Boris Pasternak e gli scrittori israeliani/Parte I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
testo
(testo)
(testo)
È solo un tentativo ingenuo da parte di uno scrittore intellettuale di un giornale di sinistra quello di salvare i resti dell'ideologia comunista e quindi prendere parte alla guerra fredda, o un tentativo, molto meno ingenuo, di appropriarsi culturalmente di Pasternak e del suo romanzo all'interno del campo di sinistra, giocando con l'ideale dell'umanesimo e confondendo lo [[w:storicismo|storicismo]] con il [[w:determinismo|determinismo]]? Probabilmente è un po' di entrambi. E in effetti, la seconda parte, la parte filosofica del saggio, mostra che secondo il suo autore la discussione sulla rivoluzione è piena di senso e significato pratico. Per lui, la rivoluzione è giustificata per impostazione predefinita solo perché è l'incarnazione dell'azione, condotta da "persone d'azione" — coloro che scelgono una possibilità tra le tante, lasciandosi le altre alle spalle. Dopodiché, è la volta degli "Živago", quegli individui il cui intelletto e immaginazione, il distacco dall'agire, consentono loro di "tenere a mente la mappa di incroci e possibilità non realizzate" e aprire nuove possibilità "per la prossima risurrezione". "Persone come Živago non vivono nel ‘mondo di oggi’, perché non si preparano mai al ‘domani’; non sanno di essere la garanzia del ‘dopodomani’."<ref>Rapp, "‘The Inner Emigrant’" (5 dicembre 1958).</ref> Per questo motivo non possono conformarsi all'ispirazione della loro generazione. Tuttavia, questo svantaggio, Rapp rassicura i suoi lettori, è in realtà un'espressione del loro vantaggio: la loro capacità di creare oggetti di ispirazione. Questa passività è il [[w:Da ubi consistam|punto di Archimede]], su cui gli attivisti (cioè "persone d'azione", rivoluzionari) stabiliscono la loro leva. In effetti, Rapp sembra dimenticare ciò che di solito accade al "punto di Archimede" dopo che la leva lo ha schiacciato, ma apparentemente nel suo saggio sta parlando della sua visione politica, piuttosto che del romanzo di Pasternak. Forse è per questo che è così ottimista e vede ''Živago'' come un gioioso inno alla vita, specialmente alla vita di tutti i giorni.<ref>''Ibid.''</ref>
 
Rapp "comprende" la "antipatia per il popolo ebraico e la sua cultura esilica" di Pasternak: "egli è profondamente coinvolto nella vita della sacra madre Russia e della Chiesa ortodossa". Rapp, come altri critici, sottolinea il parallelismo (contrastante) tra il rimprovero degli ebrei da parte di Gordon per l'inutilità delle loro sofferenze e l'utilità benedetta delle sofferenze di Živago e Lara. Rapp ribadisce il "diritto" di Pasternak a disprezzare un individuo ebreo per il suo conformismo, e invita persino i lettori a esaminarsi in base a questa critica, ma nega il diritto dello scrittore di giudicare il popolo ebraico, sia per quanto riguarda la visione individualista del mondo propria di Pasternak, o perché il potere di vita ebraica millenaria non può essere un errore storico. Analogamente allo stesso Pasternak, il popolo ebraico è un tipo di libero "emigrante interiore", che si distingue sempre da qualsiasi regime che supporti la nozione di schiavitù spirituale. Questo è il motivo per cui il regime sovietico, che "è diventato conservatore", non può sopportare né ebrei né Pasternak: "Non importa cosa egli pensi; per quanto riguarda gli altri, sono la stessa identica cosa." Da qui, Rapp arriva in qualche modo a formulare il suo teorema finale sull'attuale condizione della rivoluzione, come se si stesse ancora verificando nel 1958 e, inoltre, debba essere pianificata attentamente per il futuro: il Regime e il Poeta (Pasternak, rispetto ai Profeti) "'''non possono''' coesistere, ma '''devono'''".<ref>''Ibid.''</ref>
 
