Interpretazione della realtà/Sincronicità

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Schema sincronicità.png
Ingrandisci
Schema della sincronicità
Indice del libro

Sincronicità e significato[modifica]

Nel Capitolo precedente abbiamo visto che più che pensare alla realtà come uno stato statico, può essere utile pensarla come un processo, e forse anche un processo a cui partecipa l'osservatore: ha un ruolo attivo nel determinare ciò che è osservato. Questo è certamente vero nella fisica quantistica, dove la sovrapposizione quantistica non viene risolta finché non viene effettuata una misurazione. Il nostro modo classico di vedere il mondo ci porta a interpretarlo come molto più assoluto alla scala (più grande) in cui viviamo le nostre vite. Ma, come abbiamo visto nel Capitolo 4, i processi quantistici giocano un ruolo molto più importante nella nostra vita quotidiana di quanto normalmente pensiamo. Ad esempio, l'entanglement, in cui due sistemi quantistici interagiscono immediatamente e indipendentemente dalla loro distanza, è un concetto centrale nella fisica quantistica. Tuttavia, sembra sfidare la causalità, come siamo abituati a definirla (dove un evento che ne causa un altro deve sempre precederlo).

A causa dell'entanglement, il teletrasporto come in Star Trek – dove chiedi semplicemente di essere teletrasportato – è in realtà impossibile. I fisici pensavano che se smontavi un mucchio di molecole e le rimontavi esattamente nello stesso modo, avresti dovuto essere in grado di ricreare la persona. Ma non è così: anche se ricrei tutto, prendi tutte le molecole e le particelle di cui sei composto e le rimetti esattamente nello stesso posto, avrai dimenticato come tutte quelle particelle si erano intrecciate. Dovresti ricreare anche quello, incluso l'intero sistema di cui fai parte.

Noi siamo fisicamente coinvolti nel nostro ambiente fisico. Tuttavia, forse ci sono altre forme di entanglement a cui siamo soggetti senza rendercene conto. Abbiamo tutti avuto l'esperienza di coincidenze significative, quando le nostre intenzioni o sentimenti sembrano allinearsi con il mondo esterno.

Sincronicità nella vita quotidiana[modifica]

Nel nostro modo classico di vedere il mondo, l'unico legame tra gli eventi che prendiamo sul serio è quello causale, in cui un evento (attraverso l'esercizio di una forza fisica) ne provoca un altro. Ad esempio, (per aderire alla struttura atomica) quando una stecca colpisce una palla da biliardo e la fa scivolare sul tavolo verde, solo per scontrarsi con un'altra palla e inviarla sulla propria traiettoria. Chiamiamo questo tipo di connessione causale "causalità efficiente". Tuttavia, se in realtà siamo intrecciati nei nostri ambienti, ciò non consente connessioni istantanee che sono più che semplici coincidenze? Questo tipo di connessione istantanea e significativa è nota come sincronicità. Se si tratti in effetti di un fenomeno quantistico (o anche reale) è una questione aperta nella scienza. La sincronicità è davvero un bell'esempio. Se ti capita spesso, ti rendi conto che non c'è modo che possa essere solo una coincidenza. C'è una sorta di sensazione, di rilevamento in corso. Ed è una di quelle cose in cui puoi chiederti: me ne accorgo perché sono consapevole che il fenomeno esiste? O si verifica più spesso a causa di tutto ciò che ho fatto nella mia vita per diventare più aperto, più disponibile? Potresti anche chiederti se lo stai causando tu. Ci sono esempi, in particolare da esperienze in natura: Joseph Jaworski descrive un'esperienza nel suo libro, Synchronicity. The Inner Path of Leadership, in cui si trovava tra la natura, al mare, per diversi giorni e non era successo mai nulla. E mentre rifletteva sulla mancanza di azione, due balene saltarono fuori dall'acqua, esattamente in quel momento! Sembrava fosse il suo stato d'animo ad averlo causato.[1]

Il punto che voglio sottolineare è che ho la sensazione - non c'è niente di scientifico in questo, è semplicemente una mia sensazione – che per essere in grado di essere aperti al tipo di informazioni di cui abbiamo bisogno per la fase successiva, dobbiamo effettivamente essere aperti. È ciò che si chiama diventare "porosi".[2] Dobbiamo diventare porosi. Non c'è niente di razionale nell'ottenere tali informazioni, devono arrivare attraverso canali intuitivi. Questa è la mia esperienza, quello che provo comunque. Quando ho molte esperienze sincroniche, è segno che sono ben connesso. Succede qualcosa, e sono "in sincronia" (in sync). E se tale sync diminuisce di nuovo, è un segno per me stesso che devo fare qualcosa, che non sono più connesso. La nostra esperienza è che la meditazione aiuta davvero a rimanere allineati. Questo è anche ciò di cui parla Jaworski nel suo libro, essere aperti alle informazioni che sono là fuori.

