Insubre/Nomi alterati

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

I nomi alterati, accrescitivi, diminutivi, vezzeggiativi e spregiativi, sono sempre tronchi a causa dei loro suffissi. I suffissi si aggiungono non al nome in sè, ma alla radice, eliminando quindi le desinenze (quali la -a del femminile) e le vocali eufoniche (derivanti dallo schwa), recuperando le lettere scomparse (quali r, l, d dopo vocali lunghe), subendo apofonie date dallo spostamento dell'accento (ad esempio, oeu ed o /o/, perdendo l'accento diventano o /u/).

Vengono qui elencati i suffissi maschili più frequenti. Per formare il femminile (non si può fare con il suffisso -oeu, eccetto che con la rarissima forma -oeula), si aggiunge normalmente la -a. Talvolta però anche sostantivi originariamente femminili utilizzano alterati maschili.

-on accrescitivo
-ott accrescitivo + vezzeggiativo/spregiativo
-in (ricordarsi pl.m. -itt!) diminutivo
-ett (ricordarsi pl.m. -itt!) diminutivo + vezzeggiativo
-ell diminutivo + vezzeggiativo
-oeu (solo m.) vezzeggiativo
-asc spregiativo (spesso in senso ironico/vezzeggiativo)
-usc spregiativo + diminutivo (si usa con cose/persone da poco)