Ceramica a Pisa

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Finalità[modifica]

Il presente contributo è un libro che tenta di fornire in forma didattica e in maniera chiara e concisa informazioni sulla storia della manifattura ceramica a Pisa, principalmente tra il XIII e il XVI secolo. L'idea dell'eBook è nata dall'incontro di una tesi di laurea triennale del corso Informatica Umanistica presso l'Università di Pisa e la mostra Pisa città della ceramica. Mille anni di economia e d’arte che ha avuto luogo in città dal 5 maggio al 5 novembre 2018. Il lavoro è stato seguito e coordinato dalle docenti universitarie Prof.ssa Enrica Salvatori e Prof.ssa Nicoletta Salvatori e dalla Dott.ssa Monica Baldassarri archeologa professionista e numismatica. Per il futuro si auspica una collaborazione con altri utenti per ampliare il libro approfondendo la produzione di vasellame a Pisa dell'età romana e del post Età Moderna fino al XIX secolo, momento in cui la produzione ceramica pisana comincia a scemare.

Struttura[modifica]

Il primo capitolo del libro tratta la produzione ceramica nel territorio pisano durante la fase di romanizzazione, quando questi cominciarono la guerra contro i Liguri e si stanziarono nei pressi del Portus Pisanus. Da qui arrivarono diverse merci per soddisfare i bisogni dell'esercito romano, tra cui alcuni tipi di recipienti ceramici contenenti derrate alimentari che stimolarono un'abbondante produzione. Viene poi esposta la produzione di vasellame tra il X e il XII secolo. Nel secondo capitolo si parla delle abbondanti importazioni di ceramica provenienti da tutto il Mediterraneo tra il X e il XIII-XIV secolo e dei loro usi da parte dei pisani. Il terzo capitolo tratta le tecniche di produzione ceramica adottate a Pisa in conseguenza ai contatti avuti con le ceramiche importate e con maestranze straniere che, venute in città nel corso del tempo, hanno trasmesso il sapere per l'uso di nuove tecnologie. Con il quarto capitolo si mostra dove i vasai pisani hanno stanziato le loro officine nel corso dei secoli e spiega la loro organizzazione lavorativa; nel quinto capitolo vengono esposti i luoghi di esportazione delle ceramiche prodotte in città.

Altri progetti[modifica]


Versioni stampabili[modifica]