Valore della storia/Parte I

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro


"La Storia" scultura in bronzo di Georges Bareau, 1900

Tradizioni di apprendimento[modifica]

Il consenso sul ruolo decisivo degli esseri o delle forze trascendenti nella storia fu messo in discussione quando una versione discordante e centrata sull'uomo trovò voce in Italia subito dopo il 1500. Ciò che ispirò il nuovo tipo di storia fu la palpabile convergenza della politica città-stato italiana con modelli dell'antichità greca e romana. Lo studio di scrittori pagani in ambienti privilegiati di alcune città italiane rinacque quando questa convergenza divenne evidente; e nel 1500 circa tali studi erano maturati sufficientemente per consentire a Machiavelli (m. 1527) e Guicciardini (m. 1540) di riaffermare l'autonomia delle azioni umane scrivendo storie locali, monografiche e interamente secolari nello stampo tucidideo. Traevano la loro ispirazione in modo spudorato da scrittori pagani e facevano i conti con la struttura biblica della storia universale semplicemente lasciando Dio fuori, senza menzionarLo affatto come attore nella storia.[1]

Ciò era scioccante e inaccettabile per la maggior parte degli europei. Di conseguenza, un uomo rinascimentale come Walter Raleigh (m. 1618) in Inghilterra e, quasi un secolo dopo, il pio ed eloquente vescovo Bossuet (m. 1704) in Francia, riaffermarono la centralità della storia sacra e tentarono di tessere ciò che sapevano sul passato biblico e pagano in un insieme più perfetto. Le loro opere rimasero incomplete e non si avvicinarono mai al loro tempo: in parte perché entrambi erano impantanati da un fondo di conoscenza in rapido aumento sugli eventi del passato più recente, e in parte perché la volontà di Dio rimaneva oscura (o almeno radicalmente contestabile) quando chiamata a spiegare il groviglio di quegli stessi eventi.

Nel frattempo, una valanga di informazioni sulle Americhe e su altre parti della terra precedentemente sconosciute attaccava la coscienza europea. Alcuni tentativi per adattare i popoli appena scoperti alla struttura ereditaria della storia cristiana furono effettivamente fatti. In particolare, come gli abitanti dell'America discendessero dai figli di Noè divenne oggetto di dibattito. Ma per la maggior parte, la cultura europea riaffermò (o almeno ne fece le mosse) le verità cristiane; esplorò nuovi campi di conoscenza, accumulò sempre più informazioni sul passato e su parti lontane della terra e schivò la questione di come sistemare insieme tutti i nuovi dati. Ciò avvenne fino al XVIII secolo, quando gli sforzi radicali per organizzare sistematicamente la conoscenza empirica (stimolata in parte dallo spettacolare successo di Newton in fisica e astronomia) iniziarono a riscuotere un evidente successo in campi come la botanica.

In questi stessi secoli, le tradizioni di apprendimento cinesi, musulmane e indiane avevano avuto molto più successo nel resistere alla sfida dall'esterno, migliorando a rispetto agli europei col rifiutare di prestare attenzione a informazioni nuove e discordanti. Quando alcuni pensatori illuminati idiosincratici, situati principalmente in Francia, iniziarono ad abbandonare del tutto la struttura della conoscenza cristiana ereditata, i guardiani della verità ereditata in Asia non ne furono entusiasti. Invece, i seri sforzi per far fronte a quella che eventualmente sarebbe diventata senza dubbio una conoscenza e un'abilità superiori degli europei, furono ritardati fino quasi ai nostri tempi.

Contro questa norma, la volatilità dell'apprendimento europeo in generale e della storiografia in particolare dovrebbe forse eccitare la nostra meraviglia. Perlomeno, non dovremmo disprezzare il tempo di ritardo ultrasecolare necessario per sistemare informazioni nuove e discrepanti. La professione storica persiste oggi nello stesso comportamento, rimanendo per lo più contenuto di funzionare (spesso inconsciamente) all'interno di un'interpretazione liberale della storia, risalente al diciannovesimo secolo, i cui principi, seppur apertamente affermati, per lo più imbarazzano perché nessuno ci crede più.

