Peregrinaggio di tre giovani figliuoli del re di Serendippo/Dedica

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro


(IT)
«  Havend'io in questi giorni di caldo, clarissimo, et prestantissimo Signore, come per via di diporto, coll'aiuto d'uno carissimo amico mio dall'idioma Persiano nella lingua Italiana la presente operina traportata, tutto che ogni altra cosa più tosto io mi rivolgessi per lo pensiero, che di haver quella col mezzo della stampa à publicare; nondimeno vinto dalle persuasioni di cui grandemente mi ama, mi sono lasciato indurre à mandarla in luce. ma percioche mi è fatto intendere, che qui anco, si come nel paese mio avenir suole, de gl'obtrettatori, et maldicenti assai si ritruovano, iquali non sapendo de lor'ingegno al mondo frutto alcuno dimostrare, à fine che si creda, che anco eglino possano giudicare, il più delle fiate l'altrui fatiche biasimando, credonsi d'aggrandire; à ciò conosco io essermi necessario di ritrovare alcun riparo, assicurandomi in alcuna maniera dalle lor lingue il mio libricciuolo. il che agevolmente m'aveggio dovermi venir fatto, dedicandolo, et presentandolo alla clarissima Signoria vostra, fautrice perpetua di tutti i virtuosi. il cui nome sendo per le rare conditioni, che in lei sono, tanto celebre et illustre, mi rendo certo, che dalla lor maldicenza quelli sia per grandemente ispaventare: oltre che io anco un'altro beneficio ne verrò à conseguire, che sendole tanto ubligato, quant'io le sono per le molte cortesie, et amorevolezza, ch'ella ha verso di me in ogni tempo usata, ne potendole per la picciol fortuna mia segno alcuno di grato animo dimostrare, col dedicarle la presente mia fatica farò si, ch'ella si accerterà almeno, che, poscia che la gratitudine dell'animo io non le posso altrimenti far palese, conosco d'esserle tenuto, et ubligato dal dovero. restami dunque di riverentemente supplicarla à degnarsi di accettare il picciol mio dono con quell'animo, con che io gliel fo. in riconoscenza di che, et di molte altre cortesie ancora, che da lei ho in diversi tempi ricevute, tutto che debole soggetto io mi conosca, prometto a V. clarissima Signoria, et in questa città, et in qualunque altra parte del [p. x modifica]mondo, dove io m'habbia à capitare, di non havermi à ritrovare mai stanco di predicare le molti lodi, che in lei sono, et d'inalzare infino al cielo l'illustre, et honorato suo nome. et le bacio riverentemente le mani. il di primo d'Agosto MDLVII
Di V. Claris. S.
Ubligatissimo, et
affettionatissimo servitore,
Christoforo Armeno.


 »
(IT)
« Illustrissimo ed eccelso Signore, in questi giorni di calura ho tradotto per divertimento dalla lingua persiana in italiano questa piccola opera, con l'aiuto di un mio carissimo amico. Non mi sarebbe mai venuto in mente di stamparla e pubblicarla; ma a causa del suo affetto e della sua persuasione mi sono lasciato convincere a darla alla luce. Ma poiché mi è stato detto che anche qui, proprio come capita nel mio paese nativo, si trovano tanti detrattori e maldicenti che non riuscendo a mostrare nulla di valido creato da loro pensano il più delle volte di potersi dare importanza biasimando le fatiche altrui, per far credere di sapere anch'essi dare dei giudizi critici, mi è necessario trovare una garanzia che protegga in qualche modo il mio libricino dalle loro malelingue. Mi accorgo che posso farlo con facilità dedicandolo e presentandolo alla vostra illustrissima Signoria, che sostiene sempre i virtuosi. Sono certo che essendo il suo nome tanto celebre e illustre per le sue non comuni capacità costoro rimarranno assai spaventati delle loro maldicenze: e inoltre otterrò così un altro beneficio.  »
(Fonte: → Wikisource )