A scuola con metodo/Scienze naturali

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Studiare scienze naturali[modifica]

A scuola L’attenzione è un elemento fondamentale da coinvolgere durante l’ascolto. Per riuscire al meglio in questa operazione cerca di mantenere il contatto visivo con l’interlocutore, avrai più possibilità di tenere la mente concentrata su ciò che sta dicendo. Inoltre potresti prendere appunti. Il quaderno degli appunti è un po’ come il diario personale ed è giusto che la sua organizzazione sia lasciata alla libertà degli studenti. È importante ricordare che prendere appunti non è un’operazione passiva ma un vero e proprio esercizio che aiuta ad ascoltare in modo attivo e ad operare una selezione e sintesi dei contenuti. In questa materia è molto importante acquisire un lessico completo e specifico per le diverse discipline: le scienze naturali si dividono in biologia, chimica e scienze della terra ed ognuna di queste sotto-materie presenta una propria terminologia e dunque un lessico specifico. Sarà compito dello studente assimilare le parole-chiave dei diversi ambiti e riportarle in modo corretto al docente facendo attenzione all'etimologia dei termini utilizzati. Lo studente quindi dovrà rielaborare i concetti chiave del libro e quelli indicati dal docente attraverso mappe concettuali o riassunti. È inoltre essenziale chiedere al docente chiarimenti a proposito dei termini specifici della disciplina. Un aiuto, spesso sottovalutato dagli studenti è rappresentato dalle figure e dai grafici presenti sul libro di testo che hanno la funzione di favorire la memorizzazione dei concetti e dalle didascalie che spesso forniscono dati aggiuntivi al tema svolto. Durante la lezione le domande ai compagni e le interrogazioni possono essere un continuo ripasso delle conoscenze assimilate. Gli esercizi svolti con l'aiuto del docente in classe rappresentano il punto di partenza per una corretta comprensione dei concetti: lo studente deve seguire tutti i passaggi fondamentali, ponendo delle domande dove l'esercizio non è chiaro.

A casa Durante lo studio a casa bisogna organizzare bene il proprio tempo, occorre studiare giorno per giorno integrando la spiegazione in aula e l’applicazione a casa; lo studio alternato a giusti momenti di pausa è molto efficace. Oltre ad organizzare bene il proprio tempo potrebbero essere utili delle tecniche per favorire la rielaborazione e la memorizzazione dei contenuti. Un'operazione efficace potrebbe essere quella di prendere appunti durante la lezione. Infatti, con essi, si inizia a scuola e si continua a casa perché le note scritte velocemente in classe hanno bisogno, poi, di essere riordinate e integrate. Possiamo ricavare nuove informazioni (su internet ad esempio) che sul libro non sono presenti e di conseguenza potremmo agevolare noi stessi quando andremo all'interrogazione.

In laboratorio Il lavoro nel laboratorio di scienze non deve essere considerato come un passatempo, ma come un momento di verifica della spiegazione che è stata fatta dal docente in classe. In laboratorio è bene prendere qualche appunto che servirà sia per le interrogazioni che per le spiegazioni fatte da noi studenti. Gli studenti DSA, verranno guidati durante gli esperimenti e nello studio verranno agevolati dalle mappe concettuali. Negli appunti si possono inserire anche dei disegni degli esperimenti che abbiamo fatto per ricordare meglio quando siamo a casa. All'interno del laboratorio oltre ad affinare il nostro metodo di studio possiamo anche avvicinarci di più alle nuove tecnologie. Le tappe fondamentali che servono per un metodo sperimentale sono:

  • Osservare un fenomeno;
  • Formulare una domanda e elaborare un'ipotesi con una possibile soluzione;
  • Verificare l'ipotesi.

Infine, se i risultati non confermano l'ipotesi, bisogna riesaminare l'esperimento per correggere gli eventuali errori nella procedura. [1]

Note[modifica]

  1. Consigli elaborati in classe con l'aiuto della docente