Ragionamento sull'assurdo/Parte I

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro


Le ragioni dell'assurdo
« Dal momento in cui viene riconosciuto, l'assurdo diventa la più straziante di tutte le passioni. »
(Albert Camus, Il mito di Sisifo)

Le ragioni dell'assurdo[modifica]

Consideriamo alcuni esempi. Si osserva spesso che nulla di ciò che facciamo ora avrà importanza tra un milione di anni. Ma se questo è vero, allora per lo stesso motivo, nulla di ciò che accadrà tra un milione di anni ha importanza ora. In particolare, non importa ora che tra un milione di anni nulla di ciò che facciamo ora avrà importanza. Inoltre, anche se ciò che abbiamo fatto ora avesse importanza tra un milione di anni, come potrebbe impedire l'assurdità delle nostre preoccupazioni attuali? Se la loro importanza adesso non è sufficiente per raggiungere questo obiettivo, come sarebbe d'aiuto se le cose che facciamo ora fossero importanti tra un milione di anni?

Se ciò che facciamo ora avrà importanza tra un milione di anni, potrebbe far differenza cruciale solo se la sua importanza in un milione di anni dipendesse dal suo aver importanza, punto e basta. Ma poi negare che qualsiasi cosa accada ora avrà importanza tra un milione di anni, significa porre la domanda contro il suo aver importanza — poiché in tal senso non si può sapere che tra un milione di anni non importi se (per esempio) qualcuno ora sia felice o infelice, senza sapere che non ha importanza.

Ciò che diciamo per trasmettere l'assurdità della nostra vita spesso ha a che fare con lo spazio o il tempo: siamo piccoli punti nell'infinita vastità dell'universo; le nostre vite sono semplici istanti anche su scala temporale geologica, per non parlare di quella cosmica; saremo tutti morti da un momento all'altro. Ma ovviamente nessuno di questi fatti evidenti può essere ciò che rende la vita assurda, se è assurda. Supponiamo di poter vivere per sempre — una vita assurda che dura settant'anni sarebbe infinitamente più assurda se durasse per l'eternità, o no? E se le nostre vite sono assurde date le nostre dimensioni attuali, perché sarebbero meno assurde se riempissimo l'universo intero (sia perché saremmo più vasti sia perché l'universo sarebbe più piccolo)? La riflessione sulla nostra minuziosità e brevità sembra essere intimamente connessa al senso che la vita non ha senso; ma non è chiaro quale sia la connessione.[1]

Un altro argomento inadeguato è che, dato che prima o poi moriremo, tutte le catene di giustificazione rimangono in sospeso a mezz'aria: si studia e si lavora per guadagnare denaro per pagare vestiti, alloggio, divertimento, cibo, per sostenersi di anno in anno anno, forse per mantenere una famiglia e perseguire una carriera, ma a quale scopo finale? È tutto un percorso elaborato che non porta da nessuna parte. (Si potrebbe avere anche un qualche effetto sulla vita di altre persone, ma ciò riproduce semplicemente il problema, poiché anche loro moriranno.)

Ci sono diverse risposte a questo argomento. Innanzitutto, la vita non consiste in una sequenza di attività ognuna delle quali ha come scopo una parte successiva della sequenza. Catene di giustificazione giungono ripetutamente alla loro fine nel corso della vita e che il processo nel suo insieme possa essere giustificato non ha alcuna influenza sulla finalità di questi punti terminali. Non è necessaria alcuna ulteriore giustificazione per rendere ragionevole assumere aspirina per il mal di testa, assistere a una mostra di un pittore che si ammira o impedire a un bambino di mettere la mano sul fornello acceso. Non è necessario un contesto più ampio o ulteriori scopi per evitare che questi atti siano inutili.

Anche se qualcuno desiderasse fornire un'ulteriore giustificazione per perseguire tutte le cose nella vita che sono comunemente considerate autogiustificanti, anche tale giustificazione dovrebbe finire da qualche parte. Se nulla può giustificare a meno che non sia giustificato in termini di qualcosa al di fuori di se stesso, che è anche giustificato, allora si ottiene un regresso infinito e nessuna catena di giustificazione può essere completa. Inoltre, se una catena di ragioni finite non può giustificare nulla, cosa potrebbe essere realizzato da una catena infinita, ogni cui anello deve essere giustificato da qualcosa al di fuori di sé?

Poiché le giustificazioni devono finire da qualche parte, non si ottiene nulla negando che finiscano dove sembrano finire, nell'ambito della vita — o cercando di riassumere le molteplici, spesso banali giustificazioni ordinarie d'azione sotto un unico schema di controllo esistenziale. Possiamo essere soddisfatti molto più facilmente di così. In effetti, attraverso la sua falsa rappresentazione del processo di giustificazione, l'argomento richiede una domanda vacua. Insiste sul fatto che le ragioni disponibili nella vita sono incomplete, ma suggerisce quindi che tutte le ragioni che terminano sono incomplete. Questo rende impossibile fornire qualsiasi motivo.[2]

Gli ragionamenti standard sull'assurdità sembrano quindi fallire come ragionamenti. Eppure credo che tentino di esprimere qualcosa che è difficile da affermare, ma fondamentalmente corretto.

Note[modifica]

  1. Per questa sezione si veda in particolare Robert Nozick, "Teleology", Mosaic, xu, 1 (1971): 27/8.
  2. Veronica M. Dougherty, "Absurdity and the Limits of Literalism: Defining the Absurd Result Principle in Statutory Interpretation", 44 Am. U. L. Rev. 127, 1994–95.