ColoriAmo/Classificazione dei colori

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

Abbiamo già visto il tentativo di classificare i colori secondo le loro proprietà da parte di CheuvreI. Cerchiamo di capire un po' meglio come ciò è possibile.

Classificazione[modifica]

Colori primari[modifica]

I colori primari sono i colori che non possono essere creati da altri colori, infatti sono i colori scelti per produrre.

I colori primari sono: blu, rosso e giallo.

Colori secondari[modifica]

I colori secondari sono i colori che si creano dal miscuglio di due colori primari della stessa dose.

I colori secondari sono: viola, verde e arancione.

Colori terziari[modifica]

I colori terziari sono i colori che si creano dal miscuglio di due colori primari di diverse dosi.

I colori terziari sono: arancio giallastro, arancio rossastro, viola bluastro, viola rossastro ecc.

Colori complementari[modifica]

Cosa sono i colori complementari? Due luci colorate si dicono complementari quando, sommate (sintesi additiva), danno come risultato una luce acromatica bianca; ad esempio il viola è complementare del giallo perché rosso più blu fa viola, oppure il colore arancione è complementare del colore blu. Per comprendere meglio quali siano i colori complementari fra loro ci si può aiutare con un altro cerchio di colori, quello di Itten.

FarbkreisItten1961rettificatoPure.png


In questo cerchio al centro sono presenti in un triangolo i colori primari che a coppie, insieme, danno i colori secondari. Nel cerchio esterno un secondario e un primario, insieme danno un colore terziario.

Ora prova tu[modifica]

Abbiamo provato a riprodurre il cerchio di Itten. Ecco alcuni nostri risultati:

senzaminiatura
senzaminiatura
senzaminiatura
senzaminiatura


Ispirati da Cheuvrel e da itten abbiamo provato ad essere un po' più creativi e abbiamo ricostruito cerchi cromatici con alcuni oggetti che abbiamo trovato a portata di mano a scuola o a casa. Ecco alcuni risultati:

senzaminiatura
senzaminiatura
senzaminiatura
senzaminiatura
senzaminiatura
senzaminiatura

Colori caldi, freddi e neutri[modifica]

Proseguendo la nostra classificazione dei colori, possiamo vedere insieme anche alcune altre proprietà.

I colori si dividono anche in base alla loro temperatura:

  • i colori caldi sono i colori che sono associati al sole, come ad esempio il rosso, giallo e anche l'arancione
  • i colori freddi si associano alla neve, al mare, all'acqua ecc., e quindi sono il blu, il viola e il verde
  • i colori neutri invece sono i colori come il nero, il grigio e il bianco.

Colori adiacenti[modifica]

I colori adiacenti sono i colori che possono sembrare caldi o freddi in base a dove è collocato e in base al colore che è al suo fianco.

Ora prova tu[modifica]

Noi abbiamo giocato con i contrasti di Chevreul preparando su fogli bianchi da disegno quadrati di dimensioni 20 cm x 20 cm suddivisi in 25 quadrati più piccoli di lato lungo 4 cm. Per ogni quadrato abbiamo scelto un abbinamento tra quelli suggeriti da Chevreul che più ci piaceva realizzare e ne abbiamo apprezzato poi il risultato. Vi lasciamo alcuni nostri tentativi di accostamento di alcuni colori con cui ci siamo divertiti.

Contrasto caldo-freddo Contrasto chiaro-scuro Contrasto di qualità Contrasto di colori complementari Contrasto tra colori puri
CONTRASTO CALDO FREDDO.jpg
CONTRASTO CHIARO SCURO.jpg
CONTRASTO DI QUALITA'.jpg
CONTRASTO I COLORI COMPLEMENTARI.jpg
CONTRASTO DI COLORI PURI.jpg

"Colori" e "Non colori"[modifica]

Il nostro occhio percepisce solo una piccole parte delle onde emanate dalla luce, vede infatti solo uno spettro di luce e quindi 7 colori: il rosso, l’arancione, il giallo, il verde, l’azzurro, l’indaco e il violetto, cioè i sette colori dell'arcobaleno. Questi sono i "Colori", mentre il bianco e il nero sono considerati "Non colori".

Possiamo distinguere i colori per:

  • Tonalità: la tonalità è la qualità del colore.
  • Saturazione: la saturazione è l'intensità della tonalità del colore.
  • Luminosità: la luminosità è la quantità di luce che si presenta in una foto o in un'immagine.

Bibliografia[modifica]