Sincronicità nella maccanica quantistica[modifica]

In termini quantistici, la sincronicità è il trasferimento di informazioni istantaneamente, o almeno più velocemente della luce. Si riferisce a quando hai due regioni diverse e, per esempio, stai facendo esperimenti in entrambe le regioni su due particelle che provengono da una fonte comune. La domanda è se l'esito dell'esperimento lì può essere influenzato da ciò che l'osservatore sceglie di fare qui, da quale domanda si pone. Da sottolineare che il problema non è con la correlazione che trovi. Ad esempio, se hai due palle, una nera e una bianca, e guardi in quelle due regioni: se trovi una palla nera qui, saprai che c'è una palla bianca lì. Quello che trovi in ​​un posto è correlato con quello che trovi nell'altro posto. Tuttavia, queste due palle hanno anche una temperatura. Non sono solo colorate ma una di loro è riscaldata. Ora supponi per qualche motivo di non poter porre entrambe le domande contemporaneamente; di che colore è e che temperatura ha?[3] Quindi, il problema è se ciò che si osserva lì può dipendere dalla domanda che si pone qui. Sembra certamente ragionevole aspettarsi che la domanda che decidi di fare all'ultimo minuto qui non influisca in alcun modo su ciò che si osserva lì. Ma il fatto è che non puoi mantenere quella condizione di non-dipendenza. Si scopre che ciò che la natura sceglie lì non è indipendente da ciò che l'osservatore sceglie di misurare qui. Pertanto, questa è l'azione istantanea a distanza di cui parliamo in meccanica quantistica.

Ho già detto che siamo fisicamente coinvolti nel nostro ambiente. Siamo parte dello spazio che abitiamo. Ma anche la nostra memoria, tutto ciò che ci è successo, influenza il modo in cui siamo coinvolti nel nostro ambiente in senso quantomeccanico. Quindi, noi persone – e questo include la nostra coscienza – siamo molto più di un semplice gruppo di molecole che sono attaccate insieme. Dobbiamo prendere in considerazione l'ambiente e il nostro coinvolgimento in esso. E se lo fai, puoi immaginare che potrebbero esserci dei collegamenti tra te e ciò che sta accadendo altrove.

Nella corrispondenza tra Pauli e Jung, cercarono di tradurre la sincronicità e l'entanglement al livello della nostra vita quotidiana, per riconoscere connessioni non classiche, non causali.[4] Tentarono di usare connessioni non causali per spiegare il significato e l'intuizione. Penso che dobbiamo considerare l'entanglement nel pensare alla nostra realtà, nel senso che non sono completamente indipendente da ciò che mi circonda... È difficile immaginare come lo applicheresti nella vita quotidiana. Credo che il nostro mondo sia più quantomeccanico di quanto pensiamo.

Moto browniano di particelle solide in acqua

Quello che ho trovato affascinante di ciò che Pauli e Jung cercarono di fare è che hanno tentato di inventare una "teoria del tutto" completa che includesse tutti gli aspetti della realtà, non solo quelli tradizionalmente soggetti alla scienza. Anche in fisica: nella meccanica quantistica davvero la si può studiare solo dal punto in cui la si misura. Prima di quel momento, quando la misuri cambia il sistema, puoi teorizzare cosa significhi avere un vacuum con informazioni intrecciate, ma non puoi farci nulla, perché non puoi toccarlo.

Ma il bello è che puoi calcolare le conseguenze. Mi viene in mente l'ipotesi atomica nel diciannovesimo secolo. Questa era un'ipotesi che all'epoca non poteva essere verificata mediante misurazione, ma portò alla derivazione delle leggi della termodinamica e ogni sorta di altre conseguenze. Non devi misurarla direttamente, ma potrebbero esserci conseguenze misurabili che puoi misurare su un'altra scala. Einstein testò per la prima volta la teoria atomica studiando il moto browniano di grandi molecole in un liquido. Non puoi vedere le piccole molecole del liquido ma queste colpiscono le grandi molecole che si muovono in reazione. Dimostrò l'esistenza delle piccole molecole misurandone l'impatto su quelle più grandi.

Le nostre esperienze sincrone sono quantiche?[modifica]

Tutti abbiamo avuto esperienze sincrone, ma se siano o meno legate ai processi quantistici rimane una questione aperta. Una che è difficile da indagare, ma non necessariamente impossibile. E allora, ci sono prove di effetti quantistici a livello umano?

