Equitazione/L'equitazione ragionata

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Parte I - L'equitazione normale o istintiva

Parte II - L'equitazione ragionata: l'addestramento del cavallo da sella con l'aiuto dei principi basati sull'esperienza dei maestri dell'arte equestre

Parte III - The scientific equitation

Parte IV - The defenses of the horse and their correction

Appendix

L'equitazione ragionata[modifica]

L’equitazione ragionata è, in gran parte, dovuta a Baucher. Prima di lui, addirittura nell’antichità, senza dubbio l’uomo aveva intuito la necessità di una condizione di equilibrio da parte del cavallo e aveva tentato, senza successo, di ottenerla con diversi metodi, spesso complicati e implicanti una serie di movimenti e anche dispositivi meccanici.

Baucher, non solo ha ideato un sistema per ottenere la condizione di equilibrio, ma in più, nel suo L'Equitation Raisonnée, ha esposto i principi su cui si basa l’intera equitazione razionale.

In breve, essi sono:

  • La condizione di equilibrio non dipende dall’istinto del cavallo, ma, al contrario, è imposta dal cavaliere, sottoforma di un aumento dell’attività muscolare come risposta a stimoli da parte del cavaliere.
  • Il cavallo, costretto nella condizione di equilibrio dal cavaliere, si trova in uno stato di completa sottomissione e non può usare la sua forza per resistere al cavaliere, ma può comunque eseguire qualsiasi movimento naturale con il minimo impiego di energia.
  • Il peso dell’uomo, anch’esso in equilibrio sulla schiena del cavallo, è portato con il minimo sforzo possibile e con una facilità per la quale l’animale è evidentemente riconoscente al suo addestratore.

Dunque, è senz’altro vero che la grande potenza del cavallo è convogliata sotto il controllo intelligente dell’uomo solo in seguito all’addestramento, senza violenza e senza dolore fisico o morale. L’uno è sapiente, l’altro è forte. I due formano un’amichevole unità nella quale la bestia è sottomessa e felice. Dal momento che l’equitazione razionale segue una serie di esercizi progressivi, in cui il più avanzato si basa su quello che lo precede, è fondamentale che lo stesso cavaliere usi lo stesso cavallo per il tempo necessario a completare il suo addestramento.

Un animale sano e ben conformato, vivace, ma con buon carattere sarà il più facile da addestrare. Dovrebbe essere utilizzata una briglia completa con un morso di media durezza, un filetto Baucher, barbozzale e falso barbozzale. Il lavoro da terra necessita di una frusta lunga circa un metro. Più tardi durante l’addestramento, quando il cavallo verrà montato, saranno necessari gli speroni. Una sella inglese di seconda mano, ben tenuta, è meglio di una nuova.

Poiché l’equitazione razionale ha lo scopo di insegnare al cavaliere sia come addestrare il suo cavallo, sia come cavalcare un cavallo già addestrato, risulta essere utile per i maestri d’equitazione professionisti, per gli addestratori e per tutti i civili. Tuttavia, la teoria e la pratica dell’equitazione razionale possono essere di beneficio solo dopo parecchi anni di equitazione “abituale”.

Baucher, in origine, ha scritto il suo metodo per gli ufficiali di cavalleria e altri professionisti e i suoi principi sono molto complicati da seguire per un dilettante. Tuttavia, io ho insegnato l’equitazione razionale a molti cavalieri dilettanti sia uomini che donne. Ho, inoltre, semplificato la parte teorica di Baucher e reso più chiari i suoi metodi, così che l’intero sistema sia usufruibile da dilettanti e professionisti nello stesso modo.