Le farfalle diurne del Parco del Curone/La differenza tra farfalle diurne e farfalle notturne

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Le farfalle diurne[modifica]

Le antenne assomigliano a piccole clave perché sono strette ma terminano con un rigonfiamento. Le loro crisalidi non sono ricoperte dal bozzolo come invece lo sono quelle delle farfalle notturne. Al posto della bocca le farfalle hanno una specie di cannuccia che a riposo viene tenuta arrotolata sotto il capo forma una piccola spirale, per questo motivo si chiama spiritromba. Quando incontrano un fiore di loro gradimento le farfalle srotolano questa spiritromba e iniziano a succhiarne il nettare.


Le falene[modifica]

Il nome scientifico delle falene è Eteroceri significa “antenne diverse”. Se osserviamo infatti le antenne di queste farfalle (soprattutto i maschi) potremmo ammirare le forme più diverse e strane: alcune sembrano delle piume delicate, altre hanno la forma dei pettini e altre ancora assomigliano a bastoncelli.


Tratto da :Gli insetti Gianumberto Accinelli Eugeaedizioni

Principali differenze[modifica]

Volo: la maggior parte delle farfalle diurne vola durante il giorno; Le falene per lo più sono attive di notte anche se molte volano durante il giorno.

antenne: sono per lo più sottili e hanno una piccola escrescenza a forma di clava in punta; Diverse falene hanno antenne pelose e simili a pettini, si tratta di organi olfattivi che le aiutano a orientarsi.

Corpo: di solito è sottile e privo di peli; le falene in genere hanno un corpo un po più tozzo e lanuginoso.

Alimentazione: le farfalle usano una proboscide (spiritromba) per succhiare il nettare; è difficile trovare cibo durante la notte diverse falene adulte non si nutrono proprio e sono prive di bocca.

A riposo: la maggior parte delle farfalle riposa con le ali accostate; le falene generalmente riposano con le ali aperte a tetto sopra il corpo quasi orizzontale.

Pupa: la pupa di una farfalla detta crisalide ha un involucro protettivo rigido e spesso appeso a una foglia; le falene si impupano dentro un bozzolo di seta in genere sul terreno o sottoterra (non tutte però formano un bozzolo).