È stato affermato che ciò a cui un osservatore in un determinato luogo sta assistendo può essere comunicato a un'altra persona situata lontano. Sono stati sicuramente segnalati esperimenti di visione a distanza e, presumibilmente, il governo degli Stati Uniti spese molti soldi durante la Seconda Guerra Mondiale cercando di ottenere informazioni da visioni distanti come questa. Alcuni di questi spettatori distanti sarebbero stati presumibilmente in grado di andare in determinati luoghi e guardare in luoghi altamente segreti e riferire ciò che avevano visto. Non mi sento qualificato a dire se queste notizie siano vere o false, ma direi che è concepibile siano vere.

Quello che trovo complicato sulla differenza tra causalità e sincronicità è che sembra essere interamente dipendente dal fenomeno del tempo. L'unica cosa che distingue una connessione causale da una connessione sincrona è la sua tempistica. E se ci pensi dal punto di vista della relatività generale e dello spaziotempo, che ci dice che il tempo visto da una prospettiva diversa potrebbe essere altrettanto facilmente spazio, suggerisce che l'unica differenza potrebbe essere che stai tagliando l'onda di probabilità quantistica da un angolo diverso.

Pensiamo in modo estremamente causale nella nostra esistenza quotidiana. Tuttavia, ci sono tre diversi modi potenziali in cui gli eventi possono essere collegati: identità, causalità e sincronicità. Nell'identità, una cosa è un'altra, nel modo in cui Clark Kent è Superman. Ciò è più ovvio se abitano nella stessa posizione di spazio e tempo. Forse questo è ciò che sta accadendo nel caso di un corpo fisico e della coscienza: in realtà sono la stessa cosa, ma in questo taglio attraverso l'onda di probabilità sembrano un corpo indipendente e una mente indipendente. Se questo è vero, dire che il corpo o il cervello in qualche modo provocano la coscienza è impreciso.

La causalità, ci è troppo familiare. La sua regola più importante è che la causa dovrebbe avvenire prima della conseguenza nel tempo. È quindi completamente dipendente dal tempo. Ma se dovessi cambiare il modo in cui tagli lo spaziotempo, potrebbe essere che causa e conseguenza coincidano nel tempo e poi improvvisamente siano sincrone. Quindi, in realtà, è una questione aperta se queste tre cose – identità, causalità, sincronicità – siano diverse o se siano solo diverse manifestazioni della stessa connessione e la loro forma dipende dal modo in cui tagliamo l'onda di probabilità multidimensionale.[5]

Significato e sincronicità nella vita[modifica]

Tutti noi abbiamo avuto l'esperienza di eventi sincroni e, cosa interessante, spesso collegati a cose a cui attribuiamo un significato. Ma qual è veramente questo significato? In una realtà atomistica tenuta insieme da meri rapporti di causa-effetto, non sembra esserci posto per essa. Lo strano mondo della meccanica quantistica è diverso? Fornisce un meccanismo per attribuire un significato alle nostre vite?

Io vedo un legame tra sincronicità e significato, il fatto che entrambi trascendono il tempo ma sembrano legati l'uno all'altro. Emozioni e pensieri contengono possibilità di evolversi in altre forme, in altre possibilità. Ad esempio, quando ti senti arrabbiato e agisci di conseguenza sbattendo una porta e questo spaventa qualcun altro, e così via. La rabbia si converte in comportamento fisico e conseguenze materiali che contengono nuove e diverse possibilità. Quindi, in questo senso, le emozioni sono simili alla materia. Quello che sto dicendo è che emozioni e pensieri sono immateriali, ma se li guardi da lontano condividono le caratteristiche degli oggetti materiali. Ciò che determina la forma è l'esperienza. Materia e mente non sono poi così diverse. È sempre lo stesso ma in una forma diversa, una forma diversa ma con la stessa cosa al centro: le possibilità.

Penso che non ci sia un confine esatto tra qualcosa che è materia e qualcosa che è un concetto o un'esperienza. È un pacchetto, piuttosto che "solo materia da sperimentare". Fa tutto parte della stessa realtà, e quindi anche esperienze e concetti possono avere massa. Mi spiego: penso alla realtà come reificazione, dal latino: res significa "cosa", una cosa materiale. Se la realtà è veramente costruita a partire dall'informazione, allora le cose che hanno massa derivano dall'informazione. Le informazioni possono concretizzarsi in cose che hanno massa. Pertanto, se qualcosa è informazione, allora in linea di principio anche qualsiasi cosa può avere massa. Il significato può avere massa e peso, proprio come le onde di luce. Probabilmente non pesa molto, proprio come un raggio di luce non pesa quasi nulla. Ma quasi niente non è niente.

Electron cloud densitometry: La densitometria a nuvola di elettroni è una tecnologia interdisciplinare che utilizza i principi della meccanica quantistica mediante l'effetto di spostamento del fascio di elettroni. L'effetto è che il fascio di elettroni che passa attraverso la nuvola di elettroni cambia la sua intensità in proporzione alla densità di probabilità della nuvola di elettroni. Fornisce la visualizzazione diretta delle singole forme di atomi, molecole e legami chimici

Le possibilità non sembrano semplicemente "collassare" in una realtà fisica, ma anche negli aspetti più esperienziali di essa, inclusi significato e coscienza. Ci vuole più dell'equazione di Schrödinger per tradurre le possibilità in un'esperienza classica.

