Vai al contenuto

Utente:LoStrangolatore/Stubs/Computer grafica/Guida per Inkscape

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Indice del libro
Panoramica sulle modalità di editing

A sinistra c'è un elenco di strumenti. Ognuno di questi cambia l'effetto del clic del mouse sull'area di disegno: per alcuni seleziona e sposta oggetti, tracciati e nodi; per altri crea oggetti; altri impostano alcune proprietà di un oggetto; e così via. Anche alcune estensioni (reperibili dal menu "Estensioni") creano oggetti.
L'oggetto si può, quindi, modificare con

  • i pulsanti caratteristici di ogni strumento (appaiono nella toolbar in alto a seconda dello strumento attualmente selezionato)
  • con le trasformazioni elencate nei menu (incluse alcune estensioni, reperibili dal menu "Estensioni").

Strumenti diversi permettono di modificare in modo diverso uno stesso oggetto, tramite i pulsanti che appaiono nella barra in alto. Per es., un tracciato si può modificare con gli strumenti

  • "Seleziona e trasforma oggetti": dimensioni, ribaltamento, ecc. Con il mouse si selezionano e spostano gli oggetti.
  • "Nodo": aggiungi/cancella nodi, aggiungi/cancella segmenti, ecc. Con il mouse si selezionano tracciati e si spostano i nodi.
  • "Tracciato": si può cambiare la forma del tracciato secondo alcuni pattern predefiniti. Con il mouse, se il tracciato non è chiuso, si possono aggiunge punti.

Dal menu "Modifica" >> "Editor XML" è accessibile un editor che modifica direttamente il file SVG, nodo per nodo. Sebbene la maggior parte delle modifiche sia più agevole farle con l'editor grafico, questo mezzo permette di svolgere con facilità compiti che altrimenti sarebbero difficili o impossibili da risolvere con l'editing grafico. Ad esempio,

  • l'ordine dei nodi nel file XML determina quali oggetti risultano davanti e quali dietro quando questi si sovrappongono e ha effetti su alcune funzioni di Inkscape (per es. la funzione "Tracciato" >> "Differenza"). Si può modificare solo cambiando l'ordine dei nodi nel file XML.
  • quando gli oggetti si sovrappongono, può essere impossibile selezionare quelli che sono dietro. In questo caso, l'editor XML permette di selezionarli nell'editor grafico semplicemente selezionando il rispettivo nodo XML.
  • ...
Plain SVG e Inkscape SVG

Inkscape permette di disegnare oggetti di diversi tipi: tracciati, ellissi, rettangoli, ecc. Questi, dal punto di vista del codice SVG, sono tutti tracciati. Pertanto, quando si disegna una figura che non è un tracciato, Inkscape non fa altro che memorizzarne i dati come se fosse un tracciato, aggiungendo inoltre le informazioni aggiuntive che la identificano precisamente come una figura.
Ad esempio, quando si disegna un'ellisse, Inkscape memorizza il tracciato che definisce l'ellisse come se fosse stato disegnato a mano, accompagnandolo con una scrittura che indica che si tratta di un'ellisse con un certo asse maggiore e un certo asse minore.
Queste informazioni aggiuntive sono specifiche di Inkscape e compatibili con la specifica SVG, anche se non contemplate da essa. Ciò è possibile perché lo standard permette di inserire informazioni personalizzate, che non sono elencate nella specifica SVG, e che non alterano graficamente il risultato. In altre parole, il codice SVG finale è corretto e ha la stessa resa grafica con e senza queste informazioni aggiuntive, per cui Inkscape (e i programmi con esso compatibili) considerano l'ellisse in quanto ellisse, ma gli altri programmi la vedranno solo come un tracciato.
Questo è importante quando il file SVG deve essere usato in un contesto in cui le informazioni aggiuntive di Inkscape non sono ammesse. Per questo motivo, esistono due opzioni di salvataggio: "Inkscape SVG", che salva le informazioni specifiche di Inkscape, così che la volta successiva gli oggetti potranno essere editati in quanto forme e non solo in quanto tracciati; e "Plain SVG", ovvero lo stesso disegno, privo di queste informazioni aggiuntive. è possibile convertire anche un singolo oggetto invece che tutto il disegno, con l'opzione di menu "Tracciato" >> "Da oggetto a tracciato".

Non (ancora) classificate

Con Inkscape ci sono tre modi per copiare un oggetto:

  • copia-incolla: crea una copia indipendente e la posiziona centrandola rispetto al puntatore del mouse;
  • duplica: crea una copia indipendente e la centra perfettamente rispetto all'originale (operazione ottenibile anche manualmente, usando il cpoia-incolla e i pulsanti di allineamento);
  • clone: crea una copia che riflette le proprietà dell'originale (nel senso che le modifiche apportate all'originale si riflettono nel clone). Per trasformare un clone in una copia indipendente si usa l'operazione "Scollega clone" dal menu "Modifica".

Come si usano i gradienti:

  • per cambiare il numero di punti del gradiente, andare sullo strumento "Gradiente", selezionare il gradiente di interesse, quindi cliccare sul pulsante "Modifica..." che appare nella toolbar in alto. Dalla finestra che appare è possibile aggiungere un nuovo passaggio con determinati valori di RGBA, oppure cancellare un passaggio dopo averlo selezionato nel disegno.
  • per cambiare il colore di uno dei punti del gradiente, selezionarlo nel disegno, quindi andare nella finestra "Riempimento e contorni".

Bibliografia[modifica]

Tutorial su Inkscape

Comandi "fissaggio" e "maschera" in Inkscape, spiegati bene: http://pigrezzo.wordpress.com/2011/02/13/inkscape-uso-dei-comandi-fissaggio-e-maschera/