Equitazione/L'amazzone

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Parte I - L'equitazione normale o istintiva

Parte II - L'equitazione ragionata: l'addestramento del cavallo da sella con l'aiuto dei principi basati sull'esperienza dei maestri dell'arte equestre

Parte III - The scientific equitation

Parte IV - The defenses of the horse and their correction

Appendix

L'amazzone[modifica]

Per tutte le donne che, al giorno d’oggi, cavalcano con le gambe ai due lati della sella, tutti i principi e i metodi sono esattamente gli stessi di quelli validi per gli uomini. Questa trattazione, pertanto, riguarda solo le donne che fanno uso della sella da amazzone.

Un cavallo che dovrà essere montato da una donna dovrà abbinarsi appieno per quanto riguarda colore, conformazione, carattere, regolarità delle andature e affidabilità, con l’età, con la costituzione, con il carattere, con la posizione sociale e con le abilità equestri dell’amazzone. Infine dovrebbe essere ben domato, addestrato alla sella da amazzone e avvezzo a tutti gli oggetti in cui ci si imbatte usualmente in città o in campagna. Dovrebbe, inoltre, possedere due particolari qualità. La prima è che dovrebbe avanzare generosamente, senza che abbia bisogno di essere incitato continuamente e, allo stesso tempo, dovrebbe poter essere trattenuto e condotto senza troppo sforzo da parte dell’amazzone. La seconda è che dovrebbe avere il piede molto sicuro a tutte e tre le andature. E’ preferibile un cavallo con un passo lungo, generoso, comodo. Non bisogna prendere in considerazione un cavallo con tendenza a indietreggiare. L’amazzone, grazie all’appropriata semplicità dell’abito e alla sistemazione stabile del cappello e dei capelli, potrà beneficiare sia della comodità, sia dell’eleganza che, per un’amazzone, prende il posto della bellezza.


Montare[modifica]

Un cavallo che deve essere cavalcato da una donna deve essere addestrato a rimanere del tutto fermo al momento di montare, senza bisogno di aiuto da parte di un secondo assistente. L’amazzone si pone alla sinistra dell’animale, rivolta in avanti. La mano destra, appoggiata al secondo pomo della sella tiene le redini ad una lunghezza corretta in modo da poter sentire la bocca del cavallo.

IL MODO CORRETTO DI MONTARE PER UN’AMAZZONE

L’assistente si pone di fronte all’amazzone con il piede destro di fronte al sinistro, il suo corpo si piega in avanti e la sua mano sinistra si apre per accogliere il piede sinistro della donna, mentre la mano destra si posiziona all’altezza della vita o appena sotto la spalla sinistra. La mano sinistra dell’amazzone poggia sulla spalla destra dell’assistente. Quindi, uno dei due conta – uno, due, tre; e sull’ultimo numero l’assistente solleva la donna e ne sostiene il peso portando in avanti il piede sinistro accanto al destro. L’amazzone, da parte sua, agevolata da questo sostegno, si solleva, si gira di fianco e si siede sulla sella con entrambe le ginocchia verso sinistra. Quindi toglie la mano dal corno della sella, mentre l’assistente la aiuta a passare il ginocchio destro sopra il secondo corno, prendendo lo stivale destro nella mano sinistra. Quando il piede destro è sistemato, egli prende lo stivale sinistro all’altezza del tallone, gira in avanti la staffa e agevola la sistemazione del piede. Nel frattempo l’amazzone aggiusta le redini, tenendole o con una mano o con entrambe le mani. Come ultima cosa, l’assistente aiuta con le complicatezze di elastici e cinghie e passa la frusta all’amazzone.

Tutto questo deve essere fatto con cautela e precisione, senza movimenti bruschi o esitazioni. L’amazzone deve avvisare l’assistente nel caso in cui porti lo sperone allo stivale sinistro.

Le giovani allieve di solito montano da un appoggio in maneggio. Fare questo all’inizio è un errore, sebbene possa essere tollerato più tardi, dopo che hanno imparato a montare da terra. La colpa è del maestro d’equitazione che trascura il proprio dovere di insegnante.

I ragazzi di quattordici anni dovrebbero essere istruiti ad aiutare un’amazzone a montare; e non esito a dire che questa nozione è una parte essenziale di una buona educazione. Alcuni maestri raccomandano di porgere il piede destro invece del sinistro, perché lo ritengono più sicuro. Io ho provato in entrambi i modi e trovo che ci sia poca differenza. I punti essenziali sono la preparazione, l’abilità e la forza dell’assistente, che deve sollevare l’amazzone senza scossoni e senza spingere verso il posteriore, dal momento che questo potrebbe far perdere alla donna la presa della mano sul corno della sella o addirittura sbilanciarla all’indietro. L’assistente non “lancia” l’amazzone, ma la solleva con fermezza come se le sue mani fossero un gradino, nel momento in cui la gamba della donna si distende.