La meccanica quantistica è stata originariamente progettata per far fronte ai problemi delle particelle atomiche e dei piccoli oggetti. Il modo in cui viene descritta da Von Neumann è che noi esseri umani abbiamo un ruolo importante da svolgere nello sviluppo della realtà. In poche parole: si scopre che l'equazione di Schrödinger non è sufficiente per descrivere la natura. L'equazione di Schrödinger crea una descrizione del mondo che non corrisponde alle nostre esperienze. Non viviamo un mondo smeared-out, come predice. Se costruisci un dispositivo progettato per ingrandire le proprietà microscopiche in proprietà macroscopiche, ad esempio la posizione di un puntatore su un quadrante, l'equazione di Schrödinger dice che il puntatore sarà spalmato (= smeared-out) sull'intero quadrante. Ma noi esseri umani troviamo il puntatore in una posizione abbastanza ben definita. Quindi, si deve capire che questa transizione dalla descrizione spalmata, creata dall'equazione di Schrödinger, deve in qualche modo essere ridotta alla nostra esperienza di una realtà classica ben descritta.

Quindi il problema di fondo è: come avviene questo? La risposta è che l'osservatore pone una domanda alla natura. Ad esempio: la mia prossima esperienza sarà quella di vedere il puntatore spostarsi a destra? Allora, questa è una domanda sì/no: lo vedrò spostarsi a destra? E poi qualcosa che chiamiamo natura – o quella che Dirac chiamava natura – fa una scelta e si attualizza: è una risposta sì? vedo il puntatore che si sposta a destra, o è una risposta no? nel qual caso non vedrai il puntatore che si sposta a destra.

Mette l'osservatore umano nella posizione di fare scelte che gli permettono di essere un input causale nell'evoluzione del mondo. Ciò è in contrasto con la visione della meccanica classica newtoniana che l'ha preceduta: la meccanica classica dice che l'essere umano è solo un robot meccanico in un certo senso e che ogni sua azione è stata determinata alla nascita dell'universo. Ciò che attualmente osserva è solo un'evoluzione meccanica delle condizioni iniziali dell'universo. Al contrario, la meccanica quantistica è una descrizione molto comprensibile, dinamica e matematicamente rigorosa di come potrebbe funzionare l'universo e ci permette di avere una vita significativa. Mentre secondo la meccanica classica la vita non ha senso.

Pertanto, la meccanica quantistica, sebbene originariamente intesa semplicemente a fornire una comprensione dei fenomeni atomici, in realtà si rivela molto più di questo, vale a dire una descrizione di come operiamo noi esseri umani e di come ci adattiamo al mondo. Permette alle nostre vite di essere significative, perché fornisce un meccanismo attraverso il quale i valori umani possono essere iniettati nel mondo...

Note[modifica]

  1. Joseph Jaworski ha scritto il libro Synchronicity. The Inner Path of Leadership su come egli sia arrivato a notare e utilizzare gli eventi sincroni nella propria vita.
  2. Un termine (porous) preso in prestito dal filosofo canadese Charles Taylor, che descrive le persone come porose, che percepiscono se stesse come parte di un insieme più ampio di significato. I sé "schermati/tamponati", al contrario, percepiscono se stessi come separati da ciò che li circonda.
  3. I sistemi quantistici hanno coppie di proprietà che non possono essere misurate simultaneamente, come le proprietà delle onde e le proprietà delle particelle, o la posizione e il momentum (quantità di moto). Questo fenomeno è noto come complementarità.
  4. Carl Gustav Jung, il fondatore della psicoterapia junghiana, e Wolfgang Pauli, uno dei padri fondatori della meccanica quantistica (Premio Nobel 1945), corrispondevano sulla natura della realtà, cercando di collegare i domini "fisico" e "psichico". La loro corrispondenza è stata pubblicata in un libro intitolato Atom and Archetype, the Pauli/Jung letters 1932-1958, cur. C.A. Meier. Princeton University Press, 2014.
  5. C'è una lunga tradizione di pensare alla causalità in filosofia che risale ad Aristotele. Il filosofo riconobbe quattro diversi tipi di cause: materiale (il materiale di cui è fatto qualcosa), formale (la struttura o disegno), efficiente (la forza che fa esistere qualcosa) e finale (il suo scopo). Per un tavolo, la causa materiale potrebbe essere il legno, la causa formale il suo design, la causa efficiente il falegname, e la causa finale il godervisi un pasto.