[https://www.jewishvirtuallibrary.org/reuveni-aharon Aharon Reuveni] (1886-1971) è stato un noto scrittore, poeta, ricercatore e traduttore di letteratura russa, francese e tedesca, un attivista sionista e il fratello di [[w:Itzhak Ben-Zvi|Yitzhak Ben-Zvi]], il secondo presidente di Israele. Dal dicembre 1958 al gennaio 1959 (le date sono note dalla sua corrispondenza del febbraio-marzo 1959 e dal suo discorso pubblico il 24 aprile 1959), scrisse un saggio esteso intitolato "The Pasternak Dance" ("Makhol Pasternak", la Danza Pasternak), ma i redattori delle riviste ''Molad'' e ''Moznayim'' si rifiutarono di accettarlo.<ref>Sadan-Loebenstein, ''Aharon Reuveni'', 113-114.</ref> Invece, l'editore di ''Moznayim'' preferì l'articolo scritto da Israel Zmura (discusso sotto), che era, secondo Reuveni (espresso nella lettera scritta nell'autunno del 1959), su ordinazione e molto più debole del suo.<ref>''Ibid.''</ref> Il 24 aprile 1959 lesse il saggio davanti a un pubblico a Gerusalemme, affermando nell'introduzione che la pubblicazione di questo saggio e la sua pubblicazione in tempo era di grande importanza per lui, e che ogni ritardo era quindi estremamente deplorevole.<ref>''Ibid.'', 114.</ref> Quindi pubblicò il saggio come un opuscolo separato; in seguito il testo fu incluso nella sua raccolta di saggi. Le sue critiche mancano della leggera ironia di Alterman e della ponderata gravità di Shamir: in superficie è duro e chiaro. La sua epigrafe riflette l'idea e il tono dell'articolo: "Un pesce danzava con un granchio e il prezzemolo – con pastinaca [Pasternak], un pomodoro – con l'asparago, una giovane ragazza – con un cosacco". E c'è una nota a piè di pagina con la parola "pastinaca": "Mi sono chiesto: qual è la natura di questo ortaggio?";<ref>Reuveni, "Makhol Pasternak", 7.</ref> a significare, come è chiaro dal saggio, che le opere di Pasternak, per quanto siano virtuose, rimangono caotiche e povere, e non raggiungono la completezza estetica e tematica.
 
Tuttavia, questa epigrafe sardonica contiene un po' di più: Reuveni, nativo di [[w:Poltava|Poltava]], traduce una canzone umoristica popolare ucraina, che è stata citata nella storia classica di un altro nativo del [[w:Oblast' di Poltava|Governatorato di Poltava]], [[w:Nikolaj Vasil'evič Gogol'|Nikolai Gogol]] — "[[w:Veglie alla fattoria presso Dikan'ka|La terribile vendetta]]" (fare un confronto con questa storia porta anche a una delle poesie di Živago, intitolata [[Boris Pasternak e gli scrittori israeliani/Appendice|"Fiaba" ("Skazka")]].<ref>Pasternak, ''Il dottor Živago'', 537-540. Si vedano anche le due Appendici alla fine di questo mio studio.</ref> Un'epigrafe di questa storia di Gogol appare anche nel poema di Pasternak "Decadimento" ("Raspad"), incluso in ''Mia sorella è la vita'' (Сестра моя — жизнь, ‘Sestra moya — zhyzn’).)<ref>Pasternak, ''Sobranie sochineniy'', vol. 1, 145.</ref> La canzone originale esprime una confusione assurda e insignificante di elementi sconnessi, che è, per Reuveni, la caratteristica principale della scrittura di Pasternak. Inoltre, in Gogol, una stanza di questa canzone è inclusa in una canzone cantata da Katerina dopo che è diventata pazza; questa canzone è di per sé una miscela senza senso di varie canzoni: "È così che confuse i versi di canzoni differenti".<ref>Gogol, "La terribile vendetta", 165. Da ''[[w:Veglie alla fattoria presso Dikan'ka|Veglie alla fattoria presso Dikan'ka]]''.</ref> Tuttavia, oltre a questo, ella balla anche: "E pronunciando queste frasi incoerenti Katerina iniziò a ballare, guardandosi selvaggiamente intorno e mettendo le braccia conserte. Con un urlo batté i piedi; i suoi tacchi d'argento risuonarono a prescindere da tempo o melodia. Le sue trecce nere fluttuavano attorno al collo bianco. Come un uccello volava in giro senza riposo, agitando le mani e annuendo con la testa, e sembrava che dovesse cadere impotente al suolo o librarsi via da terra completamente."<ref>''Ibid.'', 164.</ref> Agli occhi di Reuveni, anche la danza di Pasternak è gravemente carente di "tempo e melodia" e di qualsiasi "senso musicale appropriato"<ref>Reuveni, "Makhol Pasternak", 8.</ref> (sebbene il significato principale dell'espressione "la Danza di Pasternak" nel saggio sia il tumulto verificatosi riguardo a Pasternak e alla polemica del Premio Nobel).
 
 
13 229

contributi

Menu di navigazione