Un’amazzone può, tuttavia, montare da sola, allungando la staffa e poi una volta seduta riaccorciandola di nuovo. Può anche montare aiutandosi con una pietra, con un albero, con uno steccato o con un punto sopraelevato. Per fare questo, però, deve essere sicura del carattere e della docilità del suo cavallo. Io consiglio a tutte le giovani amazzoni di imparare a montare da sole.E’ un buon allenamento ed è spesso molto utile sia in caccia che in passeggiata.

Smontare[modifica]

Per smontare, l’amazzone ferma il suo cavallo, prende tutte le quattro redini nella mano destra, toglie il piede dalla staffa, solleva il ginocchio destro dalla sella e fa passare la gamba destra da sopra verso il lato sinistro, ruotando sul seggio. La sua mano destra, che tiene ancora le redini, a questo punto si appoggia sul secondo pomo. L’assistente, rimanendo dal lato sinistro del cavallo, prende con la sua mano destra la mano sinistra dell’amazzone e offre sostegno anche con la mano sinistra, mentre la donna si lascia scivolare al suolo, aiutandosi ancora con la mano destra appoggiata al secondo corno. Una donna agile può smontare in questo modo senza assistenza.

Smontare, come montare, dovrebbe essere fatto con decisione, ma senza movimenti bruschi.

E’ nel momento di montare che il cavallo percepisce per la prima volta l’abilità dell’amazzone, la sua sicurezza di sé e la sua abilità. Baucher e Fillis addestravano sempre i loro cavalli prima di farli montare dalle loro allieve donne. Io spesso lascio che le mie allieve comincino con cavalli che sono a stati solamente domati; e ho sempre avuto successo.

La posizione dell'amazzone[modifica]

L’amazzone, una volta montata, dovrebbe tenere la testa dritta e libera, facendola girare facilmente in tutte le direzioni senza che il resto del corpo ne risenta.

Gli occhi guardano in avanti fra le orecchie del cavallo e sempre nella direzione in cui l’animale procede.

Il corpo sopra la vita è diritto e mobile. Al di sotto della vita è fermo, ma senza essere rigido.

Le spalle sono tenute indietro e sulla stessa linea.

Le braccia cadono naturalmente, gli avambracci sono piegati e i gomiti sono tenuti vicino al corpo, ma non sono rigidi.

I polsi sono tenuti alla stessa altezza dei gomiti e a una distanza di quindici centimetri.

POSIZIONE CORRETTA DI UNA DONNA IN SELLA

Entrambe le mani tengono le redini, le dita sono chiuse con fermezza, le unghie delle due mani sono rivolte le une verso le altre e i pollici sono appoggiati sopra le redini.

La base della colonna vertebrale dell’amazzone è perpendicolare alla colonna vertebrale del cavallo e si trova precisamente nel centro della sella. Questo punto di contatto sostiene il peso, non solo della parte superiore del corpo, ma anche delle cosce e persino della parte della gamba al di sotto del ginocchio.

L’amazzone trova l’equilibrio e ammortizza i movimenti del cavallo, grazie al sostegno della base della colonna vertebrale sulla sella e grazie al contatto della parte interna del ginocchio destro con il secondo corno e al contatto della parte interna della coscia e del ginocchio della gamba sinistra con la sella. Il piede destro scende con naturalezza sulla sella, la punta è rivolta in avanti e un poco in basso, la parte esterna del polpaccio si appoggia al cuscinetto.

Il piede sinistro è inserito nella staffa, ma non vi si appoggia. La punta del piede è rivolta leggermente verso l’interno, quanto basta ad evitare che il polpaccio della gamba sinistra prema contro la sella, dal momento che questo tenderebbe a girare tutto il corpo verso sinistra.

POSIZIONE CORRETTA DI GAMBE E BRACCIA IN SELLA

Ulteriori dettagli della posizione in sella dell’amazzone si possono trovare nel mio libro, The Horsewoman, D. Appleton and Company, New York. La posizione che ho fin qui descritto è quella classica. Questa posizione è facilmente acquisibile se l’allieva comincia da giovane ad allenarsi con precisi esercizi di ginnastica a cavallo. Per avere un buon assetto deve essere in grado di mantenere questa posizione, in qualsiasi condizione, con il cavallo in movimento. Nessuna donna, giovane o adulta, può acquisire tale assetto esclusivamente dalla lettura di libri.Una donna ha bisogno dell’aiuto di un maestro, che, per di più, abbia una vasta esperienza. I principi dell’equitazione razionale e dell’equitazione scientifica sono gli stessi per la donna e per l’uomo, solo che la frusta dell’amazzone prende il posto della gamba destra dell’uomo.