco, bianco, leggero, tipo Lumassina in una mattinata tipica, oppure un Orvieto, un Soave o un Riesling in un pranzo rustico, infine uno Chablis per una serata raffinata.