Vico (m. 1744), Voltaire (m. 1778), Gibbon (m. 1794) e Herder (m. 1803) sono stati i pionieri dello sforzo settecentesco per migliorare la struttura biblica ereditata della storia. Ciascuno a modo suo ha desacralizzato il passato, sebbene sia Vico che Herder fossero rimasti cristiani. Come Guicciardini e Machiavelli, presumevano che la volontà umana e le azioni modellassero gli eventi; a differenza dei loro predecessori fiorentini, essi impiegarono la macroistoria, trovando modelli di grande scala nel passato: ciclici, come fecero Vico e Herder; cumulativi e, almeno sporadicamente progressivi, come fecero Gibbon e Voltaire. La storia e la filosofia classiche giocarono un ruolo centrale nel modellare le loro prospettive. Solo Voltaire nella sua L’Essai sur les mœurs (1756)[2] prestò molta attenzione ai non-europei; e il suo elogio della Cina e il suo rispetto per i musulmani furono in gran parte ispirati dal suo disgusto per la chiesa cristiana. Quindi nulla che assomigliasse a una visione globale del passato emerse dagli sforzi del diciottesimo secolo per correggere l'interpretazione cristiana della storia; ma l'autonomia dell'azione umana fu affermata vigorosamente, con o senza un controllo divino ultimo, sempre più distante.

Questo compromesso tra eredità pagane e cristiane proseguì nel diciannovesimo secolo, quando prese forma la visione liberale della storia. Questo è ciò che si nasconde ancora sullo sfondo della storiografia americana contemporanea. L'idea centrale era abbastanza semplice: ciò che contava nella storia era l'avanzata sporadica ma ineluttabile della Libertà. Ciò permetteva agli storici nazionalisti di erigere una visione magnificamente eurocentrica del passato umano, poiché la Libertà (definita in gran parte in termini di istituzioni politiche) era unicamente a suo agio tra gli stati d'Europa, sia nei tempi antichi che in quelli moderni. Il resto del mondo, di conseguenza, si univa al mainstream della storia quando scoperto, colonizzato o conquistato dagli europei. Una storia globale sufficientemente falsa era facile da costruire in questo senso. Tuttavia, per la prima volta l'America, l'Australia, l'Africa e l'Asia trovavano un posto, di certo subordinato ma comunque significativo, nella storia del mondo, e l'intero globo diveniva un teatro per l'avanzata della Libertà umana.[3]

Nell'ambito del passato europeo, l'attenzione si concentrò su tempi e luoghi in cui la Libertà prosperava o affrontava sfide critiche. L'antichità classica, le invasioni barbariche, l'ascesa di istituzioni rappresentative nel Medioevo, il Rinascimento e la Riforma, l'Illuminismo e tutti i magnifici progressi del diciannovesimo secolo erano ciò che meritava di essere studiato; epoche di oscurità e dispotismo potevano essere adeguatamente ignorate poiché non avevano contribuito al flusso principale dei successi umani.

Gli Stati Uniti, ovviamente, godettero di un posto particolarmente privilegiato in questa versione della storia, poiché la Rivoluzione del 1776 e la Costituzione del 1789 furono i segnali dell'avanzata della Libertà; e l'espansione della ricchezza e del potere americani nel diciannovesimo e ventesimo secolo offrì un esempio altrettanto ovvio delle ricompense che la Libertà poteva portare ai suoi fedeli e favoriti praticanti. Questo, come ho detto, è ancora lo schema alla base della maggior parte dello studio professionale della storia negli Stati Uniti, anche se alcuni ribelli hanno capovolto tutto rendendo la malvagità dell'aggressione europea contro altri popoli il tema principale della storia moderna, mentre attaccano l’establishment maschilista bianco degli Stati Uniti per il suo sfruttamento non meno malvagio di varie popolazioni subordinate, sia in patria che all'estero.[4]

Ovviamente, questa visione liberale e progressiva della storia del mondo (così come la sua inversione capovolta) era un'ingenua secolarizzazione dell’epos cristiano. La libertà sostituiva Dio come attore superno governante; e i popoli liberi privilegiati svolgevano il ruolo terreno assegnato ai cristiani fedeli nel dramma divino della salvezza. Nella misura in cui la ricerca professionale della storia trova il suo significato in questi schemi (o nella sua inversione), rimaniamo chiaramente limitati dall'eredità cristiana, per quanto debole sia diventata nella coscienza contemporanea.

Note[modifica]

  1. Per questa sezione, e nell'ambito del capitolo, si vedano specialmente Robert Fox, Eyewitness to History, 4 voll., Folio Society, 2008; Gordon Graham, The Shape of the Past, Oxford University, 1997; John Tosh, The Pursuit of History, Pearson Education Limited, 2006, pp. 165segg.
  2. (IT) Voltaire, Saggio sui costumi e lo spirito delle nazioni, a cura di D. Felice, 2 voll., Einaudi ("I Millenni"), 2017.
  3. Rudolf Steiner, La filosofia della libertà, Mondadori, 1998, pp. 31-40 e segg.
  4. Steven M. Gillon e Cathy D. Matson, The American Experiment: A History of the United States, II ediz., 2006, passim.